domenica 03 03 24
spot_img
HomeFrontpageGenoa-Salernitana, Colantuono: "Concentrato sulla gara di domenica"
spot_img

Genoa-Salernitana, Colantuono: “Concentrato sulla gara di domenica”

spot_imgspot_img

La Salernitana, nella giornata di domenica, sfiderà il Genoa in una partita fondamentale in chiave salvezza: mister Stefano Colantuono presenta il match in conferenza stampa.

Genoa-Salernitana, Colantuono: “Posta in palio alta”

La partita di domenica è fondamentale per i granata. La Salernitana di Colantuono deve vincere per continuare a rincorrere la zona salvezza.

Perotti e la gara salvezza di domenica

«Perotti è un giocatore che ha grande qualità, sono contento di allenarlo. Ha una storia pregressa che lo vede non calcare i campi da parecchio. La vedo difficile che possa incidere dall’inizio. Come altri ha bisogno di calcare il campo. La partita è una partita spartiacque come ha detto il direttore e ne prendo atto. Il rapporto mio con Sabatini va oltre il semplice lavoro allenatore-direttore».

Tattica

«Per fare un certo tipo di sistema di gioco ci vogliono le caratteristiche. Non è una questione di numeri. Abbiamo caratteristiche ben consolidate, poi scegliamo se giocare con due punte o con un trequartista. A centrocampo abbiamo due giocatori che non possono recuperare tutto il campo. Fare un 4-2-3-1 non ha senso, come parlare di numeri e buttare fumo negli occhi. Abbiamo alcune caratteristiche che però non è che non possiamo fare in corsa. Rischiare sì ma senza strafare. Nel primo tempo contro lo Spezia abbiamo pagato soltanto la novità di veder giocare i nuovi prendendo due gol da rigore ma Sepe non l’ho visto parare nessun tiro quindi abbiamo difeso bene».

L’organico

«Abbiamo dei giocatori che vengono da partite lunghe senza aver giocato. Dobbiamo metterli in condizione di farli giocare ma al momento le cose sono diverse. Abbiamo dei centrocampisti con delle attitudini, Radovanovic ad esempio è un po’ che non gioca e bisogna aiutarlo a livello tattico. Abbiamo tanti trequartisti che preferiscono giocare tra le linee. Oggi la soluzione migliore può essere questa ma valuteremo sempre tutto bene. Ederson e Mikael sono arrivati qui venerdì ma Ederson sta bene in Brasile giocava con continuità e non gli ho precluso nulla. Mikael è leggermente in ritardo di condizione al di là di un periodo di ambientamento in squadra. Da valutare anche Mousset con un piccolissimo problema fisico».

L’avversario

«Il Genoa è una squadra molto fisica che ha ritmo. Sarà una partita che prevedo molto lottata con una posta in palio molto alta. Il duello fisico e la corsa saranno predominanti. Per me è una settimana come le altre, conosco benissimo queste dinamiche di campo e sono concentrato sulla gara».

Bohinen e Ruggeri

«Bohinen avevo necessità di farli giocare e buttarli nel nostro campionato. Ho fatto una scelta perchè abbiamo tempi ristretti e devono conoscere presto i nostri ritmi. Siamo diventati tanti e dovrò mandare qualcuno in tribuna e ben venga l’abbondanza. Ruggeri sta lavorando a parte e sta svolgendo un percorso di recupero ma sono in via di guarigione».


spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
- Advertisment -spot_imgspot_img

Notizie popolari

spot_img

Genoa-Salernitana, Colantuono: “Concentrato sulla gara di domenica”

spot_imgspot_img

La Salernitana, nella giornata di domenica, sfiderà il Genoa in una partita fondamentale in chiave salvezza: mister Stefano Colantuono presenta il match in conferenza stampa.

Genoa-Salernitana, Colantuono: “Posta in palio alta”

La partita di domenica è fondamentale per i granata. La Salernitana di Colantuono deve vincere per continuare a rincorrere la zona salvezza.

Perotti e la gara salvezza di domenica

«Perotti è un giocatore che ha grande qualità, sono contento di allenarlo. Ha una storia pregressa che lo vede non calcare i campi da parecchio. La vedo difficile che possa incidere dall’inizio. Come altri ha bisogno di calcare il campo. La partita è una partita spartiacque come ha detto il direttore e ne prendo atto. Il rapporto mio con Sabatini va oltre il semplice lavoro allenatore-direttore».

Tattica

«Per fare un certo tipo di sistema di gioco ci vogliono le caratteristiche. Non è una questione di numeri. Abbiamo caratteristiche ben consolidate, poi scegliamo se giocare con due punte o con un trequartista. A centrocampo abbiamo due giocatori che non possono recuperare tutto il campo. Fare un 4-2-3-1 non ha senso, come parlare di numeri e buttare fumo negli occhi. Abbiamo alcune caratteristiche che però non è che non possiamo fare in corsa. Rischiare sì ma senza strafare. Nel primo tempo contro lo Spezia abbiamo pagato soltanto la novità di veder giocare i nuovi prendendo due gol da rigore ma Sepe non l’ho visto parare nessun tiro quindi abbiamo difeso bene».

