mercoledì 05 10 22
HomeFrontpageL'Italia di Vincenzo Dolce vince la World League di pallanuoto

L’Italia di Vincenzo Dolce vince la World League di pallanuoto

- Advertisment -spot_img

L’Italia della pallanuoto raggiunge un risultato storico. La squadra del salernitano Vincenzo Dolce si aggiudica la World League di pallanuoto.

World League di pallanuoto: l’Italia di Dolce

Il settebello azzurro riscatta la sconfitta patita nella finale mondiale di Budapest e fa sua la World League. Nella combattuta finale l’Italia ha battuto gli Stati Uniti per 9-13 ed è riuscita a vincere l’unico trofeo che ancora mancava nella bacheca dei successi. L’Italia aveva, in passato, sfiorato più volte la vittoria, perdendo sempre in finale. Questa volta Dolce (entrato a partita in corso e rimasto a secco di marcature) e compagni non hanno sbagliato niente, hanno messo in campo tutta l’esperienza e anche la rabbia per il successo mondiale sfiorato e sfuggito solo ai rigori, aggiudicandosi l’importantissimo trofeo. Così, dopo 3 Olimpiadi, 4 Mondiali, 3 Europei ed una Coppa del Mondo, arriva la coppa che mancava: la World League!


Potrebbe interessarti anche:


I parziali  2-1, 2-3, 1-6, 4-3. Per gli azzurri sono andati a segno: Damonte, Cannella e Di Somma con 3 marcature; Fondelli, Renzuto Iodice, Marziali e Presciutti con un gol a testa.

Le dichiarazioni

Il presidente FIN Barelli: «Bravissimi. Complimenti a tutti, cominciando dal commissario tecnico Alessandro Campagna, proseguendo con il suo staff e arrivando ai giocatori, principali interpreti del lavoro tecnico, tattico ed atletico sostenuto quotidianamente. La squadra è stata allenata e preparata alla perfezione. Sono arrivati alla finale con gli Stati Uniti in condizioni eccellenti, dopo un mondiale e un common training in America ed hanno meritato di conquistare quello che rappresentava l’ultimo trofeo mancante nella bacheca azzurra: la World League. La semifinale con la Spagna ha riacceso in tutti noi i ricordi e le emozioni vissute meno di un mese fa a Budapest in occasione della finale mondiale. Questa volta abbiamo vinto noi e lo abbiamo fatto con grande merito».

Campagna: «Abbiamo disputato una bellissima partita, soprattutto in fase difensiva. Abbiamo contenuto molto bene Hallock, con tanti giocatori che spesso si sono sacrificati in marcatura. All’inizio eravamo bloccati in attacco, ma poi ci siamo sciolti e abbiamo anche dominato. Potevamo vincere anche con un maggior numero di gol».

Tony Granato
Tony Granato
Anni giovanili in radio. Poi tanti anni (e tante notti) ad organizzare serate nei locali. Ora l'esperienza con SalernoSport24
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

Notizie popolari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: