martedì 27 02 24
spot_img
HomeCalciomercatoLazio su Candreva: tra smentite e conferme
spot_img

Lazio su Candreva: tra smentite e conferme

spot_imgspot_img

Insistenti voci di mercato danno la Lazio interessata ad Antonio Candreva. Per “Mast’Antonio”, quello a Roma, sponda biancoceleste, sarebbe un ritorno, ma tra rumor e smentite non si hanno vere e proprie certezze. Proviamo a fare chiarezza.

Candreva e la Lazio: quanto c’è di concreto

Quella tra Antonio Candreva e la Lazio è una storia da amore che ha avuto inizio nel gennaio del 2012 e che è durata 4 stagioni e mezza.


Ti potrebbero interessare anche:


Arrivato a Formello nello scetticismo generale, vuoi perché proveniva da un Cesena che aveva più di un piede in Serie B, vuoi per il suo passato da romanista, il nostro riuscì ad imporsi a tal punto da diventare capitano e leader tecnico degli aquilotti. Nella Lazio riuscì a conquistare un posto in Nazionale, giocando da protagonista sia i Mondiali del 2014 che l’Europeo del 2016, prima di tentare il grande salto nell’Inter. Il classe ’87, da gennaio 2012 a giugno 2016, metterà a segno 45 gol e 43 assist in 192 presenze, raggiungendo l’apice della sua carriera e vincendo la Coppa Italia nel 2013. Non c’è da stupirsi se, nonostante le 36 primavere, la Lazio riaccoglierebbe volentieri in rosa un giocatore come “Mast’Antonio”.

Attuale leader tecnico di una Salernitana ultima in classifica (13 gol e 9 assist in 56 partite in granata) e lontana 6 punti dalla zona salvezza, i presupposti per un ritorno nella Capitale ci sarebbero tutti. La stampa romana parla di un giocatore che spingerebbe per la partenza, ma la società sarebbe reticente nell’accontentarlo. Il suo procuratore, Federico Pastorello, dinanzi ai nostri microfoni ha parlato di «storia vecchia», confermando l’esistenza di contatti tra le parti, che ora non esisterebbero più. Inoltre, ci sarebbero altri due fattori a spingere Candreva verso la permanenza a Salerno: Sarri e Rafa Silva. Il primo non sembrerebbe entusiasta circa il ritorno dell’esperta ala italiana, mentre il secondo (oggi al Benfica) sarebbe al centro del mirino della società biancoceleste. Insomma, i segnali sembrano tutti puntare sulla permanenza del numero 87 in granata; tuttavia, il mercato si muove per vie misteriose, per cui, mai dire mai.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
- Advertisment -spot_imgspot_img

Notizie popolari

spot_img

Lazio su Candreva: tra smentite e conferme

spot_imgspot_img

Insistenti voci di mercato danno la Lazio interessata ad Antonio Candreva. Per “Mast’Antonio”, quello a Roma, sponda biancoceleste, sarebbe un ritorno, ma tra rumor e smentite non si hanno vere e proprie certezze. Proviamo a fare chiarezza.

Candreva e la Lazio: quanto c’è di concreto

Quella tra Antonio Candreva e la Lazio è una storia da amore che ha avuto inizio nel gennaio del 2012 e che è durata 4 stagioni e mezza.


Ti potrebbero interessare anche:


Arrivato a Formello nello scetticismo generale, vuoi perché proveniva da un Cesena che aveva più di un piede in Serie B, vuoi per il suo passato da romanista, il nostro riuscì ad imporsi a tal punto da diventare capitano e leader tecnico degli aquilotti. Nella Lazio riuscì a conquistare un posto in Nazionale, giocando da protagonista sia i Mondiali del 2014 che l’Europeo del 2016, prima di tentare il grande salto nell’Inter. Il classe ’87, da gennaio 2012 a giugno 2016, metterà a segno 45 gol e 43 assist in 192 presenze, raggiungendo l’apice della sua carriera e vincendo la Coppa Italia nel 2013. Non c’è da stupirsi se, nonostante le 36 primavere, la Lazio riaccoglierebbe volentieri in rosa un giocatore come “Mast’Antonio”.

