mercoledì 27 07 22
HomeCalciomercatoIl punto sul mercato della Salernitana

Il punto sul mercato della Salernitana

Si delineano le falle in cui Da Sanctis dovrà operare in questa fase di mercato della Salernitana. Dopo la gara con il Wieczysta Cracovia sono salite al pettine molte delle difficoltà che presenta la squadra nel 17° giorno di ritiro in Austria.

Ora serve di più dal mercato, Salernitana a lavoro

Nel giorno in cui è apparso chiaro una volta di più il destino di Pasquale Mazzocchi (direzione Monza), alla Salernitana è il giorno in cui si fa il punto della situazione. Con lo sfortunato KO di Lovato, l’evidente esiguità del centrocampo, per non parlare dell’attacco, De Sanctis e il suo staff sono chiamati agli straordinari per far trovare a mister Nicola una squadra quanto meno pronta per la prima di campionato.

L’amichevole contro i polacchi del Wieczysta Cracovia ha evidenziato anche cose buone. L’ottimo stato di forma di monsieur Ribéry, i buoni movimenti di Botheim, e il clamoroso stato di forma di Kristoffersen che si è guadagnato la considerazione sul campo, così come si concerne a qualsiasi calciatore. Ottime notizie, ma è ancora troppo poco, e i punti ad inizio campionato valgono quanto quelli della parte finale.

Altri nomi, prima la difesa

Se prima bastava un solo nome per per completare la difesa, ora ne serviranno due. L’infortunio rimediato da Lovato, potrebbe costare, ben che vada, un mese di stop, più poi la riabilitazione. Torna quindi in auge Luca Ranieri; il difensore non rientra nei progetti della Fiorentina, solo ieri si è unito al gruppo Viola, ma ha già la valigia in mano. La Salernitana è in testa ai suoi desideri, e De Sanctis potrebbe accontentarlo dopo l’ottimo campionato chiuso con l’Ippocampo sul petto. Sul taccuino c’era anche Barba del Benevento, ma i sanniti non lo molleranno facilmente.

Il centrocampo

Neanche il tempo di pensare a Ascacíbar, che la Cremonese ci si è fiondata sopra e l’ha messo sotto contratto. Menino resta per ora una suggestione perché la prima scelta della Salernitana, qualora si liberasse un posto extracomunitario, è Yusf Yazici. Il lista ci sarebbe anche Rog del Cagliari, ma i sardi non lo lasceranno partire. A Nicola piace Djuricic, il giocatore è svincolato e potrebbe anche arrivare subito, la firma in calce non è ancora arrivata poiché il calciatore sta aspettando la chiamata del Torino.

L’attacco e le sue spine

La cintola in su e come la si vuol chiamare, rappresenta il male maggiore di questa Salernitana al momento. Con Mikael e Simy fuori dal progetto, resta poco su cui puntare. Quel poco, ma con tanta caparbietà, se l’è conquistato Julien Kristoffersen, e ne va dato atto. Il norvegese non ha avuto vita facile in Italia fino ad ora: già arrivando dalla B coreana, portava con sé l’etichetta del ‘brocco’, finanche pure al Cosenza era stato messo da parte in un momento che ai silani serviva un attaccante. In Austria però ha saputo sfruttare al massimo la vetrina che la Salernitana gli ha messo a disposizione, e potrebbe avere mercato.

I granata poi hanno aspettato un tempo indefinito Bonazzoli. Alla fine il pistolero non è arrivato… ma non potrebbe giungere un altro. Pare, infatti, che i granata siano sulle tracce di Piatek, attaccante dell’Hertha Berlino che conosce bene il campionato italiano. I granata sono ancora in attesa di una risposta da Boulaye Dia, mentre c’è, invece, un ‘sì’ in tempi non sospetti da Simone Verdi. Quel che poco piace è però la richiesta del Torino. Poi c’è anche Marcos Paulo, attaccante dell’Atletico Madrid accostato al Cavalluccio, ma l’ultimo in ordine di tempo è Neal Maupay, attaccante dalla doppia cittadinanza – argentina e francese – di proprietà del Brighton.

- Advertisment -

Notizie popolari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: