martedì 27 02 24
spot_img
HomeCalcioGli errori la fanno da padrone, la Cavese esce fuori dalla Coppa...
spot_img

Gli errori la fanno da padrone, la Cavese esce fuori dalla Coppa Italia

spot_imgspot_img

Termina per 3-1 la gara tra Fidelis Andria e Cavese, match valido per gli ottavi di finale di Coppa Italia Serie D. Gli aquilotti escono dalla Coppa, ma non è tutto da buttare quello che si è visto al Degli Ulivi di Andria.

Una buona prova non basta. Cavese eliminata

Nonostante mister Cinelli lasci a casa ben otto calciatori, la squadra in parte ha saputo cancellare la debaclé di domenica scorsa contro il Cassino. Anche con la sconfitta, la Cavese ha dettato i ritmi del gioco, rischiando veramente poco e nulla ma è stata punita da varie disattenzioni che l’hanno punita.

Primo tempo

Venendo alla gara già al quinto minuto la Fidelis si fa vedere dalle parti di Provitolo di Varsi, ma la palla va alta sopra la traversa.
Nel frattempo, però anche la Cavese si fa vedere dalle parti di Baietti ma Faella non riesce a concludere in porta. Dopo pochi minuti, gli aquilotti vanno vicinissimi al gol con Felleca. Angolo di Lops e colpo di testa del numero 10 metelliano che colpisce in pieno la traversa.

Ma al minuto 34 la Fidelis Andria va avanti. Cross dalla destra di Ferrara, mischia in area di rigore (Magri probabilmente sbilanciato proprio da Varsi), sfera che rimane tra Fraraccio e Magri ed arriva più lesto di tutto proprio l’ex Angri che deposita alle spalle di Provitolo per il vantaggio pugliese.
Non si scompone la Cavese che al 42′ va vicino al pari con Derosa che di poco da calcio di punizione non riesce a trovare il jolly. Nell’azione successiva ancora Cavese che viene bloccata da Padalino, il calciatore pugliese blocca Lops lanciato a rete da Felleca.

Secondo tempo

Nel secondo tempo mister Cinelli effettua un doppio cambio. Fuori Felleca e Konate, dentro Addessi e Sette. Parte meglio, però la Fidelis con Ferrara che di testa va vicino al gol, ma la palla va di poco al lato. Al 58′ ghiotta occasione per la Cavese. Scambio tra Antonelli e Gueye con quest’ ultimo serve in maniera sbagliata Addessi che spara alle stelle da ottima posizione.
Dopo due minuti l’Andria raddoppia. Da un azione di gioco innocua arriva il doppio vantaggio. Dopo un cross dalla sinistra sventato da Magri di testa, Russo svirgola la sfera che arriva tra i piedi di Varsi che anticipa Fraraccio (uno dei migliori) e di sforbiciata la deposita alle spalle di Provitolo, che forse avrebbe potuto fare qualcosa in più. Perde la testa Magri che forse per qualche protesta di troppo viene espulso dalla panchina subito dopo la sostituzione con Buschiazzo.

Al 74′ la Cavese rialza la testa. Cross di Fraraccio e Gueye viene atterato in area di rigore, per l’arbitro Lascaro non ci sono dubbi: rigore per la Cavese. Il designato per battere la massima punizione è proprio il nuovo arrivato Francesco Lops che prima di questa avventura a Cava, in Primavera con il Bari aveva realizzato 7 rigori su 7. Lops non sbaglia e porta gli aquilotti sul 2-1.  La Cavese ci crede, preme il piede sull’accellaratore potrebbe recuperare la gara, ma al minuto 87′ Provitolo incappa in un’errore e regala la sfera a Strambelli che chiude il match per 3-1 decretando l’uscita della Cavese dalla Coppa Italia.

Nonostante la sconfitta non è tutto da buttare per gli aquilotti che non hanno per nulla demeritato questo passivo così pesante, sicuramente è una buona iniezione di fiducia per la gara di domenica contro il Latte Dolce dove la Cavese dovrà tornare alla vittoria che manca da 4 gare compresa la Coppa Italia.

Il tabellino del match:

FIDELIS ANDRIA (3-5-2): Baietti; Ferrara, Telera, Padalino; Russo, Cecere, Bottalico (83′ Quitadamo), Cancelli (58′ Feola), Giambuzzi (89′ Scaringella); Varsi (71′ Strambelli), Sasanelli (73′ Ponzo). A disposizione: Fratti, Silvestri, Venazio, Lauriola. Allenatore. De Candia.

