domenica 03 03 24
spot_img
HomeFrontpageRebus modulo per Inzaghi: 3-5-2 con Dia fuori o 4-2-3-1 con Kastanos...
spot_img

Rebus modulo per Inzaghi: 3-5-2 con Dia fuori o 4-2-3-1 con Kastanos in panchina?

spot_imgspot_img

In occasione della gara di domenica, la Salernitana potrebbe recuperare Dia e Tchaouna, la cui presenza andrebbe a creare scomodi ballottaggi e dubbi sul modulo.

Nuovo modulo per la Salernitana?

La Salernitana sembra aver trovato un buon assetto tornando al modulo di partenza, il 3-5-2. Solitamente squadra che vince non si cambia, ma i recuperi di Dia e Tchaouna potrebbero far vacillare questo dogma. Ovviamente, si tratta di calciatori che possono fare la differenza e sarebbe assurdo mettere in dubbio il loro impiego (soprattutto per quel che riguarda Dia). Però Inzaghi ha ricevuto ottimi segnali dal tandem CandrevaIkwuemesi, e Kastanos ha disputato un’ottima gara contro la Lazio, andando anche in gol. Quindi, se prima di Salernitana-Lazio sembrava ovvio tornare al 4-2-3-1 con il rientro degli infortunati, ora la situazione è radicalmente diversa.


Potrebbe interessarti anche:


I possibili scenari

Sembra probabile che, almeno in avvio di gara, Inzaghi possa riproporre il 3-5-2 della scorsa settimana. Infatti, anche se riuscissero ad essere convocati, difficilmente Dia e Tchaouna avrebbero i 90′ nelle gambe. Più probabile, quindi, un loro ingresso a partita in corso (sempre che riescano ad essere presenti). A quel punto, se il risultato non dovesse essere favorevole, Inzaghi potrebbe passare al più offensivo 4-2-3-1, privandosi di Kastanos e di uno dei due quinti.

I ballottaggi futuri

Questa situazione potrebbe andare a creare dei ballottaggi scomodi in futuro. Se si dovesse rimanere sul 3-5-2, ci sarebbero solo due posti in attacco ed il minutaggio di Tchaouna potrebbe risentirne, causa concorrenza. Dia, Candreva ed Ikwuemesi sarebbero, di certo, le alternative migliori, mentre il giovane francese potrebbe diventare una carta da giocarsi a gara in corso. Il 4-2-3-1 è l’unico modulo che potrebbe permettere a Inzaghi di far scendere in campo tutti e quattro i suoi attaccanti, ma dovrebbe privarsi di Kastanos. Insieme al cipriota, Bradaric sarebbe l’altro calciatore penalizzato dal nuovo modulo, essendo poco efficace in fasa difensiva. Ora la palla passa a Pippo Inzaghi.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
- Advertisment -spot_imgspot_img

Notizie popolari

spot_img

Rebus modulo per Inzaghi: 3-5-2 con Dia fuori o 4-2-3-1 con Kastanos in panchina?

spot_imgspot_img

In occasione della gara di domenica, la Salernitana potrebbe recuperare Dia e Tchaouna, la cui presenza andrebbe a creare scomodi ballottaggi e dubbi sul modulo.

Nuovo modulo per la Salernitana?

La Salernitana sembra aver trovato un buon assetto tornando al modulo di partenza, il 3-5-2. Solitamente squadra che vince non si cambia, ma i recuperi di Dia e Tchaouna potrebbero far vacillare questo dogma. Ovviamente, si tratta di calciatori che possono fare la differenza e sarebbe assurdo mettere in dubbio il loro impiego (soprattutto per quel che riguarda Dia). Però Inzaghi ha ricevuto ottimi segnali dal tandem CandrevaIkwuemesi, e Kastanos ha disputato un’ottima gara contro la Lazio, andando anche in gol. Quindi, se prima di Salernitana-Lazio sembrava ovvio tornare al 4-2-3-1 con il rientro degli infortunati, ora la situazione è radicalmente diversa.


