martedì 27 09 22
HomeFrontpageL'Italia di pallanuoto batte il Montenegro e vola ai quarti

L’Italia di pallanuoto batte il Montenegro e vola ai quarti

- Advertisment -spot_img

L’Italia di pallanuoto vince contro il Montenegro e, come da regolamento, passa direttamente ai quarti di finale entrando tra le prime otto.

Italia di pallanuoto ai quarti

L’Italia di pallanuoto di coach Campagna e del salernitano Vincenzo Dolce, dopo aver battuto, nell’ordine, Slovacchia e Georgia,  vince anche l’ultima partita della fase a gironi in programma. L’Italia, battendo il Montenegro, salta un turno e, come da regolamento, passa direttamente ai quarti di finale dei Campionati Europei in svolgimento a Spalato. Bella e senza storie la partita contro i montenegrini che il Settebello vince con il punteggio di 13-8. In verità l’Italia aveva due risultati su tre per passare il turno. Avendo a suo favore una migliore (di gran lunga) differenza reti, le sarebbe bastato anche un pareggio per accedere ai quarti. La prossima partita, quindi, si giocherà martedì 6 settembre alle 20.30 e sarà contro la vincente di Francia – Serbia. 

La partita

Bella la partita che l’Italia non riesce, però, a mettere subito nel giusto binario. La preoccupazione iniziale di coach Campagna stava nel fatto che le due squadre si conoscono fin troppo bene, visto anche che alcuni giocatori hanno militato nel nostro campionato. Partenza equilibrata, dunque. Il primo  quarto si chiude con un leggerissimo vantaggio azzurro. Nel secondo quarto le due squadre si annullano a vicenda. Con il tempo, però i valori vengono fuori e la distanza si fa importante, l’Italia prende il largo e la partita, finalmente, gira in nostro favore. Buonissima la partita di Vincenzo Dolce che con 3 reti lascia il segno sulla sua prestazione. I parziali: 1-0, 3-3, 6-2, 3-3

Le parole del coach Campagna

«E’ stata la partita che c’aspettavamo. Eravamo preparati dal punto vista fisico e psicologico. Abbiamo giocato secondo le strategie predeterminate. Mi è piaciuta la resistenza all’alta intensità. Nei primi due tempi il Montenegro ci ha asfissiato col pressing e non abbiamo giocato la pallanuoto che più si addice a noi – dichiara – Poi abbiamo rotto il fiato, giocando come sappiamo. Preferisco aver fatto questo tipo di partita perché ai quarti di finale saremo abituati a match tosti, ma chiunque avremo davanti non ci farà paura».


Potrebbe interessarti anche:

Tony Granato
Tony Granato
Anni giovanili in radio. Poi tanti anni (e tante notti) ad organizzare serate nei locali. Ora l'esperienza con SalernoSport24
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

Notizie popolari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: