lunedì 24 06 24
spot_img
HomeCalcioCavese: venerdì verranno ricordati Catello Mari e Antonio Vanacore
spot_img

Cavese: venerdì verranno ricordati Catello Mari e Antonio Vanacore

spot_img
spot_img

Venerdì 16 aprile saranno ricordati Catello Mari e Antonio Vanacore, rispettivamente ex calciatore ed allenatore in seconda della Cavese.

Cavese: Mari e Vanacore ricordati in una Santa Messa

Il 16 aprile per i tifosi metelliani è una data difficile da dimenticare. Nella giornata di Pasqua di 15 anni fa, lasciava la vita terrena Catello Mari, calciatore della Cavese scomparso in un tragico incidente stradale all’indomani della promozione in Serie C1 dei metelliani.

Il 16 marzo, invece, ricorre il trigesimo della scomparsa di Antonio Vanacore, che è stato l’allenatore in seconda dei metelliani per due anni.

Venerdi 16 aprile alle ore 19:00 sarà celebrata una Santa Messa. Funzione che verrà dedicata a Vanacore e a Mari scomparsi tragicamente in circostanze diverse. La Curva Sud Catello Mari ha voluto dedicare alcune parole in onore di Mari e Vanacore. La messa sarà celebrata alla chiesa di San Francesco e Sant’Antonio a Cava de’ Tirreni.

Il messaggio della Curva Sud Catello Mari

«Quindici anni senza Catello, quindici anni da quella gioia improvvisamente tramutata in pianto. Un tempo lungo che però non ha sbiadito il ricordo di un guerriero la cui forza

cavese-ultrascontinua a vivere nelle azioni della “sua curva”. Nei cuori di chi lo ha conosciuto in campo e fuori e nella leggenda, che ancora si tramanda, tra le nuove generazioni.

Catello, col suo sorriso, ha saputo incarnare lo spirito di un intero popolo, lottando su ogni pallone, ruggendo contro ogni avversario e dando tutto per una maglia che oggi, invece, è così maldestramente mortificata.

Proprio per questo, in occasione del prossimo venerdì 16 Aprile (data in cui cadrà anche il trigesimo di Antonio Vanacore). Ricorderemo chi ci ha lasciato indossando fieramente i nostri colori e lo faremo con una cerimonia religiosa che si svolgerà alle 19:00 presso la chiesa di San Francesco e Sant’Antonio.

Per l’occasione invitiamo tutti a portare la sciarpa dedicata al nostro Leone, per poterla poi alzare al cielo in una sciarpata unica che innalzi il nostro amore fin lassù».

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
Ugo D'Amico
Ugo D'Amico
Classe 1996, giornalista pubblicista dal 2022 e prossimo alla laurea in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Nato praticamente con una palla tra i piedi, ma vista la scarsa qualità il sogno ora è di raccontare le mille emozioni che regala quel magico prato verde. Sono cresciuto seguendo le gesta di: Del Piero, Buffon, Ronaldo, Messi e tanti altri. Appassionato di calcio locale, passione che permette di capire a 360° le innumerevoli sfaccettature che sono presenti in questo fantastico mondo.
spot_img

Notizie popolari