mercoledì 28 09 22
HomeCalciomercatoIervolino mette sul piatto 15 milioni per completare la rosa

Iervolino mette sul piatto 15 milioni per completare la rosa

- Advertisment -spot_img

Sono ore decisive per il calciomercato della Salernitana. Il presidente Iervolino mette a disposizione del DS, Morgan De Sanctis, ben 15 milioni per completare attacco e difesa della rosa di Nicola.

Iervolino vuole completare la rosa della Salernitana

Iervolino ha incaricato DS De Sanctis di acquistare un attaccante e un difensore, ma nelle ultime ore si sta parlando anche dell’arrivo di un centrocampista. L’obiettivo della Salernitana è quello di una salvezza ‘più’ tranquilla rispetto a quella della scorsa stagione, e di un susseguente consolidamento di un posto in Serie A.

Salernitana e Dovbyk

La società granata e l’allenatore Nicola sarebbero interessati ad Artem Dovbyk, 25enne ucraino, attaccante del Dnipro e della nazionale ucraina. Il calciatore, per le sue caratteristiche offensive sarebbe fortemente voluto anche dal Torino. La società torinese, infatti, ha offerto un milione di euro per il prestito con 6/7 milioni per il riscatto, mentre i granata hanno ritoccato in alto l’offerta. Dovbyk sarebbe un ottimo colpo per rimpiazzare Djuric, andato all’Hellas Verona.

Salernitana e Volpato

Altro nome in lista per il calciomercato granata è quello di Cristian Volpato, centrocampista della Roma. Il giocatore, classe 2003, avrebbe anche suscitato l’interesse del Sassuolo. Volpato è considerato da Totti ‘come un fratello’ per ammissione dell’ex capitano giallorosso. Arrivato quasi per una serie di casualità alla Roma, il giovane italo-australiano ha segnato il suo primo gol in serie A nello scorso campionato, allo stadio “Olimpico”, alla sua seconda presenza nella squadra giallo-rossa, consentendo alla Roma di rimontare così contro il Verona.


Potrebbe interessarti anche:


Volpato ha frequentato la scuola calcio di Tony Basha: l’Australasian Soccer Academy. Fabrizio Piccareta, allenatore di calcio delle giovanili della Roma, racconta di come Basha lo avesse chiamato dicendogli di aver trovato nell’Accademy “un ragazzo di origini italiane con un tocco, un modo di muoversi, non normale”.

- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

Notizie popolari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: