domenica 03 03 24
spot_img
HomeSalernitanaIl successo del Bologna parte dai clean sheet. Skorupski tra i migliori...
spot_img

Il successo del Bologna parte dai clean sheet. Skorupski tra i migliori nel torneo

spot_imgspot_img

Uno dei segreti dell’arrembante Bologna di Thiago Motta è la presenza tra i pali di Łukasz Skorupski. L’estremo difensore polacco, alla sesta stagione in rossoblù, è una delle certezze del tecnico italo-brasiliano. Skorupski è terzo per clean sheet (6), dietro solo a Sommer (9) e Szczesny (7).

Il profilo di Łukasz Skorupski

Polacco, classe 1991, arriva alla Roma nel 2013 dove firma un contratto quadriennale. Muove i primi passi in Italia molto giovane, chiuso da Sczeszny e Alisson, colleziona solo 14 presenze in due stagioni. Il prestito biennale all’Empoli (2015-2017) permette a Skorupski di lanciarsi come portiere affidabile, difendendo la porta dei toscani con ottimi risultati. Torna alla Roma come secondo di Alisson (diventato, nel frattempo, titolare) e collezione solo una presenza, per cui decide di passare a titolo definitivo al Bologna (scambio con Mirante) per avere continuità. La stagione 2018-2019 è la prima di Skorupski con la maglia felsinea, dove arriva con un bagaglio di esperienza notevole, alle spalle dei due ottimi portieri giallorossi e dell’esperienza a Empoli. Al Bologna Skorupski diventa immediatamente una bandiera rossoblù, ai quali si lega nel corso degli anni e non mettendo mai in discussione la propria posizione. In nazionale maggiore dal 2012, ha collezionato 9 presenze con 8 gol subiti. Durante la spedizione in Quatar del 2022 ha fatto parte della rosa della Polonia. Quest’anno al Bologna il portierone ha collezionato ben 6 clean sheet, diventando uno dei punti di forza della squadra di Thiago Motta.

Portiere alto 187cm, abbina una notevole capacità nelle uscite alte e una buona reattività tra i pali. Skorupski è un portiere affidabile, non spettacolare negli interventi, ma molto pragmatico. Il polacco dà grande sicurezza alla difesa proprio per la sua qualità nel rendimento. Come detto, non si contraddistingue per parate spettacolari, ma difficilmente le sue prestazione vanno al di sotto della sufficienza. La piazza emiliana è l’ideale per Skorupski, il quale è cresciuto come atleta insieme alla piazza di Bologna, che quest’anno è la vera sorpresa del torneo, a ridosso della zona Champions.

spot_img
spot_img
spot_img
Enrico Volpe
Enrico Volpe
Nato a Salerno, classe '89. Ho studiato filosofia all'Università di Salerno, dove mi sono laureato nel 2014 e dove ho conseguito il dottorato di ricerca (2021), con una cotutela internazionale all'Università di Colonia. La Salernitana è la mia grande passione e la seguo da sempre, sin da quando sono piccolo. Mi piace poter dare il mio contributo e scrivere sulla mia squadra del cuore.
spot_img
- Advertisment -spot_imgspot_img

Notizie popolari

spot_img

Il successo del Bologna parte dai clean sheet. Skorupski tra i migliori nel torneo

spot_imgspot_img

Uno dei segreti dell’arrembante Bologna di Thiago Motta è la presenza tra i pali di Łukasz Skorupski. L’estremo difensore polacco, alla sesta stagione in rossoblù, è una delle certezze del tecnico italo-brasiliano. Skorupski è terzo per clean sheet (6), dietro solo a Sommer (9) e Szczesny (7).

Il profilo di Łukasz Skorupski

Polacco, classe 1991, arriva alla Roma nel 2013 dove firma un contratto quadriennale. Muove i primi passi in Italia molto giovane, chiuso da Sczeszny e Alisson, colleziona solo 14 presenze in due stagioni. Il prestito biennale all’Empoli (2015-2017) permette a Skorupski di lanciarsi come portiere affidabile, difendendo la porta dei toscani con ottimi risultati. Torna alla Roma come secondo di Alisson (diventato, nel frattempo, titolare) e collezione solo una presenza, per cui decide di passare a titolo definitivo al Bologna (scambio con Mirante) per avere continuità. La stagione 2018-2019 è la prima di Skorupski con la maglia felsinea, dove arriva con un bagaglio di esperienza notevole, alle spalle dei due ottimi portieri giallorossi e dell’esperienza a Empoli. Al Bologna Skorupski diventa immediatamente una bandiera rossoblù, ai quali si lega nel corso degli anni e non mettendo mai in discussione la propria posizione. In nazionale maggiore dal 2012, ha collezionato 9 presenze con 8 gol subiti. Durante la spedizione in Quatar del 2022 ha fatto parte della rosa della Polonia. Quest’anno al Bologna il portierone ha collezionato ben 6 clean sheet, diventando uno dei punti di forza della squadra di Thiago Motta.

