mercoledì 07 12 22
HomeSportBASKETLa Givova inaugura il campionato con una sconfitta in laguna

La Givova inaugura il campionato con una sconfitta in laguna

- Advertisment -spot_img

La Givova Scafati inaugura il campionato di Serie A 2022-2023 con una sconfitta. In laguna i gialloblù hanno offerto, a prescindere dalla sconfitta, un’ottima prestazione.

Givova Scafati in Serie A: esordio con sconfitta

Il match è terminato con il punteggio di 80-69, ma il tabellone non deve trarre in inganno. Infatti, i ragazzi di coach Rossi si sono giocati la partita a testa alta, contro avversari di tutto rispetto, con grande esperienza in Serie A.


Potrebbe interessarti anche:

La partita inizia con i gialloblù all’arrembaggio. A guidare l’attacco è l’ex Stone che permette alla squadra dell’Agro di tenere il vantaggio, che dopo 5 minuti è di tre punti (10-13). Al sesto minuto è l’ingresso di Pinkins a dare manforte all’attacco scafatese che allunga sui lagunari (12-18). Venezia comincia a spingere e la qualità del gioco ha la meglio. Con il quarto che si conclude con i gialloblù in vantaggio di 4 punti (21-25).

Alla ripresa, i lagunari partono forte, prima annullando il vantaggio accumulato dai ragazzi di coach Rossi e poi portandosi in vantaggio al quinto minuto grazie ad una tripla di Spissu (30-29). Ritrovato il vantaggio gli orogranata spingono ulteriormente sull’acceleratore e incendiano la retina, prendendo il largo (37-29 al 17′). Rossato e Lamb cercano di tenere a bada i lagunari, ma senza successo, con Willis che fa impazzire i tifosi veneziani con una tripla da centrocampo al suonare della sirena, chiudendo il quarto con un vantaggio di otto punti (45-37).

Dall’intervallo lungo le squadre riprendono a battagliarsi sul parquet. E proprio nei primi frangenti della frazione è il momento di Marco Spissu di mettersi in mostra portando la Reyer alla doppia cifra di vantaggio (49-39). I gialloblù sono letteralmente incapaci di rispondere ai colpi dei lagunari che ne approfittano per allungare ulteriormente (63-48 al 28′). La scena continua, con Sima che continua a castigare i gialloblù grazie alla sua prestanza fisica, che permette ai lagunari di chiudere il quarto con un vantaggio di diciassette punti (67-50).

Nell’ultima frazione i campani hanno un sussulto di orgoglio che gli permette di chiudere un parziale di 0-12 nei primi cinque minuti di quarto (70-62 al 35′). Tessitori sale in cattedra e sigla sei punti in poco più di un minuto. La partita non è ancora finita e gli ospiti cercando di alzare il ritmo e racimolare qualche punto diminuendo le distanze. Tutto ciò gli permette di fare bella figura, ma non di salvarsi dalla sconfitta, con il punteggio finale che si attesa a 80-69.

Coach Rossi: “lavorare sodo per colmare il gap”

A fine partita il coach dei gialloblù Alessandro Rossi, ha rilasciato delle dichiarazioni, in cui ha affermato: «abbiamo affrontato una squadra forte, che alla lunga ha meritato di vincere. Noi dobbiamo invece dividere l’aspetto tecnico da quello emotivo.

Il secondo è stato positivo, perché abbiamo lottato dall’inizio alla fine, rientrando anche quando eravamo nettamente sotto, a dimostrazione del fatto che siamo una squadra che cerca di giocare ogni possesso; il primo invece lo dobbiamo migliorare, non possiamo accontentarci di aver comunque disputato una discreta partita, ma dobbiamo tornare in palestra amareggiati e delusi della sconfitta, consapevoli di dover lavorare sodo per colmare il gap che ci divide da formazioni come Venezia

Ci portiamo a casa un positivo inizio di gara, un approccio buono con la contesa, senza paura e timori riverenziali. Unito anche a un buon finale in cui abbiamo avuto un gran bel sussulto. I buchi avuti nel corso della partita alla fine ci hanno penalizzato».

- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

Notizie popolari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: