lunedì 22 04 24
spot_img
HomeCalcioDi Napoli, Cavese: "Budoni da non sottovalutare, dobbiamo continuare così"
spot_img

Di Napoli, Cavese: “Budoni da non sottovalutare, dobbiamo continuare così”

spot_imgspot_img

È intervenuto in sala stampa l’allenatore della Cavese Raffaele Di Napoli a ridosso della gara tra metelliani e Budoni, in programma domani alle 14.

Di Napoli, Cavese: “Domani step fondamentale”

La squadra arriva con l’entusiasmo giusto, dopo una buona prestazione e cercheremo di rigenerarci, non dobbiamo perdere entusiasmo perché dobbiamo continuare la cavalcata”. 

“Sicuramente il Budoni è consapevole che affronterà la capolista, raddoppieranno le forze, dobbiamo essere intelligenti e dobbiamo cavalcare l’onda dell’entusiasmo che si sta creando e che si è creata nelle scorse settimane e non dobbiamo perdere di vista come siamo arrivati a sei giornate dalla fine primi”.

La partita di domani e la situazione convocati

“Noi lavoriamo allo stesso modo, sia quando si perde e quando si vince vengono archiviate tutte in maniera veloce, domenica i ragazzi hanno dimostrato grande senso d’appartenenza e questo per me è un grande vantaggio, dobbiamo avere entusiasmo, perché potrebbe un altro mattoncino che ci avvicina all’obiettivo finale. Dobbiamo creare entusiasmo, dobbiamo avere l’appoggio del nostro pubblico e siamo sicuri che faremo una grande partita”. 

“Io penso che in questo momento qua Zenelaj e Magri staranno fuori per un po’ di tempo, Urso ha avuto un risentimento muscolare, dobbiamo valutare un attimo la situazione, la stanchezza si fa sentire, ma io credo che quando c’è l’entusiasmo si supera ogni ostacolo. Quando una squadra vince bisogna cavalcare l’onda, ho la fortuna di avere 24 ragazzi super disponibili e dobbiamo essere tutti pronti e che sta bene a livello mentale e fisico deve giocare, sicuramente ci saranno dei cambi e spero che chi entrerà dalla panchina dimostri che non merita di stare in panchina”.

Differenze tra l’arrivo e la sosta pasquale

“Domenica ho detto ai ragazzi che sono orgoglioso di loro, perché sto vedendo quei concetti che gli sto trasmettendo. Per me la differenza la fa la testa. Io sono qui da un mese e mezzo, sto trasferendo come ho detto prima le mie idee, i miei principi e i concetti di gioco che secondo me sono più efficaci e loro sono stati bravi a trasferirli in campo, nessun allenatore ha la bacchetta magica, sono soddisfatto della partecipazione dei ragazzi e sono contentissimo di quello che sto vedendo”. 

“Rispetto al mio arrivo trovo una squadra che ha fatto 4 vittorie, 1 pareggio e 1 sconfitta. Una squadra che ha una grande mentalità, sono soddisfatto e mi piace la maturità di questa squadra che nei momenti di difficoltà riesce ad uscire fuori. Le critiche nel calcio ci stanno, faccio l’allenatore e sono soggetto a critiche come mi prendo gli elogi, anzi finché son critiche costruttive ne faccio tesoro, ma le critiche gratuite non mi appartengono, non mi piacciono. I ragazzi hanno lavorato molto bene settimana scorsa, comunque abbiamo giocato un match difficilissimo e mi ritengo soddisfatto dei miei ragazzi”:

spot_img
spot_img
spot_img
Ugo D'Amico
Ugo D'Amico
Classe 1996, giornalista pubblicista dal 2022 e prossimo alla laurea in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Nato praticamente con una palla tra i piedi, ma vista la scarsa qualità il sogno ora è di raccontare le mille emozioni che regala quel magico prato verde. Sono cresciuto seguendo le gesta di: Del Piero, Buffon, Ronaldo, Messi e tanti altri. Appassionato di calcio locale, passione che permette di capire a 360° le innumerevoli sfaccettature che sono presenti in questo fantastico mondo.

Notizie popolari