venerdì 09 12 22
HomeEsclusiveIntervista a Claudio Ferrarese: "Fiore all'occhiello della Salernitana è Candreva"

Intervista a Claudio Ferrarese: “Fiore all’occhiello della Salernitana è Candreva”

- Advertisment -spot_img

In vista del prossimo match Salernitana-Verona, in programma domenica ore 15:00, abbiamo raggiunto telefonicamente il doppio ex, Claudio Ferrarese.

Claudio Ferrarese: “Davide Nicola merita fiducia”

Claudio Ferrarese è un ex centrocampista del Verona e della Salernitana. Inizia la sua carriera nelle giovanili del Verona, e nel corso della sua carriera veste anche altre maglie importanti come quelle del Cagliari, Torino, Spezia. Con la maglia simboleggiante il cavalluccio marino stampato sul petto ha giocato nella stagione 2004-2005 ed è stato uno dei protagonisti dell’ultima Salernitana di Aliberti raggiungendo una salvezza tranquilla.
Nel 2017 appende le scarpette al chiodo. Attualmente è dirigente sportivo del Vigasio.

Al momento la Salernitana ha sette punti in classifica, si aspettava questo avvio?

«Si pensava di fare qualcosa in più, però comunque è 14esima in classifica. Pesa la sconfitta in casa con il Lecce. Ritrovarsi a dieci punti sarebbe stata un’altra cosa. In Serie A non è facile, nulla è scontato; ci sono squadre sotto che sono agguerrite. Sarà un campionato difficile. Qualche punto in più potevo aspettarmelo, ma oggi la Salernitana è fuori dalla zona turistica e questo è l’importante».

Domenica Salernitana-Verona, che partita credi che sia?

«Sarà un bella partita, entrambe le squadre non possono permettersi di perdere. La Salernitana ha la possibilità di staccare il Verona di cinque punti e, giocando in casa, sicuramente vorrà fare il bottino pieno. Può succedere di tutto: sarà una partita tosta».

Se i granata domenica dovessero perdere, darebbe ancora fiducia a Nicola?

«Sì, Davide Nicola ha fatto qualcosa di irripetibile l’anno scorso a Salerno. Merita rispetto, gratitudine e comunque bisogna far lavorare gli allenatori. La Salernitana è in una posizione di classifica dove può far ancora bene. Se dovesse perdere domenica sarebbe una brutta battuta d’arresto, ma comunque il campionato è ancora lungo. Dipende anche come si perde».

C’è un giocatore della Salernitana che l’ha colpita maggiormente?

«Il fiore all’occhiello di questa squadra è Candreva. Lui deve fare la differenza ed è un giocatore che può spostare gli equilibri. Gli altri giocatori sono sicuramente Bonazzoli, Mazzocchi e Piatek».

Di cosa si occupa attualmente e quali sono i suoi obiettivi?

«Attualmente faccio il direttore sportivo del Vigasio, una squadra di eccellenza. Gli obiettivi sono di salire di categoria il prima possibile e, un giorno, di arrivare a fare il DS nei professionisti».

- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

Notizie popolari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: