mercoledì, Ottobre 20, 2021
Realizza con Kynetic web agency di Salerno il tuo sito web ecommerce di successo in sole 72 ore con pagamento a rate mensili

HomeSportVincenzo Dolce racconta le emozioni dello scudetto

Vincenzo Dolce racconta le emozioni dello scudetto

Il pallanuotista salernitano Vincenzo Dolce, difensore dell’ AN Brescia e della nazionale italiana, ospite nel nostro notiziario sportivo, racconta le sue emozioni.

Chi è Vincenzo Dolce

Salernitano purosangue, pallanuotista, di ruolo difensore. Ecco chi è Vincenzo Dolce, laureatosi, qualche giorno fa, campione d’Italia con l’AN Brescia. Cioè, un’impresa nell’impresa: vincere lo scudetto di pallanuoto e sconfiggendo, allo stesso tempo, i pluridecorati campioni del Pro Recco, vincitori del titolo degli ultimi tredici anni. Mentre il Brescia collezionava dodici secondi posti.

Nato a Salerno ventisei anni fa, Dolce compie le prime bracciate con i colori del Circolo Nautico Salerno. Si trasferisce nell’altra piscina salernitana, quella della Rari Nantes Salerno, ma viene subito notato dagli osservatori delle squadre più blasonate. Quindi Napoli, Posillipo (con cui vince la Len Euro Cup) e Circolo Canottieri, Busto Arsizio e, infine, Brescia. Questo il percorso delle squadre di club. Ma non è tutto. Lungimiranza e forza di volontà, per Vincenzo Dolce, che si laurea in giurisprudenza mentre si trova in ritiro con la nazionale ed in pieno lockdown.

La Nazionale

Splendido anche il cammino con la Nazionale. L’Italia vince, infatti, la XVIII edizione dei Campionati del Mondo 2019 di Gwangju, portando a casa il trofeo per la quarta volta, sconfiggendo in finale la Spagna con Dolce che realizza una doppietta. A seguito di questo risultato, i giocatori vengono ricevuti dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e premiati con il collare d’oro al merito sportivo. Prossimo obiettivo sono, naturalmente, le Olimpiadi di Tokyo.

Le parole di Vincenzo Dolce

«Vincere questo scudetto è stato più difficile che vincere il mondiale. Abbiamo battuto il Pro Recco, una squadra incredibile, fortissima, stellare. Non era pronosticabile, credo sia stata la vittoria del collettivo.

Un po’ come per la Salernitana. È stato proprio un anno fantastico, quasi perfetto. Tra poco abbiamo il raduno con la nazionale per cominciare la preparazione, sempre attendendo la convocazione, che non è mai scontata..

Ad ogni modo, incontreremo tante difficoltà, a partire dal fatto che siamo stati due anni fermi e sicuramente troveremo un po’ tutto cambiato […] ci sono sei o sette squadre che possono vincere. Dovremo essere preparati al meglio. Prima, però, abbiamo abbiamo l’appuntamento del 5 giugno a Belgrado per la Champions».

Infine, un passo indietro: «Giocare senza tifosi è stato brutto. parlo per noi ma anche per la Salernitana […] Abbiamo giocato nel tempio della pallanuoto e, magari, con i tifosi, i nostri avversari avrebbero vinto qualche partita in più…. Ma giocare con la presenza del pubblico, esultare sotto i propri tifosi è senza dubbio impagabile, per noi come per la Salernitana che potrò andare a vedere quando giocherà a Milano o Bergamo». Già, la promozione della Salernitana: «Onestamente sono rimasto sorpreso. Con il passare del tempo vedevo in campo un gruppo unito che lottava su ogni pallone.  Le qualità di ognuno sono state messe a disposizione  del gruppo per un unico obiettivo».


Potrebbe interessarti anche:

Tony Granato
Anni giovanili in radio. Poi tanti anni (e tante notti) ad organizzare serate nei locali. Ora l'esperienza con SalernoSport24
- Advertisment -SInfissi a Salerno con lo sconto del 50% ecobonus e se acquisti anche le porte Finmaster offre uno sconto del 50%

SempreFarmacia.it acquista on line

Top Vacanze agenzia di viaggio a Salerno

Soluzio di Agos Ducato agenzia di Salerno, prestiti personali, cessione del quinto

Grill House Salerno - braceria e birreria a Salerno consegna a domicilio

Kynetic realizzazione siti web a Salerno

Most Popular

Recent Comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: