lunedì 22 07 24
spot_img
HomeSalernitanaSalernitana, la rosa è ridotta all'osso: alcuni rientri potrebbero avere spazio in...
spot_img

Salernitana, la rosa è ridotta all’osso: alcuni rientri potrebbero avere spazio in Serie B

spot_img
spot_img

Mentre sono ancora da definire le questioni societarie, la prima deadline del calciomercato si avvicina: ancora pochi giorni per esercitare opzioni di riscatto e controriscatto dei granata in prestito.

Calciomercato, la rosa è stata spolpata: da chi ripartire?

La Salernitana, come ogni squadra retrocessa dalla massima categoria, s’appresta a mettere in svendita le grandi occasioni della propria rosa. Considerati i calciatori già andati via e quelli che certamente partiranno, l’organico risulta ridotto all’osso. Tuttavia i granata potrebbero avere dei possibili rinforzi già in casa.


Ti potrebbe interessare anche:


Salernitana, chi non torna a casa?

Il calciomercato pone le sue prime date limite: fino al 14 Giugno, infatti, potranno essere esercitati i riscatti di quei calciatori arrivati in granata con la formula del prestito.

All’ombra dello stadio ‘Arechi’ non faranno più ritorno Martegani, il cui ritorno al San Lorenzo potrebbe essere solo di passaggio,  e tre degli acquisti di Sabatini a gennaio: Weissman che rincasa al Granada, l’impalpabile Iron Gomis al Kasimpasa, e il giovane Vignato al Pisa.

Stesso discorso per quei calciatori che si erano legati alla Salernitana solo a titolo temporaneo: Pierozzi e Pellegrino tornano a Firenze e Milano, Conte attende Zanoli a Napoli e Baroni accoglierà Basic alla Lazio. Considerati i contratti non rinnovati dei centrali Boateng e Manolas e l’addio di Ochoa, le probabili cessioni di Coulibaly, Candreva e Dia decimeranno del tutto l’organico che l’anno prossimo affronterà la Serie B.

All’insegna della sostenibilità: il punto su chi è già in rosa

Invece, per quanto riguarda la possibilità di esercitare il diritto di controriscatto, il calciomercato impone la data limite al 17 Giugno. Da definire la situazione di Iannoni, giovane centrocampista pupillo di Sabatini riscattato dal Perugia ma su cui la Salernitana potrebbe esercitare il controriscatto versando 800k nelle casse degli umbri.

Resta in sospeso anche il futuro di Kaleb Jimenez, promettente calciatore passato in prestito all’Atalanta U23 in Lega Pro a Gennaio e su cui pende il diritto di riscatto e controriscatto da parte di bergamaschi e campani.

Bronn, Motoc, Sepe, Iervolino, Valencia e Bonazzoli, partiti con la formula del prestito secco, rientreranno a Salerno. Il portiere, arrivato per fare il secondo ma scavalcato da Mandas nella gerarchia per la porta biancoceleste, ha un ingaggio pesante e la sua posizione è da valutare.

Diverso è invece il discorso per il ‘Pistolero‘, su cui l’Hellas aveva un’opzione di riscatto al raggiungimento dei 10 gol con la maglia scaligera. L’attaccante, che ha messo a segno due sole marcature quest’anno, sarebbe senz’altro un pezzo pregiato per la cadetteria, ma il nodo ingaggio, e il fattore ambiente potrebbero portarlo lontano da Salerno.

Nel pacchetto arretrato, probabilmente rincaserà Lovato: la società di Cairo ad oggi difficilmente eserciterà il diritto di riscatto fissato a 4 milioni, complice la rottura del difensore con parte della tifoseria dopo i fatti di Superga.

Chi invece non farà ritorno, è Flavius Daniliuc, per cui la Salernitana continua a pagare le rate del cartellino al Nizza, e finito nel mirino del Celtic. Tuttavia, il Salisburgo sembra intenzionato a pagare i 5 milioni e mezzo del riscatto alla società del cavalluccio.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Notizie popolari