martedì 23 07 24
spot_img
HomeFrontpageSalernitana e Fondazione Polito: unite per un obiettivo comune
spot_img

Salernitana e Fondazione Polito: unite per un obiettivo comune

spot_img
spot_img

Nella giornata di ieri, presso il Centro Sportivo “Mary Rosy”  si è svolto un importante incontro tra la Salernitana e la Fondazione Fioravante Polito. Per la Fondazione, è stato un onore essere invitati dalla società granata, la prima ad aver adottato il passaporto ematico per i suoi tesserati. Vediamo tutti i dettagli dell’incontro.

Salernitana: l’incontro con la Fondazione

Nel corso dell’incontro di ieri con i giocatori della Salernitana, è stata donata alla squadra granata, la biografia del compianto Andrea Fortunato, giocatore scomparso in età prematura a causa di un brutto male. La finalità è stata quella di far conoscere la storia di Andrea e soprattutto, di evidenziare quanto possa essere importante la prevenzione in ambito sportivo. La cerimonia si è svolta in presenza della Fondazione Davide Polito, del dottor Giuseppe Ventre, della vicepresidente Monica Martuscelli, del referente scientifico della Fondazione, del giornalista Roberto Guerriero e di altre importanti personaggi. Nel corso dell’incontro è stato altresì donato un ritratto realizzato dall’artista Mangone, al portiere Ochoa.

L’importante connubio instaurato tra la Fondazione Polito e la Salernitana, sicuramente uno dei momenti più importanti per rendere obbligatorio il Passaporto Ematico per tutti gli sportivi. Un particolare ringraziamento da parte della Fondazione, è andato a Sasà Avallone e alla società granata, per la meravigliosa accoglienza ricevuta.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Notizie popolari