venerdì 09 12 22
HomeEditorialeEditoriale: B..asta chiacchiere. Salernitana, si riparte!

Editoriale: B..asta chiacchiere. Salernitana, si riparte!

- Advertisment -spot_img

E finalmente si riparte! Riprende il campionato di serie B, che ieri sera nell’anticipo ha inaugurato la nuova stagione con la vittoria casalinga del Parma sulla Cremonese. Mentre la campagna abbonamenti procede a rilento tra disagi ai botteghini, scatenando il rammarico della società, che si contrappone alla disaffezione di parte della tifoseria per il cosiddetto piano ridimensionamento. Il patron Lotito chiede la sottoscrizione delle tessere (giunte a quota 1200) mentre è impegnato sulla questione delle elezioni per la presidenza della Lega B, ma fa più menzione del famoso piano triennale per conquistare la serie A. D’altro canto Bollini ha ben pensato di iniziare a prendere le distanze da certe scelte societarie per quanto concernente il mercato (soprattutto per la fase offensiva dopo le cessioni di Coda e Donnarumma) e la politica per il settore giovanile. In questo scenario la Salernitana fa il suo esordio allo stadio Penzo di Venezia, dove troveranno i motivati uomini di Pippo Inzaghi, che intendono viaggiare sulle ali dell’entusiasmo della promozione dalla Lega Pro e proveranno a partire col piede giusto tra le mura amiche. I granata giungono in Laguna con delle certezze, individuabili negli elementi di difesa e centrocampo, sebbene si possa ancora fare qualcosa per innalzare il tasso tecnico (specialmente in mediana), e con diverse scommesse da verificare, soprattutto nel reparto offensivo, dove la qualità non appare eccelsa. Dei nuovi arrivi in attacco solo Bocalon, Gatto e Rossi sono stati convocati, mentre restano a casa i portoghesi Roberto e Alex (dopo aver firmato un triennale), Kadi e Cicerelli (nemmeno ancora tesserato dopo dieci giorni di allenamenti). A pochi giorni dalla chiusura del mercato la Salernitana è come al solito incompleta, nonostante Fabiani abbia operato al meglio delle possibilità offerte dal mercato e dalla cassa. Ai nastri di partenza la squadra granata dovrà combattere con carattere ed abnegazione per raggiungere il traguardo della permanenza in categoria, mentre ai tifosi, che a Venezia saranno presenti in 349 unità, non resterà che sostenere sempre i colori della propria città, confidando in un’annata condita da qualche soddisfazione e non limitata soltanto ad osservare i festeggiamenti altrui.

Lino Grimaldi Avino
Lino Grimaldi Avino
Lino Grimaldi Avino, giornalista, editore e scrittore. Ha lavorato presso Cronache di Salerno, TuttoSalernitana, Granatissimi ed è direttore di SalernoSport24. Alla radio ha lavorato presso Radio Alfa, e attualmente conduce due programmi sportivi a RCS75 - Radio Castelluccio, Destinazione Sport e Destinazione Arechi. Ha pubblicato due libri: Angusti Corridoi (2012) con la casa editrice Ripostes, e La vita allo specchio - Introspettiva (2020) con la Saggese Editori, con prefazione dello scrittore Amleto de Silva.
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

Notizie popolari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: