martedì 25 06 24
spot_img
HomeFrontpageColantuono: "Salerno merita la Serie A tutta la vita"
spot_img

Colantuono: “Salerno merita la Serie A tutta la vita”

spot_img
spot_img

La Salernitana fa un passo indietro in termini di consistenza in campo nel match interno con il Verona, nell’atto conclusivo della 37ª giornata. L’1-2 del campo è anche un risultato un po’ stretto agli ospiti. Unica nota lieta è l’esordio del giovane Fusco, figlio di Luca e nipote di Enzo.

La Salernitana si arrende anche al Verona

Stefano Colantuono parla della partita vista dalla panchina, quella che ha visto la sua squadra alzare bandiera bianca con il Verona che, per la seconda volta, esulta per un traguardo centrato sul prato dello stadio “Arechi”. L’unica nota lieta della serata è la storia della famiglia Fusco: dopo papà Luca e lo zio Enzo, esordio per Gerardo che ha anche fatto vedere buoni numeri.

Per il resto cala il sipario sull’ultima gara casalinga, e dire che era iniziato con la solita maestosa scenografia della Curva Sud Siberiano, tutto poi finito con Candreva, a confronto con gli ultras, e ‘cacciato’ nel peggiore dei modi, sotto una pioggia di fischi ed altro.

Le dichiarazioni di Colantuono

«Il primo tempo non mi è piaciuto in virtù della gara di Torino. Sono un po’ arrabbiato, c’è stato un crollo mentale, qualcosa si è fatto nel secondo tempo, ma poca roba».

«Io faccio parte del club, ho un contratto. La prossima settimana parleremo e vedremo che cosa si farà. Questa è stata una parentesi che io ho dedicato in quanto il club ne aveva bisogno».

«È la società che decide quale sarà il futuro, e i tifosi non si possono che ringraziare. Fare una scenografia come quella di oggi a fronte di una retrocessione già sancita è un lusso. Questa è una piazza che merita la Serie A tutta la vita e l’ha dimostrato».

«Felice per Gerardo (Fusco, ndr), qualche volta ci scherziamo io e il padre. È un ragazzo che si impegna tanto, era già un leader con la Primavera».

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Notizie popolari