lunedì 22 04 24
spot_img
HomeFrontpageStefano Colantuono in sala stampa: "Dobbiamo rispettare chi ci paga"
spot_img

Stefano Colantuono in sala stampa: “Dobbiamo rispettare chi ci paga”

spot_imgspot_img

Non parte bene la terza avventura di Stefano Colantuono sulla panchina della Salernitana. Il 3-0 in casa del Bologna, nella 30ª giornata del campionato di Serie A, segna la terza sconfitta consecutiva. A fine partita il tecnico romano arriva in sala stampa.

Stefano Colantuono in sala stampa

La Salernitana appare con un po’ più di voglia rispetto alle ultime scialbe prestazioni e il 3-0 per i felsinei sembra una misura troppo severa per una squadra che c’ha provato. I rossoblù vincono con merito certamente ma Simy e Tchaouna sono pericolosi in un più di un’occasione. A fine gara Colantuono giunge in sala stampa per rispondere alle domande dei giornalisti.

«È una partita difficile da giudicare, l’avevamo preparata in una certa maniera, cercando di dare un po’ di profondità. Abbiamo avuto la possibilità di pareggiare, ma purtroppo ci sono state giocate importanti da parte dei nostri avversari e che l’hanno indirizzata nella loro direzione, ma come si è preso il terzo gol mi scoccia parecchio. Una partita complicata, il Bologna sta passando un momento super positivo e penso sia una delle squadre più difficili da affrontare in questo momento».

«I numeri negativi ed eventuali record, non m’interessa, dobbiamo solo ringraziare e dare onore e rispettare l’ambiente. Contro il Sassuolo tutto per tutto, e giocherà chi meriterà».

«Non sono dispiaciuto al 100% della partita di oggi, ma sono stato costretto ad effettuare dei cambi. Non conosco medicine per cambiare la situazione, l’unica cosa è lavorare. La squadra ha fatto quello che poteva fare, volevo rendermi un po’ più pericoloso con Tchaouna, e in parte c’è riuscito. Ho preferito farlo giocarlo in quel ruolo, da esterno d’attacco e lo ritengo un simil Orsolini, ma bisogna mantenere gli equilibri».

«Poi il Bologna è squadra che sta vicino alla Juve, magari segni quel gol di Simy… e avresti comunque perso. Infatti c’è rammaricato per il mancato gol di Simy perché le partite si vincono anche con degli episodi».

«I giocatori devono avere la coscienza del fatto che non dobbiamo andare dietro la classifica… la partita contro il Sassuolo non è la partita dell’anno e perché bisogna chiudere in maniera dignitosa. Anche perché la matematica non c’è ancora, e se dovessimo avere anche lo 0.1% dobbiamo giocarcela. Dobbiamo rispettare chi ci paga, e chi ci segue, soprattutto per i tanti Salernitani accorsi qui… e Salerno non è dietro l’angolo».

Francesco Saggese

spot_img
spot_img
spot_img

Notizie popolari