giovedì 10 11 22
HomeFrontpageIn vista di Inter-Salernitana: l'Inter di Inzaghi tra idea di gioco e...

In vista di Inter-Salernitana: l’Inter di Inzaghi tra idea di gioco e probabile formazione

- Advertisment -spot_img

La 10ª giornata di Serie A è ormai alle porte. La Salernitana dopo la vittoria last-minute per 2-1 guadagnata contro l’Hellas Verona dovrà vedersela contro l’Inter di Simone Inzaghi, reduce dal confronto contro i blaugrana di Xavi nel match, ricco di emozioni, finito per 3-3 al “Camp Nou”.

In vista di Inter-Salernitana: consapevolezza e idea di gioco

L’Inter archivia il capitolo Barcellona acquisendo una maggiore consapevolezza nei propri mezzi, dopo aver mostrato grinta e spirito di sacrificio, ma anche un maggiore rammarico per non aver portato la vittoria a casa nel frenetico match conclusosi per 3-3 al “Camp Nou”. Ora testa alla Serie A dove la squadra di Inzaghi dovrà vedersela contro la Salernitana allenata da mister Davide Nicola.


Ti potrebbero interessare anche:


Nella partita che si svolgerà nella giornata di domani, domenica 16 ottobre alle ore 12:30 allo stadio “San Siro”, Inzaghi partirà dal 1′ con il suo solito 3-5-2, modulo di riferimento che il tecnico piacentino ha dimostrato di saper maneggiare a seconda delle caratteristiche della rosa a disposizione.

Per comprendere ancora di più come la sua idea di gioco sia stata adattata a quella attuale può essere presa in analisi ciò che di buono e stato fatto nella sua precedente esperienza alla Lazio. Nelle trafila dei Biancocelesti l’attuale mister nerazzurro prediligeva, anche per caratteristiche individuali dei giocatori, un atteggiamento conservativo fatto di reparti compatti, dove la costruzione partiva molte volte dal basso, pressione non troppo costante e transizioni veloci da parte degli interni di centrocampo.

In questi mesi all’Inter ha dimostrato di saper lavorare anche con principi di gioco differenti, per valorizzare le caratteristiche in campo, come costruzione dal basso, rotazioni e pressione alta e costante. Tra alti e bassi la squadra di Inzaghi ha dimostrato di non essere perfetta. Basti guardare le ultime partite dello scorso campionato e l’inizio non troppo esaltante di quest’anno.

Se viene però preso in esame il match contro il Barcellona si intravede come: gli uomini di Inzaghi in fase difensiva mostrino attenzione nelle marcature, arrivando a raddoppiare gli avversari nei momenti in cui gli uomini di Xavi effettuavano un pressing veloce e asfissiante sopperendo, per quanto possibile, alla compagine avversaria (immagine 1). In fase difensiva si mette in evidenza la doppia linea tra centrocampo e difesa che costringe gli avversari a delle conclusioni non irresistibili (immagine 2).

immagine 1
immagine 2

In fase di attacco i meneghini sono precisi negli anticipi, riuscendo ad intercettare le linee di passaggio e ribaltando l’azione da difensiva a offensiva.

La probabile formazione dell’Inter

La probabile formazione dei nerazzurri vedrà, con molta probabilità, qualche cambio rispetto al match di Champions League, spazio quindi ad: Onana in porta; terzetto difensivo composto da Skriniar, De Vrij e Acerbi; sugli esterni, a destra Dumfries e a sinistra Gosens; a centrocampo Barella, Asllani e Calhanoglu; in attacco, con l’assenza di Lukaku, riconfermati Dzeko e Lautaro con Correa che scalpita nelle retrovie.

- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

Notizie popolari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: