martedì 06 12 22
HomeFrontpageLotito vuole fare cassa con la Salernitana, chiederà i danni alla FIGC

Lotito vuole fare cassa con la Salernitana, chiederà i danni alla FIGC

- Advertisment -spot_img

Claudio Lotito torna all’attacco della FIGC e di Gabriele Gravina dopo la gestione del ‘caso Salernitana’. Entrerà in Senato, votato in Molise, con la chiara volontà di fare pressione per avere un indennizzo.

Claudio Lotito chiederà i danni

Già si sapeva da tempo, o almeno si immaginava potesse accadere qualcosa del genere, a Lotito non è andata giù l’aver perso la Salernitana per dieci milioni di euro, anzi, per lui poteva anche scomparire viste come stavano andando le cose. Il club, alle 23:58 del 31 dicembre del 2021, era sull’orlo di una nuova estinzione. Sarebbe finito in Eccellenza, dove lui stesso si era più volte pavoneggiato di averla ‘salvata’.


Potrebbe interessarti anche:


E probabilmente quei dieci milioni li avrà intascati con riluttanza (anzi cinque dividendoli con il socio Marco Mezzaroma).

Il post elezioni

Le recenti elezioni del Governo hanno portato proprio l’imprenditore romano nel senato italiano, laddove lui porterà le sue ragioni, contro i poteri forti della Federcalcio. Reo su tutti Gabriele Gravina che, pensando di fare un ‘piacere’ al patron e alla piazza granata ordinò un tempo di sei mesi per la vendita del club attraverso il trustee e una gestione di un trust.

Gli uffici legali di Lotito e Mezzaroma stanno pensando alle vie legali già da un po’, ma con i ‘gradi’ di senatore ora potrebbe rendere la vita difficile in via Allegri. Il piano, infatti, sarebbe quello di chiedere i danni subiti con il trust e gli indennizzi non ricevuti dalle casse societarie ritenuti spettanti.

I fatti dal 10 maggio 2021

Effettivamente tra il 24 e il 25 giugno dello scorso anno, circa 40 giorni dopo la promozione in Serie A, la Salernitana era nelle mani di Radrizzani, forte di una promessa d’acquisto che arriverà poi a circa 45 milioni di euro. Era tutto sul piatto, tutto irrevocabile, tranne la volontà di Lotito che venne meno proprio quando Gravina aprì al trust. Per cui dal doppio o niente, si arrivò al niente e basta. E niente fu.

Lino Grimaldi Avino
Lino Grimaldi Avino
Lino Grimaldi Avino, giornalista, editore e scrittore. Ha lavorato presso Cronache di Salerno, TuttoSalernitana, Granatissimi ed è direttore di SalernoSport24. Alla radio ha lavorato presso Radio Alfa, e attualmente conduce due programmi sportivi a RCS75 - Radio Castelluccio, Destinazione Sport e Destinazione Arechi. Ha pubblicato due libri: Angusti Corridoi (2012) con la casa editrice Ripostes, e La vita allo specchio - Introspettiva (2020) con la Saggese Editori, con prefazione dello scrittore Amleto de Silva.
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

Notizie popolari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: