martedì 28 05 24
spot_img
HomeSportSCHERMAGallo sale sul podio anche nella gara a squadre
spot_img

Gallo sale sul podio anche nella gara a squadre

spot_img
spot_img

Dopo l’indimenticabile successo nel torneo individuale, Michele Gallo è tornato in pedana a Padova per la prova a squadre con cui si è concluso il 64° Trofeo “Luxardo”, valido per la Coppa del Mondo di sciabola maschile.

Michele Gallo 2° con gli azzurri della sciabola

E sono tre: come i podi conquistati dallo sciabolatore salernitano Michele Gallo in Coppa del Mondo. Il 21enne tesserato per i Carabinieri ha condiviso il 2° posto nella prova a squadre del Trofeo “Luxardo” con Luca Curatoli, Matteo Neri e Pietro Torre.

Gli azzurri del CT Zanotti – che ha lasciato a riposo il numero 1 Luigi Samele – hanno debuttato negli ottavi contro la Gran Bretagna. A dispetto delle previsioni, la sfida contro i britannici è stata molto più equilibrata del previsto: la bella rimonta di Howes nel penultimo assalto contro Torre (9-5) ha riportato i nostri rivali sul 40-38 prima del 5-1 con il quale Curatoli ha battuto Deary, assicurando agli italiani il quarto di finale con la Spagna.

Anche il match contro gli spagnoli ha dispensato non poche spine: avanti per 20-13 dopo le prime quattro manches, l’Italia ha perso quasi tutto il vantaggio dopo il netto 11-5 rifilato da Iñaki Bravo a Gallo. Tuttavia, nella seconda parte dell’incontro, gli sciabolatori di casa hanno brillantemente ripreso a macinare stoccate fino al definitivo 45-40..

In semifinale, poi, il testa a testa con la Corea, a segno nelle prime due prove a squadre della stagione. Il buon debutto di Torre e Curatoli è stato vanificato dal netto 6-2 subito da Neri per mano di Junho Kim, che si è poi ripetuto anche al termine del secondo giro di assalti con Curatoli.

Indietro di 8 lunghezze (22-30), l’Italia ha svoltato in maniera perentoria grazie a un eccellente Michele Gallo: il salernitano schianta Bongil Gu con un eloquente 13-1 che porta gli azzurri sul 35-34. Tabellone di nuovo sfavorevole (38-40) dopo il 6-3 messo a segno da Junho Kim ai danni di Torre, ma Curatoli risolve l’intrico, superando per 7-2 Junghwan Kim. 45-42, Italia in finale contro l’Ungheria.

La sfida contro il terzetto capitanato dal 3 volte campione olimpico Aron Szilagyi si mette subito male per l’Italia, che chiude sul -7 (15-8) la prima tornata di assalti. I conti non tornano più dopo il 5-0 di Szatmari a Matteo Neri: il 30-14 al termine del sesto assalto prelude a una larga vittoria degli ungheresi, appena smorzata dall’11-5 incassato da Szatmari per mano di Torre nel penultimo assalto. Verdetto senza sorprese: 45-30.


Potrebbe interessarti anche:


Gregorio fuori agli ottavi del torneo di Atene

I due piazzamenti in top ten avevano rilanciato le ambizioni di Rossella Gregorio in vista della gara individuale di CdM ad Atene. E invece, l’allieva di Cristiano Imparato è tornata nelle retrovie della classifica, piazzandosi 18ª.

Superato il primo turno con un sofferto 15-12 alla canadese Gordon, la 32enne del capoluogo è uscita nei 32/mi di finale contro la giapponese Ozaki, che ha prevalso con un perentorio 15-8.

La migliore delle azzurre è stata Michela Battiston, battuta nei quarti di finale per 15-10 dalla greca Gkountoura: la friulana ha strappato un buon 6° posto.

Gregorio cercherà il riscatto nella prova a squadre di domenica in compagnia di Battiston, Martina Criscio e Chiara Mormile.

spot_img
spot_img
spot_img
Carmine Marino
Carmine Marino
Nato a Battipaglia nel 1986, dal 2004 si è occupato di cronaca, attualità, cultura e sport per «Il settimanale Unico» e «Il Quotidiano della Basilicata». Telecronista di calcio, basket, calcio a cinque e pallavolo per alcune televisioni locali del Basso Salernitano, dal 2016 è speaker di manifestazioni sportive amatoriali di atletica e ciclismo, per le quali cura anche le attività di ufficio stampa. Già collaboratore fisso del «Il Quotidiano del Sud - L'altravoce dei ventenni» e di ventiblog.com, attualmente è caporedattore di SalernoSport24 per gli sport di squadra e le discipline olimpiche. Dal 4 dicembre 2023, è iscritto all'albo dei giornalisti pubblicisti della Campania. Insegnante di italiano e storia nelle scuole superiori, ha pubblicato saggi e recensioni in volumi collettanei e su riviste di storia contemporanea. Dalla primavera del 2023 è socio della Società italiana di storia dello sport.

Notizie popolari