giovedì 08 12 22
HomeSportCoronavirus, gli sportivi risultati positivi al COVID-19: ufficialità in costante crescita

Coronavirus, gli sportivi risultati positivi al COVID-19: ufficialità in costante crescita

- Advertisment -spot_img

Il Coronavirus continua a diffondersi senza tregua e gli sportivi positivi al COVID-19 aumentano ora dopo ora. Dal calcio al basket, dall’Italia all’Europa e dall’Europa al Mondo, il virus si è diffuso a macchia d’olio in maniera irrefrenabile.

Coronavirus, gli sportivi positivi al COVID-19

Ora dopo ora arrivano notizie poco confortanti circa la diffusione del COVID-19. I numeri sono preoccupanti e, come prevedibile, i contagi si sono diffusi anche nel mondo del calcio e dello sport in generale.

I primi casi lontano dall’Italia

11.03.20 – Nelle ultime ore stanno arrivando notizie di tamponi positivi anche dal mondo del calcio. Ultimo, in ordine di tempo, quello di Timo Hubers, 23enne difensore della Hannover 96, squadra di Serie B tedesca.

10.03.20 – Sempre lontano dall’Italia ha fatto notizia anche il contagio di Evangelos Marinakis, presidente dell’Olympiakos, squadra greca impegnata anche in Europa League. L’impegno europeo dei biancorossi, inoltre, ha fatto rinviare Manchester CityArsenal poiché la squadra londinese ha da poco affrontato quella greca.


Timo Hubers dell Hannover 96

07-11.03.20 – In Italia hanno fatto meno rumore di quanto dovuto i contagi di ben 5 giocatori in Serie C. Gli atleti, tutti asintomatici, sono in forza a Vis Pesaro, Pianese e Reggio Audace. Si conoscono le generalità solo di Andrea Tessiore (Vis Pesaro) ed Alessandro Favalli (Reggio Audace).


Il primo “big”, Daniele Rugani

11.03.20 – Il comunicato della Juventus ha fatto spalancare gli occhi a tutti dall’incredulità. Il giocatore, asintomatico, ha regolarmente preso parte ad allenamenti ed ha risposto presente alle convocazioni di Sarri.

In misura preventiva, disposta la quarantena non solo ai suoi compagni di squadra ma anche a tutti i giocatori dell’InterRugani è stato a contatto con i colleghi nerazzurri nel corso del derby d’Italia, disputatosi questa domenica.



Real Madrid: in quarantena i team calcio e basket

12.03.20 – Un cestista del Real Madrid, del quale ancora non si conoscono le generalità, è risultato positivo al tampone per il Coronavirus. La positività di quest’atleta ha confinato in quarantena sia la squadra di basket che quella di calcio. Le due compagini, infatti, si allenano nella “Ciudad Real Madrid”.

La Federcalcio spagnola, di pronta risposta, ha deciso di sospendere tutto il campionato fino ad inizio aprile.


La Ciudad Real Madrid, luogo d’allenamento della polisportiva del Real

Il primo caso negli USA, Rudy Gobert degli Utah Jazz

12.03.20 – Nemmeno l’America si è rivelata immune al COVID-19. Il contagio di Rudy Gobert degli Utah Jazz ha fermato tutto il mondo del pallone a spicchi. Il giocatore francese, ritenuto influenzato, si è poi rivelato positivo al Coronavirus spingendo la NBA a sospendere immediatamente il campionato. Poche ore dopo è arrivata l’ufficialità di un altro cestista positivo al COVID-19, Donovan Mitchell, compagno di Gobert agli Utah Jazz.



Gabbiadini, secondo caso della Serie A

12.03.20 – La Sampdoria, tramite comunicato stampa, ha annunciato la positività di Manolo Gabbiadini al COVID-19. L’attaccante 28enne ha accusato qualche linea di febbre ed è al momento sotto controllo con lo staff doriano pronto ad adottare le misure cautelari. Dopo Daniele Rugani è lui il secondo giocatore contagiato in Serie A.



La Formula 1 slitta la partenza

12.03.20 – Il Coronavirus colpisce anche il mondo dei motori. La FIA (Federazione Internazionale dell’Automobile) ha, infatti, deciso di slittare la prima gara del campionato del Mondo in seguito alla positività di un membro della McLaren al COVID-19. Seccata la dichiarazione di Lewis Hamilton, il campione delle quattro ruote ha infatti affermato che i soldi valgono più della salute.



Tre giocatori del Leicester City in quarantena

12.03.20 – Ha del surreale quanto sta accadendo in Inghilterra. Tre giocatori della prima squadra del Leicester City sono in auto-isolamento in seguito all’aver accusato i sintomi del Coronavirus. Nonostante questo la FA (Football Association) ha deciso di non sospendere i campionati e far giocare regolarmente la Premier.



