venerdì 11 11 22
HomeFrontpageSalernitana-Hellas Verona, la partita dei tifosi

Salernitana-Hellas Verona, la partita dei tifosi

- Advertisment -spot_img

La gara tra Salernitana ed Hellas Verona sarà ricordata per molto tempo dai tifosi di entrambe le compagini ma per motivi diametralmente opposti. Di seguito il racconto del match giocato sugli spalti.

Salernitana Hellas Verona, festa dei tifosi granata

Gli uomini di Nicola, reduci da una pesante sconfitta in esterna, erano alla ricerca del riscatto dinanzi al proprio pubblico e sono riuscito a trovare la vittoria contro un Hellas Verona che ha dato filo da torcere ai granata fino al 94′.

Come al solito i tifosi granata hanno risposto presente nonostante il momento no della squadra, difatti in circa 16mila erano assiepati sulle tribune dello stadio “Arechi”, poco più di 300 erano di fede gialloblù.

Oltre alla grande passione che contraddistingue la torcida campana hanno giocato un ruolo fondamentale anche la rivalità con la squadra scaligera e l’orario comodo per i lavoratori, che hanno scongiurato l’ipotesi di uno stadio spoglio in una gara fondamentale in ottica salvezza.

Tuttavia, anche questa volta l’organizzazione ha lasciato a desiderare, difatti si sono registrati numerosi disagi all’estero dell’impianto di via Allende con lunghissime code soprattutto agli ingressi della Curva Sud Siberiano che hanno costretto alcuni sostenitori ad entrare a gara in corso.

Tornando al tifo, quello granata ha scaldato i giocatori in campo a partire dal primo minuto con lo storico “State tutti attenti che…”. Successivamente dalla stessa Curva Sud sono partite le consuete canzoni di sfottò all’indirizzo dei veronesi, i quali hanno stentato ad alzare i decibel forse anche a causa del vantaggio targato Piątek.


Potrebbe interessarti anche:


In seguito il rigore negato all’Hellas ha risvegliato l’intero stadio che ha spinto Botheim e compagni verso il gol, arrivato solamente al 94′. I tifosi granata hanno vissuto minuti di recupero da assoluti protagonisti, da registrare anche un invasore che ha percorso l’intera lunghezza del terreno di gioco per arrivare nei pressi del settore ospiti prima di essere fermato dagli addetti alla sicurezza.

Per lui scatterà la diffida nelle prossime ore. Dunque, è scoppiata la festa dentro e fuori lo stadio al fischio finale con un ritrovato entusiasmo che fa bene all’intero ambiente Salernitana.

- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

Notizie popolari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: