venerdì 21 06 24
spot_img
HomeFrontpageChristian Presciutti: "Mi dispiace tantissimo, sono distrutto"
spot_img

Christian Presciutti: “Mi dispiace tantissimo, sono distrutto”

spot_img
spot_img

È un arrivederci alla Serie A questo per la Rari Nantes Salerno che con la sconfitta per mano della Roma Vis Nova, saluta la massima serie. Quattro anni attraverso gioie, soddisfazioni e qualche ambizione finita in piscina troppo presto per i giallorossi. A fine gara il commento a caldo di Christian Presciutti la dice lunga sull’amarezza per il risultato.

La Rari Nantes Salerno saluta la A, Presciutti recrimina su…

È una retrocessione amara quella della Rari in cui, nell’accoppiamento precedente dopo la prima vittoria sul Posillipo, i giallorossi sembravano aver a portata di mano il proprio destino. Non è stato così, l’accoppiamento con Roma non ha portato bene alla formazione di Presciutti.


Potrebbe interessarti anche:


Il tecnico campione d’Italia da giocatore con la Pro Recco, non la manda giù: «Essendo l’allenatore mi assumo tutte le responsabilità per questa retrocessione. Ho perso molte volte nella mia vita ma è proprio dalle sconfitte, dalle ceneri, che ci si rialza e si costruiscono le vittorie future: quelle più belle!».

Un passaggio d’obbligo è l’onore delle armi per la sua squadra che ha dato tutto quello che aveva: «Mi dispiace per i ragazzi che hanno dato tutto e stanno soffrendo, ma voglio ringraziarli per la dedizione e l’impegno che hanno messo nel quotidiano in tutta la stagione».

L’andamento della gara visto da bordo campo: «Mi dispiace per la società, i tifosi e per il nostro presidente. Per la partita in sé sicuramente l’assenza di Bertoli ha inciso, la squadra ha lottato anche per lui ma non è bastato. Abbiamo preso gol facili e in avanti abbiamo sprecato troppe occasioni per la mole di gioco che abbiamo creato».

Infine si passa dalle perplessità sulle scelte dei giudici di gara al saluto ai tifosi: «Non è mia abitudine parlare dell’arbitraggio ma certe situazioni andrebbero chiarite una volte per tutte: conosco abbastanza bene la pallanuoto eppure certe scelte prese mi lasciano perplesso! Infine ringrazio tutti i nostri tifosi per il sostegno dato in tutta questa stagione».

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
Lino Grimaldi Avino
Lino Grimaldi Avino
Lino Grimaldi Avino, giornalista, editore e scrittore. Ha lavorato presso Cronache di Salerno, TuttoSalernitana, Granatissimi ed è direttore di SalernoSport24. Alla radio ha lavorato presso Radio Alfa, e attualmente conduce due programmi sportivi a RCS75 - Radio Castelluccio, Destinazione Sport e Destinazione Arechi. Ha pubblicato due libri: Angusti Corridoi (2012) con la casa editrice Ripostes, e La vita allo specchio - Introspettiva (2020) con la Saggese Editori, con prefazione dello scrittore Amleto de Silva.
spot_img

Notizie popolari