giovedì 22 02 24
spot_img
HomeSalernitanaSalernitana-Roma, piano traffico da rivedere. Ingorghi, incidenti e soccorsi intralciati
spot_img

Salernitana-Roma, piano traffico da rivedere. Ingorghi, incidenti e soccorsi intralciati

spot_imgspot_img

SalernitanaRoma non è stato solo campo ma anche tutto ciò che concerne un evento importante come una gara di Serie A. Se la risoluzione dei problemi riguardanti l’impiantistica e il rispetto di tutte le norme richieste dalla lega sono importanti, l’organizzazione logistica (trasporti e piano traffico) è addirittura fondamentale al fine di garantire accesso e deflusso dall’impianto in totale sicurezza.

Salernitana-Roma: piano traffico bocciato

Nel mondo come anche in Italia, mezzi pubblici e metropolitane costituiscono la principale soluzione di trasporto per tifosi e sportivi intenzionati ad assistere ad un importante evento. Anche Salerno possiede la sua comoda linea metropolitana “leggera”, intenzionalmente progettata per raggiungere lo stadio “Arechi” con facilità e in tempi brevi. Nel caso del capoluogo salernitano, il suddetto mezzo di trasporto viene puntualmente sospeso (per motivi di ordine pubblico) in vista di partite importanti, creando di fatto un grosso disagio a tifosi, sportivi e cittadini.

Se nel resto del mondo, in occasione i determinati eventi sportivi le corse dei trasporti pubblici vengono moltiplicate per garantire sicurezza agli usufruenti, nel caso di Salerno il problema sicurezza viene risolto sospendendo il servizio.

Piano traffico da rivedere

Un’altra tegola è stata quella del piano traffico. Da sempre problematico lasciare lo Stadio Arechi in ordine e sicurezza. Figurarsi farlo celermente. Delle varie strade, l’unica disponibile per accedere all’impianto di via Allende era quella litoranea che porta a Marina d’Arechi. Ugualmente, per lasciare il principe degli stadi l’unico percorso disponibile è stato quello che porta in zona Arbostella. Chiuso l’accesso alla zona industriale e la possibilità di prendere, eventualmente, la tangenziale dalla medesima zona.

Inutile sottolineare i disagi creati alle vie del centro cittadino, specialmente in zona Arbostella. Addirittura due i sinistri che hanno coinvolto, in due momenti e luoghi diversi, altrettanti automezzi involontariamente speronati dalle auto in coda nel traffico. Anche sui social è esplosa la polemica, i disagi creati dal piano traffico hanno creato un vero e proprio tam-tam in rete. Appare chiara la necessità di rivedere i piani logistici per le prossime gare di massima serie.


Potrebbe interessarti anche
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
- Advertisment -spot_imgspot_img

Notizie popolari

spot_img

Salernitana-Roma, piano traffico da rivedere. Ingorghi, incidenti e soccorsi intralciati

spot_imgspot_img

SalernitanaRoma non è stato solo campo ma anche tutto ciò che concerne un evento importante come una gara di Serie A. Se la risoluzione dei problemi riguardanti l’impiantistica e il rispetto di tutte le norme richieste dalla lega sono importanti, l’organizzazione logistica (trasporti e piano traffico) è addirittura fondamentale al fine di garantire accesso e deflusso dall’impianto in totale sicurezza.

Salernitana-Roma: piano traffico bocciato

Nel mondo come anche in Italia, mezzi pubblici e metropolitane costituiscono la principale soluzione di trasporto per tifosi e sportivi intenzionati ad assistere ad un importante evento. Anche Salerno possiede la sua comoda linea metropolitana “leggera”, intenzionalmente progettata per raggiungere lo stadio “Arechi” con facilità e in tempi brevi. Nel caso del capoluogo salernitano, il suddetto mezzo di trasporto viene puntualmente sospeso (per motivi di ordine pubblico) in vista di partite importanti, creando di fatto un grosso disagio a tifosi, sportivi e cittadini.

Se nel resto del mondo, in occasione i determinati eventi sportivi le corse dei trasporti pubblici vengono moltiplicate per garantire sicurezza agli usufruenti, nel caso di Salerno il problema sicurezza viene risolto sospendendo il servizio.

Piano traffico da rivedere

Un’altra tegola è stata quella del piano traffico. Da sempre problematico lasciare lo Stadio Arechi in ordine e sicurezza. Figurarsi farlo celermente. Delle varie strade, l’unica disponibile per accedere all’impianto di via Allende era quella litoranea che porta a Marina d’Arechi. Ugualmente, per lasciare il principe degli stadi l’unico percorso disponibile è stato quello che porta in zona Arbostella. Chiuso l’accesso alla zona industriale e la possibilità di prendere, eventualmente, la tangenziale dalla medesima zona.

Inutile sottolineare i disagi creati alle vie del centro cittadino, specialmente in zona Arbostella. Addirittura due i sinistri che hanno coinvolto, in due momenti e luoghi diversi, altrettanti automezzi involontariamente speronati dalle auto in coda nel traffico. Anche sui social è esplosa la polemica, i disagi creati dal piano traffico hanno creato un vero e proprio tam-tam in rete. Appare chiara la necessità di rivedere i piani logistici per le prossime gare di massima serie.


Potrebbe interessarti anche
spot_img
- Advertisment -spot_imgspot_img

Notizie popolari

Salernitana-Roma, piano traffico da rivedere. Ingorghi, incidenti e soccorsi intralciati

spot_img

SalernitanaRoma non è stato solo campo ma anche tutto ciò che concerne un evento importante come una gara di Serie A. Se la risoluzione dei problemi riguardanti l’impiantistica e il rispetto di tutte le norme richieste dalla lega sono importanti, l’organizzazione logistica (trasporti e piano traffico) è addirittura fondamentale al fine di garantire accesso e deflusso dall’impianto in totale sicurezza.

Salernitana-Roma: piano traffico bocciato

Nel mondo come anche in Italia, mezzi pubblici e metropolitane costituiscono la principale soluzione di trasporto per tifosi e sportivi intenzionati ad assistere ad un importante evento. Anche Salerno possiede la sua comoda linea metropolitana “leggera”, intenzionalmente progettata per raggiungere lo stadio “Arechi” con facilità e in tempi brevi. Nel caso del capoluogo salernitano, il suddetto mezzo di trasporto viene puntualmente sospeso (per motivi di ordine pubblico) in vista di partite importanti, creando di fatto un grosso disagio a tifosi, sportivi e cittadini.

Se nel resto del mondo, in occasione i determinati eventi sportivi le corse dei trasporti pubblici vengono moltiplicate per garantire sicurezza agli usufruenti, nel caso di Salerno il problema sicurezza viene risolto sospendendo il servizio.

Piano traffico da rivedere

Un’altra tegola è stata quella del piano traffico. Da sempre problematico lasciare lo Stadio Arechi in ordine e sicurezza. Figurarsi farlo celermente. Delle varie strade, l’unica disponibile per accedere all’impianto di via Allende era quella litoranea che porta a Marina d’Arechi. Ugualmente, per lasciare il principe degli stadi l’unico percorso disponibile è stato quello che porta in zona Arbostella. Chiuso l’accesso alla zona industriale e la possibilità di prendere, eventualmente, la tangenziale dalla medesima zona.

Inutile sottolineare i disagi creati alle vie del centro cittadino, specialmente in zona Arbostella. Addirittura due i sinistri che hanno coinvolto, in due momenti e luoghi diversi, altrettanti automezzi involontariamente speronati dalle auto in coda nel traffico. Anche sui social è esplosa la polemica, i disagi creati dal piano traffico hanno creato un vero e proprio tam-tam in rete. Appare chiara la necessità di rivedere i piani logistici per le prossime gare di massima serie.


Potrebbe interessarti anche
spot_img

Notizie popolari