mercoledì 24 04 24
spot_img
HomeSportBASKETScafati si ferma a Trento. Boniciolli in sala stampa: "Noi continuiamo a...
spot_img

Scafati si ferma a Trento. Boniciolli in sala stampa: “Noi continuiamo a lottare”

spot_imgspot_img

Rammarico sul finale per lo Scafati Basket, che non riesce a contrastare la rimonta del Trento di Galbiati. «Noi continuiamo a lottare», ha affermato Boniciolli in sala stampa.

Scafati Basket, finisce 84-79 a Trento

Pur avendo dominato gran parte del match e goduto di un ampio margine di vantaggio, lo Scafati ha visto sfumare la vittoria negli ultimi istanti, in particolare dopo l’eliminazione di Robinson per falli. Questo momento ha segnato una svolta, favorendo la rimonta di Trento. Durante la sfida, i gialloblù hanno dovuto fare a meno del capitano Rossato, assente per infortunio.


Potrebbe interessarti anche:


“Peccato, la squadra ha giocato bene”, Boniciolli in sala stampa

Il coach gialloblù, Matteo Boniciolli, al termine dell’incontro ha affermato: «Ho un solo grande rammarico: in una partita condotta per 37 minuti, il 7 su 18 ai tiri liberi ci ha penalizzato in maniera drammatica. Peccato, perché la squadra ha giocato bene e fatto quello che poteva. Abbiamo commesso comunque degli errori. Siamo poi arrivati senza Rossato, per cui ho dovuto allungare il minutaggio di Robinson, che ha giocato molto bene ed ho scelto di tenerlo in campo anche nel finale, seppur gravato di falli, perché temevo che Gentile potesse essere aggredito. Faccio i complimenti a Trento, perché così come abbiamo fatto noi in casa contro Tortona, pur restando sotto per 37 minuti, ha sempre creduto nel proprio sistema. Noi continuiamo a lottare per il doppio obiettivo: salvezza e playoff. Anche stasera la squadra ha dimostrato di essere seria, di lottare e combattere».

“La partita per noi non è stata facile”, le parole di Galbiati

Il coach del Trento, Paolo Galbiati, in sala stampa ha dichiarato: «La partita per noi non è stata facile, abbiamo avuto la forza di restare sempre lì, di coinvolgere il palazzetto, di attaccare con lucidità contro una squadra brava a chiudere l’area con fisicità ed esperienza. Ringrazio una volta di più lo staff medico che ha lavorato tantissimo per “rimettere in piedi” giocatori con infortuni e fastidi e ora giocheremo cinque partite fondamentali per la nostra corsa playoff».

spot_img
spot_img
spot_img

Notizie popolari