venerdì 01 03 24
spot_img
HomeEsclusiveIl DT Serratore: "Il nostro mercato è chiuso, i migliori acquisti sono...
spot_img

Il DT Serratore: “Il nostro mercato è chiuso, i migliori acquisti sono i recuperi fisici”

spot_imgspot_img

Nel corso del 2024, la Feldi Eboli dovrà aumentare il giro dei motori per avvicinarsi quanto più possibile alla capolista Olimpus Roma. Dopo l’arrivo di Douglas Nicolodi, il DT Serratore ha fatto maggior chiarezza sulle prossime strategie di mercato delle volpi.

Feldi Eboli, cosa serve alle foxes?

Le ultime prestazioni disputate degli uomini di mister Samperi hanno messo in luce le qualità del roster rossoblù: una squadra ben diversa da quella vista sul parquet per buona parte del girone d’andata.


Potrebbe interessarti anche:


La Feldi ha certamente faticato per via degli infortuni e delle numerose gare europee che hanno inevitabilmente dimezzato il numero dei calcettisti a disposizione del tecnico catanese. Problemi fisici, così come i fattori mentali, non hanno aiutato i Campioni d’Italia a rendere al massimo delle proprie potenzialità.

Con l’arrivo dell’ex Sandro Abate Nicolodi, e col recupero di Selucio (uomo chiave nelle idee tattiche di Samperi), oltre alla costanza di rendimento di Liberti – senza alcun dubbio tra i migliori acquisti del mercato estivo – le foxes hanno macinato punti importanti per il piazzamento in zona play-off.

Il miglioramento delle condizioni fisiche ha generato una maggiore fluidità di gioco; di conseguenza, la società ebolitana, al momento, sembra non avere necessità di intervenire sul mercato, così come confermato dalle parole del suo direttore.

Le mosse della squadra mercato ebolitana

Intervistato in esclusiva dal nostro giornale, il direttore tecnico della Feldi Eboli, Marcello Serratore, svela le prossime mosse del club della Piana.

La Feldi Eboli si muoverà sul mercato?

«La Feldi negli anni ha dimostrato di essere sempre attenta in ogni sessione di mercato: sia estivo che di riparazione. I movimenti effettuati in uscita e in entrata sono già stati metabolizzati dallo staff e dal gruppo».

Dunque il mercato può dirsi, a tutti gli effetti, chiuso?

«Esatto, per noi il mercato è chiuso. Crediamo nel gruppo messo a disposizione di mister Samperi e del suo staff. I nostri migliori acquisti sono i recuperi fisici di tutti i giocatori. Credo che, al completo, la rosa sia competitiva e possa essere pronta ad affrontare tutti nel prossimo periodo. La squadra ha qualità in ogni zona del campo ma, durante il cammino nel girone d’andata, si sono persi troppi punti. Nelle partite in cui ha giocato male è giusto che abbia perso; il trend che bisogna assolutamente invertire è quando si gioca bene, ecco, lì bisogna portare a casa i tre punti. Questo è il nostro rammarico, al netto di infortuni e tante partite disputate tra Main Round ed Élite Round di Champions».

spot_img
spot_img
spot_img
Elio Granito
Elio Granito
Sono un ragazzo di 28 anni, laureato in “Scienze delle attività motorie, sportive e dell’educazione psicomotoria”, prossimo a conseguire il secondo titolo, quello specialistico. Creativo, perfezionista, ambizioso. Mi ritengo una persona educata, sensibile, assertiva e altruista. Aspetti risultati sinora determinanti nelle varie relazioni avute all'interno del mondo del giornalismo, con diverse figure di rilievo, e, soprattutto, per comprendere il reale valore, la potenza e il dono di ogni singola parola. Amo il giornalismo pulito, che ha necessità di essere raccontato. Generalmente parlo di calcio, ma ho piacere di spaziare su più fronti. Il mio desidero più grande resta quello di migliorare le mie capacità puntando all’eccellenza. Basi solide, pragmatismo e pensiero creativo: sono le peculiarità sviluppate principalmente in questi anni in cui ho compreso l'amore e la passione per la divulgazione di pensieri, messaggi e valori positivi, utilizzando come strumento lo sport e la mia "penna".
spot_img
- Advertisment -spot_imgspot_img

Notizie popolari

spot_img

Il DT Serratore: “Il nostro mercato è chiuso, i migliori acquisti sono i recuperi fisici”

spot_imgspot_img

Nel corso del 2024, la Feldi Eboli dovrà aumentare il giro dei motori per avvicinarsi quanto più possibile alla capolista Olimpus Roma. Dopo l’arrivo di Douglas Nicolodi, il DT Serratore ha fatto maggior chiarezza sulle prossime strategie di mercato delle volpi.

Feldi Eboli, cosa serve alle foxes?

Le ultime prestazioni disputate degli uomini di mister Samperi hanno messo in luce le qualità del roster rossoblù: una squadra ben diversa da quella vista sul parquet per buona parte del girone d’andata.


Potrebbe interessarti anche:


La Feldi ha certamente faticato per via degli infortuni e delle numerose gare europee che hanno inevitabilmente dimezzato il numero dei calcettisti a disposizione del tecnico catanese. Problemi fisici, così come i fattori mentali, non hanno aiutato i Campioni d’Italia a rendere al massimo delle proprie potenzialità.

Con l’arrivo dell’ex Sandro Abate Nicolodi, e col recupero di Selucio (uomo chiave nelle idee tattiche di Samperi), oltre alla costanza di rendimento di Liberti – senza alcun dubbio tra i migliori acquisti del mercato estivo – le foxes hanno macinato punti importanti per il piazzamento in zona play-off.

Il miglioramento delle condizioni fisiche ha generato una maggiore fluidità di gioco; di conseguenza, la società ebolitana, al momento, sembra non avere necessità di intervenire sul mercato, così come confermato dalle parole del suo direttore.

Le mosse della squadra mercato ebolitana

Intervistato in esclusiva dal nostro giornale, il direttore tecnico della Feldi Eboli, Marcello Serratore, svela le prossime mosse del club della Piana.

La Feldi Eboli si muoverà sul mercato?

«La Feldi negli anni ha dimostrato di essere sempre attenta in ogni sessione di mercato: sia estivo che di riparazione. I movimenti effettuati in uscita e in entrata sono già stati metabolizzati dallo staff e dal gruppo».

Dunque il mercato può dirsi, a tutti gli effetti, chiuso?

«Esatto, per noi il mercato è chiuso. Crediamo nel gruppo messo a disposizione di mister Samperi e del suo staff. I nostri migliori acquisti sono i recuperi fisici di tutti i giocatori. Credo che, al completo, la rosa sia competitiva e possa essere pronta ad affrontare tutti nel prossimo periodo. La squadra ha qualità in ogni zona del campo ma, durante il cammino nel girone d’andata, si sono persi troppi punti. Nelle partite in cui ha giocato male è giusto che abbia perso; il trend che bisogna assolutamente invertire è quando si gioca bene, ecco, lì bisogna portare a casa i tre punti. Questo è il nostro rammarico, al netto di infortuni e tante partite disputate tra Main Round ed Élite Round di Champions».

spot_img
Elio Granito
Elio Granito
Sono un ragazzo di 28 anni, laureato in “Scienze delle attività motorie, sportive e dell’educazione psicomotoria”, prossimo a conseguire il secondo titolo, quello specialistico. Creativo, perfezionista, ambizioso. Mi ritengo una persona educata, sensibile, assertiva e altruista. Aspetti risultati sinora determinanti nelle varie relazioni avute all'interno del mondo del giornalismo, con diverse figure di rilievo, e, soprattutto, per comprendere il reale valore, la potenza e il dono di ogni singola parola. Amo il giornalismo pulito, che ha necessità di essere raccontato. Generalmente parlo di calcio, ma ho piacere di spaziare su più fronti. Il mio desidero più grande resta quello di migliorare le mie capacità puntando all’eccellenza. Basi solide, pragmatismo e pensiero creativo: sono le peculiarità sviluppate principalmente in questi anni in cui ho compreso l'amore e la passione per la divulgazione di pensieri, messaggi e valori positivi, utilizzando come strumento lo sport e la mia "penna".
- Advertisment -spot_imgspot_img

Notizie popolari

Il DT Serratore: “Il nostro mercato è chiuso, i migliori acquisti sono i recuperi fisici”

spot_img

Nel corso del 2024, la Feldi Eboli dovrà aumentare il giro dei motori per avvicinarsi quanto più possibile alla capolista Olimpus Roma. Dopo l’arrivo di Douglas Nicolodi, il DT Serratore ha fatto maggior chiarezza sulle prossime strategie di mercato delle volpi.

Feldi Eboli, cosa serve alle foxes?

Le ultime prestazioni disputate degli uomini di mister Samperi hanno messo in luce le qualità del roster rossoblù: una squadra ben diversa da quella vista sul parquet per buona parte del girone d’andata.


Potrebbe interessarti anche:


La Feldi ha certamente faticato per via degli infortuni e delle numerose gare europee che hanno inevitabilmente dimezzato il numero dei calcettisti a disposizione del tecnico catanese. Problemi fisici, così come i fattori mentali, non hanno aiutato i Campioni d’Italia a rendere al massimo delle proprie potenzialità.

Con l’arrivo dell’ex Sandro Abate Nicolodi, e col recupero di Selucio (uomo chiave nelle idee tattiche di Samperi), oltre alla costanza di rendimento di Liberti – senza alcun dubbio tra i migliori acquisti del mercato estivo – le foxes hanno macinato punti importanti per il piazzamento in zona play-off.

Il miglioramento delle condizioni fisiche ha generato una maggiore fluidità di gioco; di conseguenza, la società ebolitana, al momento, sembra non avere necessità di intervenire sul mercato, così come confermato dalle parole del suo direttore.

Le mosse della squadra mercato ebolitana

Intervistato in esclusiva dal nostro giornale, il direttore tecnico della Feldi Eboli, Marcello Serratore, svela le prossime mosse del club della Piana.

La Feldi Eboli si muoverà sul mercato?

«La Feldi negli anni ha dimostrato di essere sempre attenta in ogni sessione di mercato: sia estivo che di riparazione. I movimenti effettuati in uscita e in entrata sono già stati metabolizzati dallo staff e dal gruppo».

Dunque il mercato può dirsi, a tutti gli effetti, chiuso?

«Esatto, per noi il mercato è chiuso. Crediamo nel gruppo messo a disposizione di mister Samperi e del suo staff. I nostri migliori acquisti sono i recuperi fisici di tutti i giocatori. Credo che, al completo, la rosa sia competitiva e possa essere pronta ad affrontare tutti nel prossimo periodo. La squadra ha qualità in ogni zona del campo ma, durante il cammino nel girone d’andata, si sono persi troppi punti. Nelle partite in cui ha giocato male è giusto che abbia perso; il trend che bisogna assolutamente invertire è quando si gioca bene, ecco, lì bisogna portare a casa i tre punti. Questo è il nostro rammarico, al netto di infortuni e tante partite disputate tra Main Round ed Élite Round di Champions».

Elio Granito
Elio Granito
Sono un ragazzo di 28 anni, laureato in “Scienze delle attività motorie, sportive e dell’educazione psicomotoria”, prossimo a conseguire il secondo titolo, quello specialistico. Creativo, perfezionista, ambizioso. Mi ritengo una persona educata, sensibile, assertiva e altruista. Aspetti risultati sinora determinanti nelle varie relazioni avute all'interno del mondo del giornalismo, con diverse figure di rilievo, e, soprattutto, per comprendere il reale valore, la potenza e il dono di ogni singola parola. Amo il giornalismo pulito, che ha necessità di essere raccontato. Generalmente parlo di calcio, ma ho piacere di spaziare su più fronti. Il mio desidero più grande resta quello di migliorare le mie capacità puntando all’eccellenza. Basi solide, pragmatismo e pensiero creativo: sono le peculiarità sviluppate principalmente in questi anni in cui ho compreso l'amore e la passione per la divulgazione di pensieri, messaggi e valori positivi, utilizzando come strumento lo sport e la mia "penna".
spot_img

Notizie popolari