giovedì 22 02 24
spot_img
HomeFrontpageSalernitana: domani c'è il Genoa in Coppa Italia
spot_img

Salernitana: domani c’è il Genoa in Coppa Italia

spot_imgspot_img

Domani, 14 dicembre alle 21, la Salernitana scenderà in campo al “Ferraris” contro il Genoa. La partita è valida per il passaggio agli ottavi di finale di Coppa Italia. Ma come arrivano i rossoblù all’incontro?

Salernitana: anche il Genoa è in crisi

Quello che sarebbe a tutti gli effetti uno scontro salvezza in campionato, diventa una partita da dentro o fuori in Coppa Italia. Genoa-Salernitana vede opporsi due squadre in profonda crisi. I granata occupano l’ultimo posto in classifica; i grifoni, invece, si trovano al 18esimo, a pari punti con il Cagliari.

Il club ligure sperava di cambiare passo dopo l’esonero di Davide Ballardini, ma così non è stato. Dall’arrivo di Ševčenko i risultati e i numeri maturati sono da horror: con l’ucraino in panchina quattro sconfitte e un pareggio. Ma a sconcertare maggiormente sono i dati che riguardano le reti messe a segno: soltanto una. I gol subiti sono, invece, dieci. A preoccupare sono i tiri in porta: otto in cinque partite.

Non aiutano i numerosi infortuni che stanno tartassando i genovesi, ma lo stesso si potrebbe dire per la Salernitana. Sono tanti, dunque, i punti in comune tra le due compagini e, domani, il match potrebbe servire per dare un’iniezione di fiducia utile anche ad una possibile svolta in Serie A.

L’ultima partita del Genoa

I rossoblù giungono al match contro la Salernitana in un periodo di forma pessimo. Il club campano non se la passa affatto bene, l’ultima vittoria è arrivata il 26 ottobre in laguna contro il Venezia (1-2). Il Genoa è messo peggio: non vede i tre punti addirittura dal 12 settembre, quando vinse 2-3 in casa del Cagliari.

Nell’ultima giornata di Serie A i prossimi avversari dei granata hanno affrontato la Sampdoria nel derby della Lanterna. I blucerchiati si sono imposti per 1-3. Il Genoa ha provato a reagire dopo la sconcertante prestazione vista contro la Juventus (30% possesso palla, 0 tiri totali), ma nulla di fatto.

A dare, forse, un po’ di coraggio ai grifoni c’è la prima rete segnata dopo più di un mese. L’ultimo gol risaliva, infatti, al 5 novembre, nel match contro l’Empoli, pareggiato 2-2. La marcatura di Destro, tornato dopo l’infortunio, è servita solo ad accorciare le distanze contro i cugini rivali, in un derby che non è stato mai in discussione.

Importante notare che il Genoa, nelle ultime tre partite (tutte perse), ha sempre subito il primo gol del match entro i primi dieci minuti di gioco: contro il Milan, Ibrahimovic al 10′; contro la Juventus, Cuadrado al 9′; contro la Sampdoria, Gabbiadini al 7′.

Curioso che proprio in questo momento preoccupante per le due formazioni arrivi una partita secca, decisiva per un passaggio del turno. La posta in palio è, però, più ampia. Non solo gli ottavi di finale di Coppa Italia, ma anche la voglia di riprendersi dopo un momento da dimenticare che sta durando da troppo tempo.


Potrebbe interessarti anche:

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
- Advertisment -spot_imgspot_img

Notizie popolari

spot_img

Salernitana: domani c’è il Genoa in Coppa Italia

spot_imgspot_img

Domani, 14 dicembre alle 21, la Salernitana scenderà in campo al “Ferraris” contro il Genoa. La partita è valida per il passaggio agli ottavi di finale di Coppa Italia. Ma come arrivano i rossoblù all’incontro?

Salernitana: anche il Genoa è in crisi

Quello che sarebbe a tutti gli effetti uno scontro salvezza in campionato, diventa una partita da dentro o fuori in Coppa Italia. Genoa-Salernitana vede opporsi due squadre in profonda crisi. I granata occupano l’ultimo posto in classifica; i grifoni, invece, si trovano al 18esimo, a pari punti con il Cagliari.

Il club ligure sperava di cambiare passo dopo l’esonero di Davide Ballardini, ma così non è stato. Dall’arrivo di Ševčenko i risultati e i numeri maturati sono da horror: con l’ucraino in panchina quattro sconfitte e un pareggio. Ma a sconcertare maggiormente sono i dati che riguardano le reti messe a segno: soltanto una. I gol subiti sono, invece, dieci. A preoccupare sono i tiri in porta: otto in cinque partite.

Non aiutano i numerosi infortuni che stanno tartassando i genovesi, ma lo stesso si potrebbe dire per la Salernitana. Sono tanti, dunque, i punti in comune tra le due compagini e, domani, il match potrebbe servire per dare un’iniezione di fiducia utile anche ad una possibile svolta in Serie A.