Potrebbe interessarti anche:


I possibili scenari

Sembra probabile che, almeno in avvio di gara, Inzaghi possa riproporre il 3-5-2 della scorsa settimana. Infatti, anche se riuscissero ad essere convocati, difficilmente Dia e Tchaouna avrebbero i 90′ nelle gambe. Più probabile, quindi, un loro ingresso a partita in corso (sempre che riescano ad essere presenti). A quel punto, se il risultato non dovesse essere favorevole, Inzaghi potrebbe passare al più offensivo 4-2-3-1, privandosi di Kastanos e di uno dei due quinti.

I ballottaggi futuri

Questa situazione potrebbe andare a creare dei ballottaggi scomodi in futuro. Se si dovesse rimanere sul 3-5-2, ci sarebbero solo due posti in attacco ed il minutaggio di Tchaouna potrebbe risentirne, causa concorrenza. Dia, Candreva ed Ikwuemesi sarebbero, di certo, le alternative migliori, mentre il giovane francese potrebbe diventare una carta da giocarsi a gara in corso. Il 4-2-3-1 è l’unico modulo che potrebbe permettere a Inzaghi di far scendere in campo tutti e quattro i suoi attaccanti, ma dovrebbe privarsi di Kastanos. Insieme al cipriota, Bradaric sarebbe l’altro calciatore penalizzato dal nuovo modulo, essendo poco efficace in fasa difensiva. Ora la palla passa a Pippo Inzaghi.

spot_img
- Advertisment -spot_imgspot_img

Notizie popolari

Rebus modulo per Inzaghi: 3-5-2 con Dia fuori o 4-2-3-1 con Kastanos in panchina?

spot_img

In occasione della gara di domenica, la Salernitana potrebbe recuperare Dia e Tchaouna, la cui presenza andrebbe a creare scomodi ballottaggi e dubbi sul modulo.

Nuovo modulo per la Salernitana?

La Salernitana sembra aver trovato un buon assetto tornando al modulo di partenza, il 3-5-2. Solitamente squadra che vince non si cambia, ma i recuperi di Dia e Tchaouna potrebbero far vacillare questo dogma. Ovviamente, si tratta di calciatori che possono fare la differenza e sarebbe assurdo mettere in dubbio il loro impiego (soprattutto per quel che riguarda Dia). Però Inzaghi ha ricevuto ottimi segnali dal tandem CandrevaIkwuemesi, e Kastanos ha disputato un’ottima gara contro la Lazio, andando anche in gol. Quindi, se prima di Salernitana-Lazio sembrava ovvio tornare al 4-2-3-1 con il rientro degli infortunati, ora la situazione è radicalmente diversa.


Potrebbe interessarti anche:


I possibili scenari

Sembra probabile che, almeno in avvio di gara, Inzaghi possa riproporre il 3-5-2 della scorsa settimana. Infatti, anche se riuscissero ad essere convocati, difficilmente Dia e Tchaouna avrebbero i 90′ nelle gambe. Più probabile, quindi, un loro ingresso a partita in corso (sempre che riescano ad essere presenti). A quel punto, se il risultato non dovesse essere favorevole, Inzaghi potrebbe passare al più offensivo 4-2-3-1, privandosi di Kastanos e di uno dei due quinti.

I ballottaggi futuri

Questa situazione potrebbe andare a creare dei ballottaggi scomodi in futuro. Se si dovesse rimanere sul 3-5-2, ci sarebbero solo due posti in attacco ed il minutaggio di Tchaouna potrebbe risentirne, causa concorrenza. Dia, Candreva ed Ikwuemesi sarebbero, di certo, le alternative migliori, mentre il giovane francese potrebbe diventare una carta da giocarsi a gara in corso. Il 4-2-3-1 è l’unico modulo che potrebbe permettere a Inzaghi di far scendere in campo tutti e quattro i suoi attaccanti, ma dovrebbe privarsi di Kastanos. Insieme al cipriota, Bradaric sarebbe l’altro calciatore penalizzato dal nuovo modulo, essendo poco efficace in fasa difensiva. Ora la palla passa a Pippo Inzaghi.

spot_img

Notizie popolari