domenica 03 03 24
spot_img
HomeSalernitanaSalernitana-Foggia, la partita dei tifosi
spot_img

Salernitana-Foggia, la partita dei tifosi

spot_imgspot_img

Salernitana-Foggia, la partita dei tifosi

Allo stadio “Arechi” non è presente il pubblico delle grandi occasioni, come preannunciato dai dati della prevendita diffusi durante la settimana. Il botteghino fa registrare quota 8938 paganti, di cui circa 300 provenienti da Foggia.

Atmosfera tiepida, a differenza del clima, decisamente freddo. Sul versante ospite la partecipazione non è massiccia come nelle precedenti trasferte, anche a causa del limite all’acquisto dei tagliandi ai soli possessori di tessera del tifoso. Prima dell’inizio della gara da sottolineare il ricordo degli ultras granata per Benny, lavoratore al porto di Salerno, morto a causa dell’ennesimo incidente sul lavoro. Nel primo tempo la partita non è particolarmente ricca di occasioni da gol, i ritmi non sono altissimi e il coinvolgimento del pubblico ne risente. Nella ripresa la Salernitana attacca, come da tradizione, sotto la Sud; le squadre tendono ad allungarsi e i granata iniziano ad impensierire la difesa foggiana. La Curva Sud Siberiano ci crede e i decibel si alzano. Poi a dieci dalla fine la doccia fredda, il Foggia passa in vantaggio e raddoppia poco dopo. Lo 0 a 3 arriva a partita finita, ma non fa assolutamente piacere. Gli spettatori esprimono il loro disappunto, soprattutto dalla tribuna e dai distinti; un fumogeno arriva vicino ai giocatori ospiti, ma la situazione non degenera. Al triplice fischio i rossoneri fanno festa, mentre ai sostenitori del cavalluccio non resta che abbandonare lo stadio carichi di amarezza.

spot_img
spot_img
spot_img
Lino Grimaldi Avino
Lino Grimaldi Avino
Lino Grimaldi Avino, giornalista, editore e scrittore. Ha lavorato presso Cronache di Salerno, TuttoSalernitana, Granatissimi ed è direttore di SalernoSport24. Alla radio ha lavorato presso Radio Alfa, e attualmente conduce due programmi sportivi a RCS75 - Radio Castelluccio, Destinazione Sport e Destinazione Arechi. Ha pubblicato due libri: Angusti Corridoi (2012) con la casa editrice Ripostes, e La vita allo specchio - Introspettiva (2020) con la Saggese Editori, con prefazione dello scrittore Amleto de Silva.
spot_img
- Advertisment -spot_imgspot_img

Notizie popolari

spot_img

Salernitana-Foggia, la partita dei tifosi

spot_imgspot_img

Salernitana-Foggia, la partita dei tifosi

Allo stadio “Arechi” non è presente il pubblico delle grandi occasioni, come preannunciato dai dati della prevendita diffusi durante la settimana. Il botteghino fa registrare quota 8938 paganti, di cui circa 300 provenienti da Foggia.

Atmosfera tiepida, a differenza del clima, decisamente freddo. Sul versante ospite la partecipazione non è massiccia come nelle precedenti trasferte, anche a causa del limite all’acquisto dei tagliandi ai soli possessori di tessera del tifoso. Prima dell’inizio della gara da sottolineare il ricordo degli ultras granata per Benny, lavoratore al porto di Salerno, morto a causa dell’ennesimo incidente sul lavoro. Nel primo tempo la partita non è particolarmente ricca di occasioni da gol, i ritmi non sono altissimi e il coinvolgimento del pubblico ne risente. Nella ripresa la Salernitana attacca, come da tradizione, sotto la Sud; le squadre tendono ad allungarsi e i granata iniziano ad impensierire la difesa foggiana. La Curva Sud Siberiano ci crede e i decibel si alzano. Poi a dieci dalla fine la doccia fredda, il Foggia passa in vantaggio e raddoppia poco dopo. Lo 0 a 3 arriva a partita finita, ma non fa assolutamente piacere. Gli spettatori esprimono il loro disappunto, soprattutto dalla tribuna e dai distinti; un fumogeno arriva vicino ai giocatori ospiti, ma la situazione non degenera. Al triplice fischio i rossoneri fanno festa, mentre ai sostenitori del cavalluccio non resta che abbandonare lo stadio carichi di amarezza.

spot_img
Lino Grimaldi Avino
Lino Grimaldi Avino
Lino Grimaldi Avino, giornalista, editore e scrittore. Ha lavorato presso Cronache di Salerno, TuttoSalernitana, Granatissimi ed è direttore di SalernoSport24. Alla radio ha lavorato presso Radio Alfa, e attualmente conduce due programmi sportivi a RCS75 - Radio Castelluccio, Destinazione Sport e Destinazione Arechi. Ha pubblicato due libri: Angusti Corridoi (2012) con la casa editrice Ripostes, e La vita allo specchio - Introspettiva (2020) con la Saggese Editori, con prefazione dello scrittore Amleto de Silva.
- Advertisment -spot_imgspot_img

Notizie popolari

Salernitana-Foggia, la partita dei tifosi

spot_img

Salernitana-Foggia, la partita dei tifosi

Allo stadio “Arechi” non è presente il pubblico delle grandi occasioni, come preannunciato dai dati della prevendita diffusi durante la settimana. Il botteghino fa registrare quota 8938 paganti, di cui circa 300 provenienti da Foggia.

Atmosfera tiepida, a differenza del clima, decisamente freddo. Sul versante ospite la partecipazione non è massiccia come nelle precedenti trasferte, anche a causa del limite all’acquisto dei tagliandi ai soli possessori di tessera del tifoso. Prima dell’inizio della gara da sottolineare il ricordo degli ultras granata per Benny, lavoratore al porto di Salerno, morto a causa dell’ennesimo incidente sul lavoro. Nel primo tempo la partita non è particolarmente ricca di occasioni da gol, i ritmi non sono altissimi e il coinvolgimento del pubblico ne risente. Nella ripresa la Salernitana attacca, come da tradizione, sotto la Sud; le squadre tendono ad allungarsi e i granata iniziano ad impensierire la difesa foggiana. La Curva Sud Siberiano ci crede e i decibel si alzano. Poi a dieci dalla fine la doccia fredda, il Foggia passa in vantaggio e raddoppia poco dopo. Lo 0 a 3 arriva a partita finita, ma non fa assolutamente piacere. Gli spettatori esprimono il loro disappunto, soprattutto dalla tribuna e dai distinti; un fumogeno arriva vicino ai giocatori ospiti, ma la situazione non degenera. Al triplice fischio i rossoneri fanno festa, mentre ai sostenitori del cavalluccio non resta che abbandonare lo stadio carichi di amarezza.

Lino Grimaldi Avino
Lino Grimaldi Avino
Lino Grimaldi Avino, giornalista, editore e scrittore. Ha lavorato presso Cronache di Salerno, TuttoSalernitana, Granatissimi ed è direttore di SalernoSport24. Alla radio ha lavorato presso Radio Alfa, e attualmente conduce due programmi sportivi a RCS75 - Radio Castelluccio, Destinazione Sport e Destinazione Arechi. Ha pubblicato due libri: Angusti Corridoi (2012) con la casa editrice Ripostes, e La vita allo specchio - Introspettiva (2020) con la Saggese Editori, con prefazione dello scrittore Amleto de Silva.
spot_img

Notizie popolari