Dietrofront della Premier League, non si gioca più

13.03.20 – Sono risultati positivi al COVID-19 il tecnico dell’Arsenal, Mikel Arteta ed il 19enne attaccante del Chelsea, Callum Hudson-Odoi.

Queste 2 positività, unite all’auto-isolamento di tre giocatori del Leicester ed all’intera rosa dell’Everton di Carlo Ancelotti, hanno spinto la FA (Football Association) a cambiare decisione ed a sospendere immediatamente la Premier League.

Non ci sono ancora ufficialità circa tamponi positivi al COVID-19, ma la Francia, in maniera precauzionale, ha deciso questa mattina di fermare il campionato.

Non si ferma, tra mille polemiche, la Bundesliga. Il campionato tedesco, infatti, rispetterà, a porte chiuse, quest’ultimo turno di campionato, sospendendo l’attività solo dal prossimo martedì.


Alla Sampdoria il primato di giocatori positivi al COVID-19

13.03.20 – Dopo Manolo Gabbiadini la Sampdoria, sempre tramite comunito ufficiale, ha informato che altri suoi tesserati sono risultati positivi al Coronavirus. Si tratta dei giocatori Omar Colley, Albin Ekdal, Antonino La Gumina e Morten Thorsby , ai quali fa seguito il dottor Amedeo Baldari. Tutti i tesserati sono in buone condizioni e in isolamento domestico.

Anche Dusan Vlahovic, attaccante serbo classe 2000 della Fiorentina, è risultato positivo al Coronavirus. Il giovane attaccante, esploso negli ultimi mesi con gol e buone prestazioni, risulta positivo al COVID-19 come dichiarato dal suo club.



vlahovic


Si ferma anche la Germania

14.03.20 – A risultare positivo è stato il difensore classe 2000 del PaderbornLuca Kilian, come confermano i canali ufficiali dello stesso club tedesco. Tutta la squadra e lo staff domani saranno sottoposti così al tampone. La Bundesliga si ferma nonostante fosse previsto il campionato a porte chiuse.

Tre nuovi casi di Coronavirus in casa viola dopo quello di Dusan Vlahovic registrato appena ieri. Si tratta di CutronePezzella e il fisioterapista Stefano Dainelli.

Triste primato per la squadra blucerchiata, dopo i 5 giocatori ed il medico sociale, arrivano altri membri del team positivi al COVID-19. A differenza dei primi due comunicati, in questo non vengono resi noti i nomi dei giocatori. Anche se tra i giocatori positivi al Coronavirus c’è Fabio Depaoli, il quale ha informato i suoi tifosi dal suo profilo Instagram.



Cinque positivi in casa del Valencia

15.03.20 – Si apre il “Caso Valencia“, il club castigliano ha emanato un comunicato stampa in cui afferma di avere 5 suoi tesserati positivi al Coronavirus. Nel comunito del club, che ha affrontato l’Atalanta questo martedì in Champions League, non sono stati diffusi i nomi. Paura anche per la squadra di Gasperini, la Dea, infatti, ha deciso di prolungare la quarantena e posticipare la ripresa degli allenamenti al 24 marzo.

16.03.20 – In casa Valencia vengono fuori i nomi di 2 dei 5 positivi al COVID-19. Si parla dei difensori Garay e Gayà che hanno annunciato la loro positività tramite i loro profili social. 

Sempre dalla Spagna ci giunge anche la notizia del primo decesso legato al mondo del calcio. Si parla del 21enne Francisco Gargia, tecnico dell’Atletico Portada Alta, compagine andalusa semidilettantistica.



Primo morto nel calcio dalla Spagna

16.03.20 – Aveva solamente 21 anni Francisco Garcia ed è lui la prima vittima del Coronavirus nel mondo del calcio. Il tecnico dell’Atltetico Portada Alta, compagine semidilettantistica spagnola, non è riuscito a vincere questa partita.

Anche Jorge Jesus è presente nell’elenco degli sportivi colpiti dal Coronavirus. L’allenatore portoghese, che alla guida dei rubro-negro ha ottenuto già 3 titoli, è il primo sportivo dell’America Latina positivo al COVID-19.


jorge jesus - gabigol


Mittelstadt dell’Hertha Berlino è il secondo positivo

17.03.20 – Dopo Luca Kilian ,del Paderborn, secondo caso ufficializzato di positività al COVID-19. Si tratta di Maximilian Mittelstadt difensore, classe ’97, dell’Hertha Berlino.


Blaise Matuidi è il secondo giocatore della Juventus positivo

17.03.20 – Era purtroppo attesa da tempo, infatti, dopo Daniele Rugani, la Juventus ha comunicato di avere un altro suo tesserato positivo al Coronavirus. Stiamo parlando di Blaise Matuidi, centrocampista francesce classe 1987, in forza alla Juventus dal 2017.

Il giocatore, come informa il club tramite comunicato stampa, è già in auto-isolamento e non dimostra sintomi.


matuidi juve


In tarda serata le positività di Zaccagni e di altri 4 cestisti della NBA

17.03.20 – Arrivano altre 5 positività al Coronavirus dal mondo dello sport. Mattia Zaccagni, 24enne centrocampista del Verona è, infatti, positivo al COVID-19. Dagli Stati Uniti, invece, arrivano altre 4 conferme dalla NBA, il campionato è però fermo da già una settimana.



In casa della Virtus Entella il primo contagiato in Serie B

18.03.20 – Il primo caso in serie cadetta di positività al COVID-19 arriva dalla Liguria, precisamente da Chiavari. La società dei diavoli neri della Virtus Entella, infatti, ha diffuso un comunicato precisando che si tratta di un dirigente del club.


virtus-entella


Ben 15 contagiati nel Deportivo Alavés

18.03.20 – Ennesima notizia roboante che arriva dal mondo del calcio. Il Deportivo Alavés, compagine della Liga spagnola, ha annunciato tramite comunicato stampa la positività al COVID-19 di suoi 15 tesserati. Come ha anche confermato la società basca i 15 tesserati sono suddivisi tra prima squadra (3), staff tecnico (7) e dirigenziale (5).



Altri casi dalla Spagna, ma alla Juventus e Milan…

21.03.20 – L’ultimo dei calciatori che ha contagiato il virus è l’attaccante Wu Lei, nato in Cina il 19 dicembre 1991, dell’Espanyol.  Il sodalizio iberico aveva diffuso, nelle ultime ore, la notizia  della positività di ben sei tesserati.  A rendere noto il nome di Wu Lei, invece, è stata la federcalcio cinese.

La Juventus ha da poco annunciato, tramite comunicato stampa, la positività di Paulo Dybala al Coronavirus. Il numero 10 bianconero è il terzo giocatore della vecchia signora ad essere positivo al COVID-19.

È arrivata, in serata, anche la notizia della positività al Coronavirus di due tesserati del Milan: si tratta di Paolo e Daniel Maldini. I due sono in buone condizioni e, dopo aver già trascorso oltre due settimane nella propria abitazione senza contatti esterni, prolungheranno la quarantena.


Maldini - Dybala


Madrid in lutto, il Coronavirus si porta via Lorenzo Sanz

21.03.20 – Aveva 76 anni Lorenzo Sanz ed il suo nome, nel mondo del calcio, è indissolubilmente legato al Real Madrid. Presidente del club Blancòs dal 1995 al 2000, sarà ricordato per aver riportato la Coppa dei Campioni a Madrid dopo 32 anni di astinenza. L’ex presidente del Real è stato ricoverato lo scorso 17 marzo a causa di febbre ed altri sintomi influenzali. Durante gli accertamenti in ospedale gli è stato poi diagnosticato il Coronavirus che, in pochi giorni, non gli ha lasciato scampo.


Lorenzo Sanz


Anche Fellaini positivo al COVID-19

22.03.20 – Il centrocampista dalla folta capigliatura, ex in particolare degli inglesi del Manchester Utd, milita attualmente con lo Shandong Luneng. Il giocatore belga, classe 1987, della Chinese Super League sarebbe risultato positivo ad un tampone effettuato pochi giorni fa, ovvero il 20 marzo.



Andrea Micheli è la prima vittima italiana del Coronavirus

22.03.20 – Il Coronavirus non accenna a fermarsi ed è di pochi istanti fa la notizia di un altro decesso nel mondo del calcio. Andrea Micheli, ex presidente della Pergolettese, è venuto a mancare in seguito a complicazioni provocate dal COVID-19,aveva 37 anni.



A tutti gli atleti il nostro più caro e sincero augurio di pronta guarigione.

Luigi Lodato
Luigi Lodato
Luigi Lodato nasce a Salerno nel 1993. Residente a Roccapiemonte, ridente cittadina dell'Agro, si avvicina al giornalismo ad inizio 2010 sulle onde radio di Radio Blue Star, grazie alla quale ottiene l'iscrizione all'albo dei pubblicisti nel 2012. Fino al 2015 è corrispondente e reporter per la radio e svariate testate giornalistiche dell'Agro. Ritorna a scrivere nel 2017 sul sito tematico Granatissimi e, dal 2018, entra nella famiglia di SalernoSport24 come redattore per divenire, in seguito, caporedattore e responsabile alle interviste. Qualche citazione, tanta imparzialità ed un pizzico d'ironia per invogliare alla lettura, buon viaggio sul nostro giornale!
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

Notizie popolari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: