venerdì 14 06 24
spot_img
HomeFrontpagePaulo Sousa a piccoli passi verso un nuovo modulo?
spot_img

Paulo Sousa a piccoli passi verso un nuovo modulo?

spot_img
spot_img

La Salernitana comincerà domani la marcia verso ad una gara decisiva a livello morale e tecnico: ci sarà un cambio nel modulo di gioco?

Rebus modulo per la Salernitana

Contro l’Inter, Paulo Sousa ha già parzialmente modificato il modulo di gioco della sua Salernitana. Certo, l’ha fatto anche per necessità, visti gli impegni ravvicinati e l’assenza di Candreva, ma qualche risultato positivo lo si è visto. Martegani, con un po’ di lavoro e di tempo, potrebbe diventare uno dei leader tecnici di questa squadra. Tuttavia, il ruolo che sembra essergli più congeniale è quello di mezz’ala (con compiti offensivi). Sabato lo si è visto fare da collante tra centrocampo e attacco, con buoni risultati (considerando anche il livello degli avversari).


Potrebbe interessarti anche:


Sia a lui che al rientrante Daniliuc mancano minuti nelle gambe, ma le qualità sono evidenti, come lo è l’aiuto che potrebbero dare a squadra e compagni.

Come cambierebbe la Salernitana

Si deve necessariamente considerare che, in una situazione simile, con impegni ravvicinati e una sosta alle porte, sarà difficile assistere a stravolgimenti da parte di Sousa. Però, questo nuovo sistema, che si avvicina molto di più ad un 3-5-2, potrebbe essere un buon trampolino verso il futuro, in attesa che l’infermeria si svuoti. Una mediana con tre elementi è diventata ormai necessaria per reggere l’urto delle ripartenze avversarie, quindi sarà necessario fare dei sacrifici.

Un (ipotetico) nuovo assetto

Se Dia starà bene (fisicamente e mentalmente) giocherà di sicuro, anche in un eventuale attacco a due punte. Accanto a lui non ci sarebbero più due compagni, ma soltanto uno. Sousa sarebbe costretto a scegliere tra Candreva e Cabral, mentre Kastanos potrebbe trovare una nuova sistemazione, sull’out destro o nel terzetto di centrocampo. Ci sarebbe, poi, un terzo candidato, ossia Ikwuemesi: attaccante fisico, complementare rispetto a Dia, il nigeriano potrebbe ritagliarsi uno spazio importante, anche a partita in corso. In mediana l’unico titolare certo sarebbe Coulibaly (che, come Dia, partirà per la Coppa d’Africa).

Ad ogni modo, andando oltre le congetture, Sousa dovrà tornare da Monza con una vittoria per non sentir scricchiolare la sua panchina e continuare lungo la strada imboccata.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Notizie popolari