L’ultima partita del Genoa

I rossoblù giungono al match contro la Salernitana in un periodo di forma pessimo. Il club campano non se la passa affatto bene, l’ultima vittoria è arrivata il 26 ottobre in laguna contro il Venezia (1-2). Il Genoa è messo peggio: non vede i tre punti addirittura dal 12 settembre, quando vinse 2-3 in casa del Cagliari.

Nell’ultima giornata di Serie A i prossimi avversari dei granata hanno affrontato la Sampdoria nel derby della Lanterna. I blucerchiati si sono imposti per 1-3. Il Genoa ha provato a reagire dopo la sconcertante prestazione vista contro la Juventus (30% possesso palla, 0 tiri totali), ma nulla di fatto.

A dare, forse, un po’ di coraggio ai grifoni c’è la prima rete segnata dopo più di un mese. L’ultimo gol risaliva, infatti, al 5 novembre, nel match contro l’Empoli, pareggiato 2-2. La marcatura di Destro, tornato dopo l’infortunio, è servita solo ad accorciare le distanze contro i cugini rivali, in un derby che non è stato mai in discussione.

Importante notare che il Genoa, nelle ultime tre partite (tutte perse), ha sempre subito il primo gol del match entro i primi dieci minuti di gioco: contro il Milan, Ibrahimovic al 10′; contro la Juventus, Cuadrado al 9′; contro la Sampdoria, Gabbiadini al 7′.

Curioso che proprio in questo momento preoccupante per le due formazioni arrivi una partita secca, decisiva per un passaggio del turno. La posta in palio è, però, più ampia. Non solo gli ottavi di finale di Coppa Italia, ma anche la voglia di riprendersi dopo un momento da dimenticare che sta durando da troppo tempo.


Potrebbe interessarti anche:

spot_img
- Advertisment -spot_imgspot_img

Notizie popolari

Salernitana: domani c’è il Genoa in Coppa Italia

spot_img

Domani, 14 dicembre alle 21, la Salernitana scenderà in campo al “Ferraris” contro il Genoa. La partita è valida per il passaggio agli ottavi di finale di Coppa Italia. Ma come arrivano i rossoblù all’incontro?

Salernitana: anche il Genoa è in crisi

Quello che sarebbe a tutti gli effetti uno scontro salvezza in campionato, diventa una partita da dentro o fuori in Coppa Italia. Genoa-Salernitana vede opporsi due squadre in profonda crisi. I granata occupano l’ultimo posto in classifica; i grifoni, invece, si trovano al 18esimo, a pari punti con il Cagliari.

Il club ligure sperava di cambiare passo dopo l’esonero di Davide Ballardini, ma così non è stato. Dall’arrivo di Ševčenko i risultati e i numeri maturati sono da horror: con l’ucraino in panchina quattro sconfitte e un pareggio. Ma a sconcertare maggiormente sono i dati che riguardano le reti messe a segno: soltanto una. I gol subiti sono, invece, dieci. A preoccupare sono i tiri in porta: otto in cinque partite.

Non aiutano i numerosi infortuni che stanno tartassando i genovesi, ma lo stesso si potrebbe dire per la Salernitana. Sono tanti, dunque, i punti in comune tra le due compagini e, domani, il match potrebbe servire per dare un’iniezione di fiducia utile anche ad una possibile svolta in Serie A.

L’ultima partita del Genoa

I rossoblù giungono al match contro la Salernitana in un periodo di forma pessimo. Il club campano non se la passa affatto bene, l’ultima vittoria è arrivata il 26 ottobre in laguna contro il Venezia (1-2). Il Genoa è messo peggio: non vede i tre punti addirittura dal 12 settembre, quando vinse 2-3 in casa del Cagliari.

Nell’ultima giornata di Serie A i prossimi avversari dei granata hanno affrontato la Sampdoria nel derby della Lanterna. I blucerchiati si sono imposti per 1-3. Il Genoa ha provato a reagire dopo la sconcertante prestazione vista contro la Juventus (30% possesso palla, 0 tiri totali), ma nulla di fatto.

A dare, forse, un po’ di coraggio ai grifoni c’è la prima rete segnata dopo più di un mese. L’ultimo gol risaliva, infatti, al 5 novembre, nel match contro l’Empoli, pareggiato 2-2. La marcatura di Destro, tornato dopo l’infortunio, è servita solo ad accorciare le distanze contro i cugini rivali, in un derby che non è stato mai in discussione.

Importante notare che il Genoa, nelle ultime tre partite (tutte perse), ha sempre subito il primo gol del match entro i primi dieci minuti di gioco: contro il Milan, Ibrahimovic al 10′; contro la Juventus, Cuadrado al 9′; contro la Sampdoria, Gabbiadini al 7′.

Curioso che proprio in questo momento preoccupante per le due formazioni arrivi una partita secca, decisiva per un passaggio del turno. La posta in palio è, però, più ampia. Non solo gli ottavi di finale di Coppa Italia, ma anche la voglia di riprendersi dopo un momento da dimenticare che sta durando da troppo tempo.


Potrebbe interessarti anche:

spot_img

Notizie popolari