martedì 16 04 24
spot_img
HomeFrontpageClaudio Ranieri nel post-partita: "Tre punti pesantissimi"
spot_img

Claudio Ranieri nel post-partita: “Tre punti pesantissimi”

spot_imgspot_img

Claudio Ranieri soddisfatto ai microfoni di DAZN per la vittoria del suo Cagliari contro la Salernitana. Ecco le sue dichiarazioni nel post-partita dell’Unipol Domus.

Ranieri: “Shomurodov oggi determinante”

«Questi tre punti pesano tantissimo perché li abbiamo ottenuti contro una squadra che gioca bene ed era riuscita a riaprire la partita. In quell’occasione ci siamo fermati un po’ troppo, pensavamo di averla già chiusa, ma così in Serie A non si va avanti. È un segnale importante per noi stessi, siamo in un buon momento di forma, abbiamo recuperato due giocatori importanti come Oristanio e Shomurodov e va bene così. Era importante prendere i tre punti e li abbiamo ottenuti facendo quattro gol. Sui due gol che abbiamo concesso dovevamo stare più attenti».

«In occasione dei due gol subiti c’è stato un blackout totale. Eravamo in controllo della partita perché sapevamo che la Salernitana voleva attirarci per colpire in contropiede, mentre noi li aspettavamo per fare altrettanto a loro. Abbiamo lasciato loro il pallino del gioco per poi essere rapidi e veloci nelle ripartenze, sfruttando gli spazi alle spalle della difesa avversaria. Peccato per i due gol subiti, non dovevamo prenderli. Qui si vede la squadra matura che riesce ad amministrare il vantaggio e decide di non far passare nulla. Invece, ne abbiamo presi due».

«Shomurodov oggi è stato determinante. Al suo arrivo non era ancora entrato nella nostra mentalità, ovvero quella di dover lottare per salvarsi. Quando è entrato in condizione ed ha assimilato il nostro credo calcistico si è fatto male, qui ha dovuto ricominciare tutto daccapo e adesso, finalmente, sta bene. Posso metterlo in campo perché è un ragazzo che ha velocità, ha tecnica, ha qualità e vede la porta».

«Lapadula è un leader e i leader servono perché senza di loro non si va da nessuna parte. L’ho sostituito perché ha subito un colpo al polpaccio e non ho potuto rischiarlo, vista l’emergenza infortuni in attacco. Va bene così, abbiamo vinto, abbiamo ottenuto tre punti importanti che metti in cascina in vista dei momenti difficili. Ora pensiamo al Monza, un’altra buona squadra che gioca un gran calcio. Dobbiamo stare attenti. Sono tutte partite importantissime, difficili e decisive. Solo così riusciremo a tirarcene fuori: tornando squadra ed essendo compatti, determinati nel voler giocare l’uno per l’altro».

«Gaetano aveva un leggero risentimento all’adduttore. Prima che peggiorasse ho preferito sostituirlo alla fine del primo tempo. Il suo è stato un arrivo decisivo, perché è un giocatore che gioca con serenità e tranquillità, ha tecnica e vede la porta. Mina è un valore aggiunto perché dà serenità a tutto il reparto difensivo, è un punto di riferimento, se ne stanno accorgendo tutti i suoi compagni di reparto».

«Era importante vincere contro la Salernitana perché abbiamo dato loro un bello schiaffo. Era importante giocare in un determinato modo e devo dire che i ragazzi mi hanno ascoltato».

spot_img
spot_img
spot_img

Notizie popolari