Attuale leader tecnico di una Salernitana ultima in classifica (13 gol e 9 assist in 56 partite in granata) e lontana 6 punti dalla zona salvezza, i presupposti per un ritorno nella Capitale ci sarebbero tutti. La stampa romana parla di un giocatore che spingerebbe per la partenza, ma la società sarebbe reticente nell’accontentarlo. Il suo procuratore, Federico Pastorello, dinanzi ai nostri microfoni ha parlato di «storia vecchia», confermando l’esistenza di contatti tra le parti, che ora non esisterebbero più. Inoltre, ci sarebbero altri due fattori a spingere Candreva verso la permanenza a Salerno: Sarri e Rafa Silva. Il primo non sembrerebbe entusiasta circa il ritorno dell’esperta ala italiana, mentre il secondo (oggi al Benfica) sarebbe al centro del mirino della società biancoceleste. Insomma, i segnali sembrano tutti puntare sulla permanenza del numero 87 in granata; tuttavia, il mercato si muove per vie misteriose, per cui, mai dire mai.

spot_img
- Advertisment -spot_imgspot_img

Notizie popolari

Lazio su Candreva: tra smentite e conferme

spot_img

Insistenti voci di mercato danno la Lazio interessata ad Antonio Candreva. Per “Mast’Antonio”, quello a Roma, sponda biancoceleste, sarebbe un ritorno, ma tra rumor e smentite non si hanno vere e proprie certezze. Proviamo a fare chiarezza.

Candreva e la Lazio: quanto c’è di concreto

Quella tra Antonio Candreva e la Lazio è una storia da amore che ha avuto inizio nel gennaio del 2012 e che è durata 4 stagioni e mezza.


Ti potrebbero interessare anche:


Arrivato a Formello nello scetticismo generale, vuoi perché proveniva da un Cesena che aveva più di un piede in Serie B, vuoi per il suo passato da romanista, il nostro riuscì ad imporsi a tal punto da diventare capitano e leader tecnico degli aquilotti. Nella Lazio riuscì a conquistare un posto in Nazionale, giocando da protagonista sia i Mondiali del 2014 che l’Europeo del 2016, prima di tentare il grande salto nell’Inter. Il classe ’87, da gennaio 2012 a giugno 2016, metterà a segno 45 gol e 43 assist in 192 presenze, raggiungendo l’apice della sua carriera e vincendo la Coppa Italia nel 2013. Non c’è da stupirsi se, nonostante le 36 primavere, la Lazio riaccoglierebbe volentieri in rosa un giocatore come “Mast’Antonio”.

Attuale leader tecnico di una Salernitana ultima in classifica (13 gol e 9 assist in 56 partite in granata) e lontana 6 punti dalla zona salvezza, i presupposti per un ritorno nella Capitale ci sarebbero tutti. La stampa romana parla di un giocatore che spingerebbe per la partenza, ma la società sarebbe reticente nell’accontentarlo. Il suo procuratore, Federico Pastorello, dinanzi ai nostri microfoni ha parlato di «storia vecchia», confermando l’esistenza di contatti tra le parti, che ora non esisterebbero più. Inoltre, ci sarebbero altri due fattori a spingere Candreva verso la permanenza a Salerno: Sarri e Rafa Silva. Il primo non sembrerebbe entusiasta circa il ritorno dell’esperta ala italiana, mentre il secondo (oggi al Benfica) sarebbe al centro del mirino della società biancoceleste. Insomma, i segnali sembrano tutti puntare sulla permanenza del numero 87 in granata; tuttavia, il mercato si muove per vie misteriose, per cui, mai dire mai.

spot_img

Notizie popolari