CAVESE (3-5-2): Provitolo; Fraraccio, Magri (60′ Buschiazzo), Derosa; Faella (82′ Mercurio), Antonelli, Lops, Konate (dal 46′ Sette), Polanco (71′ Collura); Gueye, Felleca (46′ Addessi). A disposizione: Barone S., Di Piazza, Natale, Barone M. Allenatore: Cinelli.

Arbitro: Lascaro (Matera)
Assistenti: Claps (Potenza) – Lombardi (Chieti)
Reti: 34′ Varsi (F) – 60′ Varsi (F) – 76′ Lops (C) – 87′ Strambelli (F)
Ammoniti: Telera (F), Giambuzzi (F), Ferrara (F), Cancelli (F), Antonelli (C), Gueye (C)
Note: Espulso Magri al 61′ dalla panchina
Recupero: 1 – 4

spot_img
spot_img
spot_img
Ugo D'Amico
Ugo D'Amico
Classe 1996, giornalista pubblicista dal 2022 e prossimo alla laurea in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Nato praticamente con una palla tra i piedi, ma vista la scarsa qualità il sogno ora è di raccontare le mille emozioni che regala quel magico prato verde. Sono cresciuto seguendo le gesta di: Del Piero, Buffon, Ronaldo, Messi e tanti altri. Appassionato di calcio locale, passione che permette di capire a 360° le innumerevoli sfaccettature che sono presenti in questo fantastico mondo.
spot_img
- Advertisment -spot_imgspot_img

Notizie popolari

spot_img

Gli errori la fanno da padrone, la Cavese esce fuori dalla Coppa Italia

spot_imgspot_img

Termina per 3-1 la gara tra Fidelis Andria e Cavese, match valido per gli ottavi di finale di Coppa Italia Serie D. Gli aquilotti escono dalla Coppa, ma non è tutto da buttare quello che si è visto al Degli Ulivi di Andria.

Una buona prova non basta. Cavese eliminata

Nonostante mister Cinelli lasci a casa ben otto calciatori, la squadra in parte ha saputo cancellare la debaclé di domenica scorsa contro il Cassino. Anche con la sconfitta, la Cavese ha dettato i ritmi del gioco, rischiando veramente poco e nulla ma è stata punita da varie disattenzioni che l’hanno punita.

Primo tempo

Venendo alla gara già al quinto minuto la Fidelis si fa vedere dalle parti di Provitolo di Varsi, ma la palla va alta sopra la traversa.
Nel frattempo, però anche la Cavese si fa vedere dalle parti di Baietti ma Faella non riesce a concludere in porta. Dopo pochi minuti, gli aquilotti vanno vicinissimi al gol con Felleca. Angolo di Lops e colpo di testa del numero 10 metelliano che colpisce in pieno la traversa.

Ma al minuto 34 la Fidelis Andria va avanti. Cross dalla destra di Ferrara, mischia in area di rigore (Magri probabilmente sbilanciato proprio da Varsi), sfera che rimane tra Fraraccio e Magri ed arriva più lesto di tutto proprio l’ex Angri che deposita alle spalle di Provitolo per il vantaggio pugliese.
Non si scompone la Cavese che al 42′ va vicino al pari con Derosa che di poco da calcio di punizione non riesce a trovare il jolly. Nell’azione successiva ancora Cavese che viene bloccata da Padalino, il calciatore pugliese blocca Lops lanciato a rete da Felleca.

Secondo tempo

Nel secondo tempo mister Cinelli effettua un doppio cambio. Fuori Felleca e Konate, dentro Addessi e Sette. Parte meglio, però la Fidelis con Ferrara che di testa va vicino al gol, ma la palla va di poco al lato. Al 58′ ghiotta occasione per la Cavese. Scambio tra Antonelli e Gueye con quest’ ultimo serve in maniera sbagliata Addessi che spara alle stelle da ottima posizione.
Dopo due minuti l’Andria raddoppia. Da un azione di gioco innocua arriva il doppio vantaggio. Dopo un cross dalla sinistra sventato da Magri di testa, Russo svirgola la sfera che arriva tra i piedi di Varsi che anticipa Fraraccio (uno dei migliori) e di sforbiciata la deposita alle spalle di Provitolo, che forse avrebbe potuto fare qualcosa in più. Perde la testa Magri che forse per qualche protesta di troppo viene espulso dalla panchina subito dopo la sostituzione con Buschiazzo.

