venerdì 09 12 22
HomeFrontpageLazio-Salernitana, il racconto del match dello stadio "Olimpico"

Lazio-Salernitana, il racconto del match dello stadio “Olimpico”

- Advertisment -spot_img

Allo stadio “Olimpico” di Roma è andata in scena la partita tra Lazio e Salernitana, valida per la 12ª giornata del campionato di calcio di Serie A. Ecco il racconto del match.

Lazio-Salernitana: il racconto del match

Biancocelesti che arrivano in ottima forma: ben quattro vittorie ed un pareggio nelle ultime cinque giornate. Vittoria anche nel match europeo infrasettimanale, contro i danesi del Midtjylland. Ottima anche la difesa, la migliore del campionato.

Granata che arrivano nella capitale dopo la vittoria contro lo Spezia. Due successi nelle ultime tre partite. Nicola e i suoi proveranno a fare quella che sarebbe a tutti gli effetti un’impresa. La Salernitana ha molti problemi lontano dal fortino “Arechi”: nessuna vittoria in campionato nelle partite giocate fuoricasa.

Nel primo tempo la Lazio dimostra di essere la seconda squadra migliore del campionato, al momento, dopo il Napoli: dominio del campo e del possesso, con gli ospiti che restano tutto sommato organizzati, rendendo difficili i soliti inserimenti, e provano a sfruttare le ripartenze. Una buona prima frazione di gioco per la Salernitana. Biancocelesti, tuttavia, in vantaggio all’intervallo, grazie ad un gol arrivato poco prima della pausa.

Nel secondo tempo si vede una Salernitana ancora più organizzata e compatta, ancora più attenta. La Lazio ha pochissime occasioni importanti; i granata, invece, lavorano bene in difesa e fanno tremare i padroni di casa con le varie ripartenze. La rimonta è assolutamente meritata, così come i tre punti.

PRIMO TEMPO

Lazio subito padrona del campo e del possesso, la Salernitana prova a sfruttare le ripartenze, risultando anche pericolosa dopo pochi minuti, con un cross che taglia tutta l’area di rigore. Gli uomini di Sarri vanno vicini alla rete del vantaggio al minuto 8, con Zaccagni che spedisce alto (di poco) un tiro sul secondo palo. Dopo pochi attimi si fa male Gyomber, che accusa un fastidio in un allungo difensivo. Il difensore lascia il campo.

I granata provano a tenere un po’ di più il possesso, ma i biancocelesti sono in palla e non è affatto facile. Al 21′ viene annullato per fuorigioco un gol alla Lazio: Cataldi, con un gran lancio di prima, trova Felipe Anderson che insacca alle spalle di Sepe. Il brasiliano è, però, chiaramente oltre la linea difensiva.

Si fa vedere la Salernitana, con il primo tiro del match. L’ex Candreva tenta un diagonale che non impensierisce Provedel. La prima vera occasione da gol della partita arriva al 37′, ed è per i padroni di casa. La Lazio recupera su un errore di controllo dei granata, Pedro va al tiro con un diagonale basso e scheggia il palo. Brivido per Sepe.

GOL DELLA LAZIO!

Tocco magico di Luis Alberto, che con una verticalizzazione precisissima imbecca Zaccagni. L’ala è sola davanti all’estremo difensore della Salernitana, non sbaglia ed insacca al 41′.

SECONDO TEMPO

La ripresa si apre con un’occasione clamorosa per Vecino, che si vede negare il gol da Sepe. Ottimo intervento del portiere granata.

GOL DELLA SALERNITANA!

Eccolo il gol dell’ex, e che gol! Candreva fa un ottimo stop su un lancio di Mazzocchi. Il calciatore granata supera Provedel con un bellissimo e precisissimo pallonetto. Parità all’Olimpico.

La parita si accende e diventa movimentata: non ci sono molte occasioni per rifiatare, le squadre si danno battaglia e ci sono continui capovolgimenti di fronte. I portieri non vengono impegnati, però, fino al 61′, con una conclusione di Coulibaly respinta da Provedel in tuffo.

Al 65′ Zaccagni, indubbiamente il più pericoloso dei suoi, passa in mezzo a due con una bella giocata, entra in area e calcia: trova l’opposizione di Sepe.

GOL DELLA SALERNITANA!

Ancora in gol i granata! È Fazio a segnare al 68′, con un destro che buca Provedel sul primo palo, sugli sviluppi di un corner. La Salernitana è più aggressiva e propositiva in questo secondo tempo e il risultato ne è la prova.

Al 71′ errore di Vecino, che si mangia un gol fatto. Il biancoceleste si ritrova il possesso a ridosso dell’area piccola, in seguito ad un rimpallo: va alla conclusione ma spedisce al lato, nonostante fosse completamente solo davanti a Sepe.

GOL DELLA SALERNITANA!

Al 76′ è Boulaye Dia a trovare la rete! Ripartenza guidata da Coulibaly, poi la corsa di Bradaric che mette un grandissimo cross sul secondo palo. Dia va in scivolata e a porta sguarnita porta il vantaggio a due gol di differenza. È un secondo tempo perfetto quello giocato dai granata.

Gli uomini di Sarri provano a reagire, senza però risultare pericolosi. È, invece, la Salernitana ad andare nuovamente vicina al gol (al 90′) questa volta con Vilhena, con un sinistro dalla distanza.

Al 93′ ancora Vilhena: stavolta centra la porta, va alla conclusione in seguito ad una ripartenza condotta da Botheim. Provedel blocca a terra il diagonale rasoterra partito dal mancino dell’olandese.

Termina 1-3 il match tra Lazio e Salernitana. Ad un primo tempo giocato bene dai padroni di casa, segue una ripresa con gli ospiti ancora più organizzati, compatti, attenti, vogliosi di sacrificarsi, che hanno meritato la rimonta e la vittoria storica. Si tratta, infatti, della prima vittoria nella storia del Cavalluccio allo stadio “Olimpico”.

Il tabellino del match

Lazio: Provedel; Lazzari, Casale, Romagnoli, Marusic (87′ Hysaj); Vecino, Cataldi (81′ Basic), Luis Alberto (63′ Milinkovic-Savic), Pedro (81′ Cancellieri), Felipe Anderson, Zacagni. A disp.: Maximiano, Adamonis, Silva Santos, Cancellieri, Kamenovic, Romero, Milinkovic-Savic, Hysaj, Radu, Gila Fuentes, Basic. All.: M. Sarri

Salernitana: Sepe; Gyomber (11′ Bronn), Daniliuc, Fazio; Mazzocchi, Candreva, Radovanovic, Coulibaly, Bradaric; Piatek, Bonazzoli (63′ Dia). A disp.: Fiorillo, Micai, Bronn, Sambia, Vilhena, Botheim, Valencia, Kastanos, Capezzi, Dia, Iervolino, Lovato, Pirola. All.: D. Nicola

Marcatori: 41′ Zaccagni, 51′ Candreva, 68′ Fazio, 76′ Dia
Corner: 4-5
Ammoniti: 56′ Coulibaly, 73′ Milinkovic-Savic, 75′ Marusic, 95′ Dia, 95′ Cancellieri, 95′ Sepe

Arbitro: Gianluca Manganiello di Pinerolo
Assistenti: Stefano Alassio (sez. Imperia) – Matteo Bottegoni (sez. Terni)
IV uomo: Maurizio Mariani (sez. Aprilia)
VAR: Marco Di Bello (sez. Brindisi)
AVAR: Salvatore Longo (sez. Paola)

I numeri del match

61 39

Possesso palla

13 10

Tiri 

10 7

Falli

- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

Notizie popolari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: