martedì 28 05 24
spot_img
HomeEsclusiveGiovanni Barsotti: "Salernitana una squadra coraggiosa. Dia fa un altro sport"
spot_img

Giovanni Barsotti: “Salernitana una squadra coraggiosa. Dia fa un altro sport”

spot_img
spot_img

In vista della gara di domenica tra Salernitana e Torino, noi di SalernoSport24 abbiamo avuto il piacere di intervistare Giovanni Barsotti, giornalista e bordocampista di DAZN, che nello scorso turno di Serie A era presente nel bordocampo di Salernitana-Inter. Il giornalista veneto si è espresso raccontando il match di venerdì ed esponendo le sue considerazioni sulla Bersagliera.

Giovanni Barsotti tra Sky e DAZN

Sui suoi profili social si definisce “solo un altro italiano che parla di pallone”, ma Giovanni Barsotti è molto di più. Il giornalista veneto muove i suoi primi passi a SkySport24 dove si forma, grazie anche all’incontro di Alessia Tarquino. Successivamente una parentesi di un anno e mezzo a FoxSports dove si approccia anche ad altri sport, come la MMA e il volley. Ma dal 2018 entra ufficialmente a DAZN dove, tra i vari bordocampi e interviste di Serie A e B, da membro del team no-live ha scritto e prodotto format tra i più conosciuti: PiediXTerra e Culture.


Potrebbe interessarti anche:


Esperienze a SkySport, a FoxSports nella Liga di Messi e Ronaldo e ora a DAZN dove hai a referto molte interviste ed altrettanti bordocampi. Cosa ti ha fatto avvicinare al mondo del calcio? Una squadra, una partita oppure un giocatore?

«Credo sia stato il calcio stesso perché è un qualcosa che rende coesi tutti gli italiani. La domanda giusta sarebbe cosa non mi ha fatto allontanare dal cacio; prima o poi tutti abbiamo un qualcosa che ci fa allontanare da questo sport, il calcio è però un qualcosa dove o rimani dentro oppure perdi, come chi fa il calciatore o il giornalista. Io semplicemente non ho avuto questo distacco perché mi piaceva tantissimo giocarci, come ogni ragazzo dell’oratorio ho passato giorni ed estati intere dietro il pallone e non ho saputo mai dire basta».

Tu nello scorso weekend eri presente a bordocampo nel match di Salernitana-Inter; dall’arrivo di Sousa c’è stato un cambio di rotta in termini di morale e di risultati, ci puoi raccontare cosa ti ha colpito e delle curiosità sul tecnico granata nella partita di venerdì?

«A me colpisce il coraggio e l’atteggiamento della Salernitana perché è una squadra molto aggressiva, non ha paura di aggredire alta e non ragiona da provinciale. Paulo Sousa nel prepartita contro l’Inter ha detto di volere una squadra che pressa sempre altissima, infatti, tirando le somme è riuscito a prendere alta l’Inter.

La cosa che però mi ha colpito di più è stato il cambio modulo nel secondo tempo con un 4-2-3-1 più offensivo dove la squadra ha alzato il baricentro e migliorato la distribuzione del pressing in attacco, una scelta su cui otto allenatori su dieci ci pensano molto prima di fare una cosa del genere. Sousa essendo un discreto amante della tattica ha fatto una scelta di coraggio e ha schierato una squadra più offensiva. Tra l’altro Sousa è una persona che prima di ogni intervista stringe sempre la mano a tutti, una persona veramente cordiale».

Le parole di Juric dopo la partita suonano come un campanello d’allarme, come pensi che il tecnico del Toro interpreterà il match di domenica vista l’assenza in difesa? E se secondo te Sousa deciderà di giocare a viso aperto la partita schierando Sambia al posto di Bronn?

«Sì, questo in effetti è un tema visto che Bronn non ha fatto una grande partita da quinto e tenendo conto anche della sostituzione a questo punto credo possa giocare Sambia e non Mazzocchi dal 1′. Sappiamo bene che squadra è il Torino, ti prende ad uomo, ti pressa e sporca il gioco. Sarà interessante capire come partirà Sousa: è possibile che accetterà la sfidaa specchio” schierando anche lui un 3-5-2; non escluderei però l’ipotesi 4-2-3-1, un modulo che gli consente di far giocare calciatori che vede bene insieme e che danno una mano nella manovra offensiva.

Quella di domenica sarà una partita antipatica e non facile ma siamo arrivati ad un momento, con il Toro matematicamente salvo e la zona Europa lontana, in cui c’è bisogno di giocare ogni partita a viso aperto e vedendo l’approccio della partita di venerdì mi sembra impensabile che non lo faccia anche in quella di domenica. In questo momento considererei non solo il discorso tattico ma anche morale delle due squadre».

Il mondo del calcio, e non, è sempre più globalizzato con calciatori che provengono da altre culture creando un melting pot, nel tuo format “Culture” a DAZN hai avuto modo di intervistare molti calciatori, tra questi chi ti ha impressionato di più?

«Barak penso sia uno dei giocatori più intelligenti che ci sia nel calcio, una persona sempre disponibile, infatti ogni volta che ci vediamo ancora ci salutiamo. Anche Danilo mi aveva impressionato, una persona molto matura ed intelligente che vive anche oltre il calcio. Nel momento in cui l’ho intervistato era ancora visto come “un oggetto misterioso” poiché era stato acquistato nello scambio con Cancelo, ma già in quel momento mi diceva di voler diventare un leader della Juve e mi impressionò molto. Poi ti dico Onana perché ha una personalità incredibile, voglia di parlare e dire la sua senza paura e con una capacità calcistica di ragionare non solo nell’area di rigore ma di giocare su un area di 16-25 metri».

Torino-Salernitana è anche la partita dove si affronteranno Dia e Sanabria: il primo ha avuto un grande impatto, l’altro da gennaio è in netta ripresa. Saranno loro a deciderla?

«Secondo me Dia fa un altro sport e mi viene quasi da dire che sia un giocatore fuori contesto, non che la Salernitana non meriti un attaccante come Dia, però è un giocatore che potrebbe tranquillamente giocare nella parte alta della classifica. Sanabria è una buona punta utile per mille motivi, che si sbatte molto, va sulla prima pressione e ti aiuta in difesa; ma il duello lo vince il senegalese. Sicuramente quella di domenica sarà una partita da Under, in queste partite e però difficile decretare chi arriverà alla via del gol».

spot_img
spot_img
spot_img

Notizie popolari