mercoledì 09 11 22
HomeEsclusiveIntervista Cristiano Lombardi

Intervista Cristiano Lombardi

- Advertisment -spot_img

In vista della gara tra Lazio e Salernitana abbiamo avuto il piacere di intervistare Cristiano Lombardi, doppio ex del match. Ecco le parole dell’attuale calciatore della Triestina.

Cristiano Lombardi, il doppio ex di Lazio-Salernitana

Uno dei i calciatore che più di tutti, negli ultimi anni, ha lasciato il segno in quel di Salerno. Probabilmente anche il più gran rimpianto, dovuto agli infortuni, gli unici in grado di fermare il talentuoso classe 1995. Da calciatore professionista, Cristiano Lombardi ha indossato le maglie di Trapani, Ancona, Lazio, Benevento, Venezia, Salernitana e Reggina. Oggi l’ex granata è un calciatore della Triestina, in prestito dalla Lazio. Con il club bianco rosso sta provando a rilasciarsi, dopo gli infortuni che hanno influito in negativo nella sua carriera. Dalle parole rilasciate a SalernoSport24 emerge grande emozione nel rievocare la sua esperienza a Salerno, mista al rammarico per gli infortuni ma anche voglia di tornare ai livello del “vero” Lombardi.


Potrebbe interessarti anche:


Lazio e Salernitana rappresentano probabilmente due delle più importanti tappe della sua carriera. Quali ricordi ha delle due esperienze?

« Per me Lazio è stata la prima casa, sono cresciuto lì ed ho vissuto importanti emozioni. Il primo anno non mi aspettavo di giocare tanto. Ho creato un legame speciale con l’allenatore, in un momento particolare che ha segnato il ritorno in Europa della Lazio dopo un lungo periodo d’assenza. Salerno è stata un’esperienza bellissima, il primo anno con Ventura è stato speciale a livello personale, il secondo abbiamo vinto il campionato. So di aver lasciato tanti ricordi a Salerno e quest’ultima me ne ha lasciati tantissimi ».

A gennaio 2022 ha lanciato messaggi d’affetto verso la Salernitana. C’è stata la possibilità di un suo approdo a Salerno durante quella sessione di mercato?

« Si, se ne era parlato perché con la vecchia proprietà avevo fatto bene e sarebbe stato gradito un mio ritorno. Nel mentre stavo lavorando per risolvere problemi fisici, poi però, quando è arrivata la nuova proprietà hanno preso altre scelte ».

Nell’anno della promozione in A purtroppo ha avuto degli infortuni che hanno fortemente compromesso la sua esperienza a Salerno e non solo. Quanto è stato difficile quel momento?

« Sì è stato molto difficile e da quel momento nella mia carriera non ho più ritrovato quel Lombardi che avete visto a Salerno e questo è ciò che più mi dispiace. Purtroppo è il nostro lavoro e bisogna saper accettare e andare avanti ».

Come si sta trovando in questa sua nuova esperienza alla Triestina?

« Diciamo che è un momento complicato, perché eravamo partiti per fare un altro tipo di campionato. C’è da ritrovare fiducia, lavorare bene e sarà poi il campo a valutare. Sicuramente ci vorrà del tempo, essendoci una società nuova ».

Paolo Panebianco
Paolo Panebianco
Appassionato di storia, scrittura e Salernitana. Credo nello sport come motivo di integrazione e di crescita dell'individuo. Sempre credere nei propri sogni.
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

Notizie popolari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: