domenica 21 07 24
spot_img
HomeFrontpageLe parole di Carmine Esposito sul prossimo allenatore della Salernitana
spot_img

Le parole di Carmine Esposito sul prossimo allenatore della Salernitana

spot_img
spot_img

L’ex calciatore, e ora allenatore, Carmine Esposito, è intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo per parlare di quello che sarà, con ogni probabilità, il prossimo allenatore della Salernitana: Giovanni Martusciello. Ecco le sue parole.

Carmine Esposito: “Salernitana riparta da zero”

Da giocatore una carriera da attaccante con le maglie, tra le tante, di Empoli e Sampdoria. Ora l’esperienza da allenatore dell’Imolese femminile. Carmine Esposito è stato ospite di Radio Punto Nuovo, dove è intervenuto per parlare del suo amico e collega Giovanni Martusciello, prossimo tecnico della Salernitana. Ecco le sue parole.


Potrebbe interessarti anche:


«Martusciello? È stato ed è un grande amico. Ha avuto la fortuna e l’opportunità di seguire due grandissimi allenatori, prima Spalletti, poi Sarri. Ha imparato tanto. Sarà una bella sfida, lui è uomo del sud, in una piazza così importante farà bene. Partirà a mille. È assolutamente motivato».

«Penso che la cosa più importante sia la scelta dell’allenatore. Dopo ciò che è successo con Sottil c’era scetticismo. Salerno è scottata dalla retrocessione dell’anno scorso, quindi si aspettava un cambio di panchina e di organico. Poi al sud, si sa, di pazienza ce n’è poca».

«Oltre alla retrocessione, con la brutta stagione, quest’anno si può ridimensionare tutto. Purtroppo in Italia non si aspetta. La Salernitana deve ripartire da zero, ricominciare con calma con gente che crede nel progetto».

«Riconqusitare la tifoseria? Con una campagna acquisti che fa piacere alla gente puoi riavere l’entusiasmo. Salerno è una di quelle piazze in cui basta poco per riaccendere l’entusiasmo. La tifoseria granata può dimenticare tutto se si rimettono le cose in sesto e si parte bene in campionato».

«Martusciello sa quello che deve fare. Prima si sistema la situazione giocatori e società meglio è. Poi Giovanni lavorerà bene. Mancanza di esperienze da primo allenatore? Con la sua personalità non avrà problemi, anche da collaboratore faceva tanto. Si è sempre sentito coinvolto. Dimostrerà il suo valore».

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Notizie popolari