L’organico

«Abbiamo dei giocatori che vengono da partite lunghe senza aver giocato. Dobbiamo metterli in condizione di farli giocare ma al momento le cose sono diverse. Abbiamo dei centrocampisti con delle attitudini, Radovanovic ad esempio è un po’ che non gioca e bisogna aiutarlo a livello tattico. Abbiamo tanti trequartisti che preferiscono giocare tra le linee. Oggi la soluzione migliore può essere questa ma valuteremo sempre tutto bene. Ederson e Mikael sono arrivati qui venerdì ma Ederson sta bene in Brasile giocava con continuità e non gli ho precluso nulla. Mikael è leggermente in ritardo di condizione al di là di un periodo di ambientamento in squadra. Da valutare anche Mousset con un piccolissimo problema fisico».

L’avversario

«Il Genoa è una squadra molto fisica che ha ritmo. Sarà una partita che prevedo molto lottata con una posta in palio molto alta. Il duello fisico e la corsa saranno predominanti. Per me è una settimana come le altre, conosco benissimo queste dinamiche di campo e sono concentrato sulla gara».

Bohinen e Ruggeri

«Bohinen avevo necessità di farli giocare e buttarli nel nostro campionato. Ho fatto una scelta perchè abbiamo tempi ristretti e devono conoscere presto i nostri ritmi. Siamo diventati tanti e dovrò mandare qualcuno in tribuna e ben venga l’abbondanza. Ruggeri sta lavorando a parte e sta svolgendo un percorso di recupero ma sono in via di guarigione».


spot_img
- Advertisment -spot_imgspot_img

Notizie popolari

Genoa-Salernitana, Colantuono: “Concentrato sulla gara di domenica”

spot_img

La Salernitana, nella giornata di domenica, sfiderà il Genoa in una partita fondamentale in chiave salvezza: mister Stefano Colantuono presenta il match in conferenza stampa.

Genoa-Salernitana, Colantuono: “Posta in palio alta”

La partita di domenica è fondamentale per i granata. La Salernitana di Colantuono deve vincere per continuare a rincorrere la zona salvezza.

Perotti e la gara salvezza di domenica

«Perotti è un giocatore che ha grande qualità, sono contento di allenarlo. Ha una storia pregressa che lo vede non calcare i campi da parecchio. La vedo difficile che possa incidere dall’inizio. Come altri ha bisogno di calcare il campo. La partita è una partita spartiacque come ha detto il direttore e ne prendo atto. Il rapporto mio con Sabatini va oltre il semplice lavoro allenatore-direttore».

Tattica

«Per fare un certo tipo di sistema di gioco ci vogliono le caratteristiche. Non è una questione di numeri. Abbiamo caratteristiche ben consolidate, poi scegliamo se giocare con due punte o con un trequartista. A centrocampo abbiamo due giocatori che non possono recuperare tutto il campo. Fare un 4-2-3-1 non ha senso, come parlare di numeri e buttare fumo negli occhi. Abbiamo alcune caratteristiche che però non è che non possiamo fare in corsa. Rischiare sì ma senza strafare. Nel primo tempo contro lo Spezia abbiamo pagato soltanto la novità di veder giocare i nuovi prendendo due gol da rigore ma Sepe non l’ho visto parare nessun tiro quindi abbiamo difeso bene».

L’organico

«Abbiamo dei giocatori che vengono da partite lunghe senza aver giocato. Dobbiamo metterli in condizione di farli giocare ma al momento le cose sono diverse. Abbiamo dei centrocampisti con delle attitudini, Radovanovic ad esempio è un po’ che non gioca e bisogna aiutarlo a livello tattico. Abbiamo tanti trequartisti che preferiscono giocare tra le linee. Oggi la soluzione migliore può essere questa ma valuteremo sempre tutto bene. Ederson e Mikael sono arrivati qui venerdì ma Ederson sta bene in Brasile giocava con continuità e non gli ho precluso nulla. Mikael è leggermente in ritardo di condizione al di là di un periodo di ambientamento in squadra. Da valutare anche Mousset con un piccolissimo problema fisico».

L’avversario

«Il Genoa è una squadra molto fisica che ha ritmo. Sarà una partita che prevedo molto lottata con una posta in palio molto alta. Il duello fisico e la corsa saranno predominanti. Per me è una settimana come le altre, conosco benissimo queste dinamiche di campo e sono concentrato sulla gara».

Bohinen e Ruggeri

«Bohinen avevo necessità di farli giocare e buttarli nel nostro campionato. Ho fatto una scelta perchè abbiamo tempi ristretti e devono conoscere presto i nostri ritmi. Siamo diventati tanti e dovrò mandare qualcuno in tribuna e ben venga l’abbondanza. Ruggeri sta lavorando a parte e sta svolgendo un percorso di recupero ma sono in via di guarigione».


spot_img

Notizie popolari