Al 74′ la Cavese rialza la testa. Cross di Fraraccio e Gueye viene atterato in area di rigore, per l’arbitro Lascaro non ci sono dubbi: rigore per la Cavese. Il designato per battere la massima punizione è proprio il nuovo arrivato Francesco Lops che prima di questa avventura a Cava, in Primavera con il Bari aveva realizzato 7 rigori su 7. Lops non sbaglia e porta gli aquilotti sul 2-1.  La Cavese ci crede, preme il piede sull’accellaratore potrebbe recuperare la gara, ma al minuto 87′ Provitolo incappa in un’errore e regala la sfera a Strambelli che chiude il match per 3-1 decretando l’uscita della Cavese dalla Coppa Italia.

Nonostante la sconfitta non è tutto da buttare per gli aquilotti che non hanno per nulla demeritato questo passivo così pesante, sicuramente è una buona iniezione di fiducia per la gara di domenica contro il Latte Dolce dove la Cavese dovrà tornare alla vittoria che manca da 4 gare compresa la Coppa Italia.

Il tabellino del match:

FIDELIS ANDRIA (3-5-2): Baietti; Ferrara, Telera, Padalino; Russo, Cecere, Bottalico (83′ Quitadamo), Cancelli (58′ Feola), Giambuzzi (89′ Scaringella); Varsi (71′ Strambelli), Sasanelli (73′ Ponzo). A disposizione: Fratti, Silvestri, Venazio, Lauriola. Allenatore. De Candia.

CAVESE (3-5-2): Provitolo; Fraraccio, Magri (60′ Buschiazzo), Derosa; Faella (82′ Mercurio), Antonelli, Lops, Konate (dal 46′ Sette), Polanco (71′ Collura); Gueye, Felleca (46′ Addessi). A disposizione: Barone S., Di Piazza, Natale, Barone M. Allenatore: Cinelli.

Arbitro: Lascaro (Matera)
Assistenti: Claps (Potenza) – Lombardi (Chieti)
Reti: 34′ Varsi (F) – 60′ Varsi (F) – 76′ Lops (C) – 87′ Strambelli (F)
Ammoniti: Telera (F), Giambuzzi (F), Ferrara (F), Cancelli (F), Antonelli (C), Gueye (C)
Note: Espulso Magri al 61′ dalla panchina
Recupero: 1 – 4

spot_img
Ugo D'Amico
Ugo D'Amico
Classe 1996, giornalista pubblicista dal 2022 e prossimo alla laurea in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Nato praticamente con una palla tra i piedi, ma vista la scarsa qualità il sogno ora è di raccontare le mille emozioni che regala quel magico prato verde. Sono cresciuto seguendo le gesta di: Del Piero, Buffon, Ronaldo, Messi e tanti altri. Appassionato di calcio locale, passione che permette di capire a 360° le innumerevoli sfaccettature che sono presenti in questo fantastico mondo.
- Advertisment -spot_imgspot_img

Notizie popolari

Gli errori la fanno da padrone, la Cavese esce fuori dalla Coppa Italia

spot_img

Termina per 3-1 la gara tra Fidelis Andria e Cavese, match valido per gli ottavi di finale di Coppa Italia Serie D. Gli aquilotti escono dalla Coppa, ma non è tutto da buttare quello che si è visto al Degli Ulivi di Andria.

Una buona prova non basta. Cavese eliminata

Nonostante mister Cinelli lasci a casa ben otto calciatori, la squadra in parte ha saputo cancellare la debaclé di domenica scorsa contro il Cassino. Anche con la sconfitta, la Cavese ha dettato i ritmi del gioco, rischiando veramente poco e nulla ma è stata punita da varie disattenzioni che l’hanno punita.

Primo tempo

Venendo alla gara già al quinto minuto la Fidelis si fa vedere dalle parti di Provitolo di Varsi, ma la palla va alta sopra la traversa.
Nel frattempo, però anche la Cavese si fa vedere dalle parti di Baietti ma Faella non riesce a concludere in porta. Dopo pochi minuti, gli aquilotti vanno vicinissimi al gol con Felleca. Angolo di Lops e colpo di testa del numero 10 metelliano che colpisce in pieno la traversa.

