venerdì 19 07 24
spot_img
HomeFrontpage"Dritto al cuore": Agostino Di Bartolomei raccontato in uno speciale da brividi...
spot_img

“Dritto al cuore”: Agostino Di Bartolomei raccontato in uno speciale da brividi su Sky

spot_img
spot_img

Agostino Di Bartolomei, l’indimenticabile capitano di Roma e Salernitana, è il protagonista del nuovo episodio della serie targata Sky Sport, “L’uomo della Domenica”. La puntata, intitolata per l’occasione “Agostino Di Bartolomei-Dritto al cuore”, è disponibile su Sky Sport on demand e in streaming su Now Tv. Il racconto è affidato alla voce del giornalista Giorgio Porrà.

Agostino Di Bartolomei: l’uomo entrato nel cuore di tutti

Chiamato da tutti con i diminutivi “Ago” o “Diba”, Agostino Di Bartolomei, era un uomo di un carisma e una sensibilità fuori dal normale. Oltre alla sua ineguagliabile classe in mezzo al campo, il giocatore romano, sorprendeva per la sua infinità tranquillità e quella dose di coraggio, tipica dei grandi leader. Un animo docile che, però, nascondeva una profonda inquietudine interna, tanto da portarlo all’estremo gesto, a soli 39 anni.

Agostino, il 30 maggio del 1994, nel suo rifugio di San Marco di Castellabate, a 10 anni esatti dalla finale di Coppa Campioni persa, con la sua Roma, contro il Liverpool all’Olimpico, decise di farla finita, legando, per sempre, il suo nome ad un infinito velo di tristezza e malinconia.


Potrebbe interessarti anche:


Una vita da capitano, tra l’amore della sua gente

Nonostante il suo carattere schivo e riservato, Di Bartolomei, era amato da chiunque. Centrocampista dai piedi di una qualità sopraffina ma anche capaci di lasciar partire autentiche “bombe” verso le porte avversarie, “Ago”, romano e romanista, è divenuto un punto di riferimento per la sua città. Vestendo la maglia giallorossa, portò la Roma alla conquista del secondo tricolore della sua storia, nella stagione 1982/1983, rimanendo in maniera indelebile nella storia capitolina.

Storia, che poteva avere un risvolto ancora più leggendario se quella finale di Coppa dei Campioni persa ai rigori contro il Liverpool, giocata l’anno seguente, avesse avuto un esito diverso. Una batosta incredibile per “Diba”, resa ancor più amara dall’arrivo di Erikson sulla panchina giallorossa, il quale non credeva più in lui. Passato al Milan, non vinse nulla, e dopo aver disputato la sua ultima partita in Serie A con la maglia del Cesena, approdò a Salerno, spingendo i granata alla promozione in Serie B, nella stagione 1989/1990.

Con la Salernitana e i suoi tifosi, ha instaurato subito un rapporto fatto di emozioni viscerali. Proprio con i granata infatti, decise di chiudere la sua carriera da calciatore, appendendo gli scarpini al chiodo e posando quella fascia da capitano che lo aveva identificato come tale anche nella vita di tutti i giorni.

“L’uomo della domenica”: Porrà racconta Di Bartolomei

Lo speciale di Sky, tocca le tappe più importanti della carriera di Agostino Di Bartolomei. Lo fa mettendo in risalto il suo incredibile lato umano, in una lungo racconto, quasi biografico, del campione. Non mancano anche gli interventi di personaggi illustri che lo hanno conosciuto da vicino. Da Tancredi a Nela, passando per Chierico e Amendola, ognuno di loro ha voluto lasciare un pensiero sulla figura di Agostino. Un ricordo che neanche il tempo potrà mai scalfire.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Notizie popolari