sabato 15 06 24
spot_img
HomeFrontpageRoma-Salernitana, Nicola: "Alzare il livello di ambizione per i risultati"
spot_img

Roma-Salernitana, Nicola: “Alzare il livello di ambizione per i risultati”

spot_img
spot_img

La Salernitana, nella giornata di domani, sfiderà la Roma: mister Davide Nicola presenta il match in conferenza stampa

Nicola: “Cercare la vittoria sempre e contro chiunque”

Davide Nicola, allenatore della Salernitana, ha parlato in conferenza stampa della sfida di domani contro la Roma. Assente Ruggeri tenuto a riposo, tra i convocati, così come Fazio e Bonazzoli squalificati. Torna Schiavone.

La scorsa partita e su Ruggeri non convocato

«Grossa aggressività da parte loro quasi sempre al limite del regolamento. Un dato da migliorare è la pulizia del passaggio, la scelta di gioco che dobbiamo fare, sono tutti dettagli da migliorare. Sono quelli, soprattutto, che ci costano i gol subiti. Vanno migliorati nella perseveranza che stiamo mettendo in allenamento. Dico sempre di migliorarsi perché i ragazzi mi danno quotidianamente voglia di far bene. Dobbiamo cercare di alzare il livello, l’asticella necessaria. Deve osservare dei giorni di riposo».

L’avversario di domani

«La Roma ci terrà moltissimo a fare bene dopo la Conference League. È una grandissima squadra. Dobbiamo essere non sono coraggiosi ad affrontare l’avversario ma capire e cercare di creare qualcosa di buono appena arriva l’opportunità. In questo momento per noi è importante stare uniti più che mai».

Gli uomini di domani

«È una settimana dove non voglio dare indicazioni precise perché abbiamo provato tante soluzioni. Manteniamo un pò di riserbo su questa partita perché voglio vedere anche le scelte avversarie».

Sepe, Strandberg ed Ederson

«Si è allenato, sta bene dopo uno stato influenzale lieve ma oggi si è allenato tranquillamente. Sul norvegese io porto avanti ciò che mi è stato detto a inizio avventura. L’avevo preannunciato che Ederson sarebbe diventato da subito importante».

Mikael e una possibile difesa a tre

«Un periodo di semina perché abbiamo creato un nostro sviluppo. Abbiamo lavorato sia su una linea a due che su una linea difensiva che bloccasse i terzini come a Torino contro la Juventus. La possibilità è quella di essere sempre più aggressivi rispetto agli avversari. I ragazzi stanno crescendo tutti e inizierà un ciclo di fuoco dove tutti saranno impiegati dall’inizio e tutti dopo».

Il pubblico granata e i singoli nella Roma

«Il nostro pubblico non è da Serie A ma è da palcoscenici superiori. Ci sostengono sempre e hanno capito che abbiamo sempre fatto la partita nonostante non abbiamo raccolto quanto dovevamo. C’è un senso di appartenenza importante e questo dobbiamo valorizzarlo. La Roma è composta da giocatori forti e chiunque può essere funzionale. Anche noi abbiamo giocatori forti e dobbiamo avere la voglia di dire “io ci sono” e quindi dobbiamo avere il gusto e la voglia di cercare la vittoria dovunque».

Obiettivo salvezza

«Dipendiamo anche da altri ovviamente perché il distacco è sempre stato cospicuo. Dal momento che non abbiamo avuto ancora modo di giocare i recuperi, arriveranno quando dovranno arrivare ma dobbiamo concentrarsi sulla possibilità di fare molti punti prima. Lo sblocco psicologico è che nessuno in noi pensa di essere già spacciato e quindi c’è voglia di fare bene ma non viene vissuta sempre al massimo della serenità, non tanto con la partita ma nel chiave della lettura. Stiamo facendo di tutto per poterlo fare».

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Notizie popolari