Ma al minuto 34 la Fidelis Andria va avanti. Cross dalla destra di Ferrara, mischia in area di rigore (Magri probabilmente sbilanciato proprio da Varsi), sfera che rimane tra Fraraccio e Magri ed arriva più lesto di tutto proprio l’ex Angri che deposita alle spalle di Provitolo per il vantaggio pugliese.
Non si scompone la Cavese che al 42′ va vicino al pari con Derosa che di poco da calcio di punizione non riesce a trovare il jolly. Nell’azione successiva ancora Cavese che viene bloccata da Padalino, il calciatore pugliese blocca Lops lanciato a rete da Felleca.

Secondo tempo

Nel secondo tempo mister Cinelli effettua un doppio cambio. Fuori Felleca e Konate, dentro Addessi e Sette. Parte meglio, però la Fidelis con Ferrara che di testa va vicino al gol, ma la palla va di poco al lato. Al 58′ ghiotta occasione per la Cavese. Scambio tra Antonelli e Gueye con quest’ ultimo serve in maniera sbagliata Addessi che spara alle stelle da ottima posizione.
Dopo due minuti l’Andria raddoppia. Da un azione di gioco innocua arriva il doppio vantaggio. Dopo un cross dalla sinistra sventato da Magri di testa, Russo svirgola la sfera che arriva tra i piedi di Varsi che anticipa Fraraccio (uno dei migliori) e di sforbiciata la deposita alle spalle di Provitolo, che forse avrebbe potuto fare qualcosa in più. Perde la testa Magri che forse per qualche protesta di troppo viene espulso dalla panchina subito dopo la sostituzione con Buschiazzo.

Al 74′ la Cavese rialza la testa. Cross di Fraraccio e Gueye viene atterato in area di rigore, per l’arbitro Lascaro non ci sono dubbi: rigore per la Cavese. Il designato per battere la massima punizione è proprio il nuovo arrivato Francesco Lops che prima di questa avventura a Cava, in Primavera con il Bari aveva realizzato 7 rigori su 7. Lops non sbaglia e porta gli aquilotti sul 2-1.  La Cavese ci crede, preme il piede sull’accellaratore potrebbe recuperare la gara, ma al minuto 87′ Provitolo incappa in un’errore e regala la sfera a Strambelli che chiude il match per 3-1 decretando l’uscita della Cavese dalla Coppa Italia.

Nonostante la sconfitta non è tutto da buttare per gli aquilotti che non hanno per nulla demeritato questo passivo così pesante, sicuramente è una buona iniezione di fiducia per la gara di domenica contro il Latte Dolce dove la Cavese dovrà tornare alla vittoria che manca da 4 gare compresa la Coppa Italia.

Il tabellino del match:

FIDELIS ANDRIA (3-5-2): Baietti; Ferrara, Telera, Padalino; Russo, Cecere, Bottalico (83′ Quitadamo), Cancelli (58′ Feola), Giambuzzi (89′ Scaringella); Varsi (71′ Strambelli), Sasanelli (73′ Ponzo). A disposizione: Fratti, Silvestri, Venazio, Lauriola. Allenatore. De Candia.

CAVESE (3-5-2): Provitolo; Fraraccio, Magri (60′ Buschiazzo), Derosa; Faella (82′ Mercurio), Antonelli, Lops, Konate (dal 46′ Sette), Polanco (71′ Collura); Gueye, Felleca (46′ Addessi). A disposizione: Barone S., Di Piazza, Natale, Barone M. Allenatore: Cinelli.

Arbitro: Lascaro (Matera)
Assistenti: Claps (Potenza) – Lombardi (Chieti)
Reti: 34′ Varsi (F) – 60′ Varsi (F) – 76′ Lops (C) – 87′ Strambelli (F)
Ammoniti: Telera (F), Giambuzzi (F), Ferrara (F), Cancelli (F), Antonelli (C), Gueye (C)
Note: Espulso Magri al 61′ dalla panchina
Recupero: 1 – 4

Ugo D'Amico
Ugo D'Amico
Classe 1996, giornalista pubblicista dal 2022 e prossimo alla laurea in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Nato praticamente con una palla tra i piedi, ma vista la scarsa qualità il sogno ora è di raccontare le mille emozioni che regala quel magico prato verde. Sono cresciuto seguendo le gesta di: Del Piero, Buffon, Ronaldo, Messi e tanti altri. Appassionato di calcio locale, passione che permette di capire a 360° le innumerevoli sfaccettature che sono presenti in questo fantastico mondo.
spot_img

Notizie popolari