Portiere alto 187cm, abbina una notevole capacità nelle uscite alte e una buona reattività tra i pali. Skorupski è un portiere affidabile, non spettacolare negli interventi, ma molto pragmatico. Il polacco dà grande sicurezza alla difesa proprio per la sua qualità nel rendimento. Come detto, non si contraddistingue per parate spettacolari, ma difficilmente le sue prestazione vanno al di sotto della sufficienza. La piazza emiliana è l’ideale per Skorupski, il quale è cresciuto come atleta insieme alla piazza di Bologna, che quest’anno è la vera sorpresa del torneo, a ridosso della zona Champions.

spot_img
Enrico Volpe
Enrico Volpe
Nato a Salerno, classe '89. Ho studiato filosofia all'Università di Salerno, dove mi sono laureato nel 2014 e dove ho conseguito il dottorato di ricerca (2021), con una cotutela internazionale all'Università di Colonia. La Salernitana è la mia grande passione e la seguo da sempre, sin da quando sono piccolo. Mi piace poter dare il mio contributo e scrivere sulla mia squadra del cuore.
- Advertisment -spot_imgspot_img

Notizie popolari

Il successo del Bologna parte dai clean sheet. Skorupski tra i migliori nel torneo

spot_img

Uno dei segreti dell’arrembante Bologna di Thiago Motta è la presenza tra i pali di Łukasz Skorupski. L’estremo difensore polacco, alla sesta stagione in rossoblù, è una delle certezze del tecnico italo-brasiliano. Skorupski è terzo per clean sheet (6), dietro solo a Sommer (9) e Szczesny (7).

Il profilo di Łukasz Skorupski

Polacco, classe 1991, arriva alla Roma nel 2013 dove firma un contratto quadriennale. Muove i primi passi in Italia molto giovane, chiuso da Sczeszny e Alisson, colleziona solo 14 presenze in due stagioni. Il prestito biennale all’Empoli (2015-2017) permette a Skorupski di lanciarsi come portiere affidabile, difendendo la porta dei toscani con ottimi risultati. Torna alla Roma come secondo di Alisson (diventato, nel frattempo, titolare) e collezione solo una presenza, per cui decide di passare a titolo definitivo al Bologna (scambio con Mirante) per avere continuità. La stagione 2018-2019 è la prima di Skorupski con la maglia felsinea, dove arriva con un bagaglio di esperienza notevole, alle spalle dei due ottimi portieri giallorossi e dell’esperienza a Empoli. Al Bologna Skorupski diventa immediatamente una bandiera rossoblù, ai quali si lega nel corso degli anni e non mettendo mai in discussione la propria posizione. In nazionale maggiore dal 2012, ha collezionato 9 presenze con 8 gol subiti. Durante la spedizione in Quatar del 2022 ha fatto parte della rosa della Polonia. Quest’anno al Bologna il portierone ha collezionato ben 6 clean sheet, diventando uno dei punti di forza della squadra di Thiago Motta.

Portiere alto 187cm, abbina una notevole capacità nelle uscite alte e una buona reattività tra i pali. Skorupski è un portiere affidabile, non spettacolare negli interventi, ma molto pragmatico. Il polacco dà grande sicurezza alla difesa proprio per la sua qualità nel rendimento. Come detto, non si contraddistingue per parate spettacolari, ma difficilmente le sue prestazione vanno al di sotto della sufficienza. La piazza emiliana è l’ideale per Skorupski, il quale è cresciuto come atleta insieme alla piazza di Bologna, che quest’anno è la vera sorpresa del torneo, a ridosso della zona Champions.

Enrico Volpe
Enrico Volpe
Nato a Salerno, classe '89. Ho studiato filosofia all'Università di Salerno, dove mi sono laureato nel 2014 e dove ho conseguito il dottorato di ricerca (2021), con una cotutela internazionale all'Università di Colonia. La Salernitana è la mia grande passione e la seguo da sempre, sin da quando sono piccolo. Mi piace poter dare il mio contributo e scrivere sulla mia squadra del cuore.
spot_img

Notizie popolari