mercoledì 28 09 22
HomeFrontpageBologna-Salernitana: il racconto del match del "Dall'Ara"

Bologna-Salernitana: il racconto del match del “Dall’Ara”

- Advertisment -spot_img

Allo stadio “Dall’Ara” Bologna e Salernitana hanno battagliato nella partita valida per la quarta giornata della Serie A 2022-2023. Ecco il racconto del match.

Bologna-Salernitana: il racconto del match

I padroni di casa arrivano con un solo punto dopo tre giornate, ma il calendario non ha aiutato i felsinei. Gli uomini di Mihajlovic hanno incontrato, infatti, ben due big del nostro campionato: Lazio e Milan. Con entrambe è arrivata una sconfitta. Contro i biancocelesti stavano vincendo, ma l’espulsione di Soumaoro ha cambiato la partita, favorendo Sarri e i suoi. Contro il Verona, invece, un pareggio e un’altra espulsione, stavolta di Orsolini. Insomma, un avvio non semplice. Il mister dei rossoblù opta per qualche novità nell’undici titolare: oltre ad un cambio di modulo (non un 3-5-2, ma un 3-4-2-1), Mihajlovic lascia in panchina giocatori di solito utilizzatissimi: Soriano, Barrow, Orsolini, De Silvestri.

I granata arrivano con la consapevolezza di essere una squadra nuova e forte. L’avvio è stato incoraggiante: sconfitta di misura contro la Roma, pareggio che lascia l’amaro in bocca in casa dell’Udinese e la convincente vittoria per 4-0 contro la Sampdoria. La Salernitana arriva a Bologna con la voglia di confermarsi, per dimostrare di poter lottare anche per le posizioni di metà classifica. L’obiettivo di Nicola (e della società) non è più una salvezza ‘sudata’, ma tranquilla. L’unico cambio nella formazione riguarda la fascia, con Candreva che resta a riposo e parte dalla panchina in seguito ad un colpo alla caviglia subito in allenamento. Nessuna preoccupazione, è soltanto prudenza in vista della partita di lunedì 5 settembre contro l’Empoli. Al suo posto Bradaric, che va sulla sinistra: Mazzocchi torna, così, sulla sua fascia di competenza.

Nel primo tempo una buona Salernitana riesce a tenere testa ai padroni di casa. I granata controllano maggiormente il gioco, andando più volte vicini al vantaggio. Il Bologna risponde con azioni in contropiede. Nella ripresa cambia musica: le sostituzioni effettuate da Mihajlovic sono efficaci. I rossoblù comandano e passano in vantaggio, ma la reazione degli ospiti arriva. Anche Nicola apporta delle modifiche funzionanti e nel finale arriva il pareggio firmato Dia, alla sua seconda rete consecutiva.

PRIMO TEMPO

Entrambe le squadre si rendono pericolose ogni volta che salgono, già nei primissimi minuti. Sia Sepe che Skorupski sono chiamati ad intervenire. Con il passare dei minuti cresce la squadra di Nicola, che va alla conclusione diverse volte e dimostrando di meritare qualcosina in più rispetto ai padroni di casa.

Dia sfiora il vantaggio: un pallone velenoso attraversa l’area e viene sporcato da Soumaoro, che riesce a toglierlo dalla disponibilità dell’attaccante. Skorupski era uscito, lasciando la porta scoperta. Un semplice tocco sarebbe bastato per depositare il pallone in rete, ma il senegalese viene ‘ingannato’ dall’intervento (quasi) a vuoto del difensore avversario.

Dopo i tentativi della Salernitana, anche il Bologna si fa vedere pericolosamente nelle zone di Sepe. Al 24′ Sansone riceve palla in un contropiede e va alla conclusione, ma il potente tiro è alto.

La Salernitana mantiene maggiormente il possesso, ma il Bologna rischia di pungere in contropiede. E proprio su un’altra ripartenza, al 36′, Sansone prova un diagonale rasoterra, che va di poco al lato. Il numero 10 felsineo si riconferma il più pericoloso dei suoi.

Al 41′ miracolo di Sepe, ancora su Sansone. Dia fa un errore gravissimo e consegna palla all’attaccante del Bologna, che si ritrova tutto solo contro l’estremo difensore granata. Quest’ultimo è bravissimo e reattivo ad evitare il gol del vantaggio rossoblù.

SECONDO TEMPO

Mihajlovic non è contento dei suoi. Sono ben tre i cambi effettuati al ritorno in campo, e subito si vedono i risultati: Lykogiannis crossa per la testa di De Silvestri, che sfiora il palo al primo minuto della ripresa. Il Bologna si ripete un paio di minuti dopo, con Soriano che sempre di testa va vicino al vantaggio.

GOL DEL BOLOGNA!

Arnautovic segna su rigore al 52′. Gyomber stende Sansone con un intervento sconsiderato. L’attaccante rossoblù è freddissimo sul dischetto e spiazza Sepe. Ottimo Bologna nell’inizio della ripresa, è un’altra squadra quella scesa in campo nel secondo tempo.

Anche Nicola cambia sulla fascia: Mazzocchi torna a sinistra, come nelle partite precedenti, e Candreva prende il posto di uno spento Bradaric. La Salernitana torna a farsi vedere dalle parti di Skorupski, così come torna ad essere padrona del campo.

Le due squadre attaccano (e lo fa maggiormente la Salernitana) ma non si fanno del male, sprecando negli ultimi 16 metri. Nicola decide di cambiare modulo nell’ultimo quarto d’ora, togliendo Bronn e inserendo Valencia.

GOL DELLA SALERNITANA!

Dia insacca il pallone al minuto 88! Candreva fa un ottimo dribbling a rientrare sul sinistro, va al tiro e Skorupski respinge. L’attaccante granata è, però, prontissimo ad approfittarne, e da classico rapace dell’area di rigore chiude il tap-in.

La partita termina in parità. Un buon pareggio per la Salernitana, che in casa di un Bologna alla ricerca della prima vittoria del campionato riesce a resistere dopo un avvio di secondo tempo tutt’altro che positivo.

Il tabellino del match

Bologna (3-4-2-1): Skorupski; Soumaoro, Medel, Lucumì; Kasius (dal 46′ De Silvestri), Dominguez (dall’81’ Aebischer), Schouten, Cambiaso (dal 46′ Lykogiannis); Vignato (dal 46′ Soriano), Sansone (dal 74′ Orsolini); Arnautovic. A disp.: Bardi, De Silvestri, Lykogiannis, Mbaye, Amey, Ferguson, Urbanski, Orsolini, Raimondo, Soriano, Aebischer, Barrow, Bonifazi, Angeli, Sosa, Moro. All.: S. Mihajlovic.

Salernitana (3-5-2): Sepe; Bronn (dal 76′ Valencia), Gyomber, Fazio; Mazzocchi, Maggiore, Coulibaly, Vilhena, Bradaric (dal 54′ Candreva); Bonazzoli (dal 63′ Botheim), Dia. A disp.: Fiorillo, Micai, Motoc, Candreva, Sambia, Pirola, Kastanos, Capezzi, Valencia, Iervolino, Botheim, Kristoffersen. All.: D. Nicola.

Marcatori: 52′ Arnautovic (rig.), 88′ Dia
Corner: 1-8
Ammoniti: 51′ Gyomber, 64′ Medel, 65′ De Silvestri, 82′ Vilhena

Arbitro: Davide Ghersini di Genova
Assistenti: Edoardo Raspollini (sez. Livorno) – Fabio Schirru (sez. Nichelino)
IV uomo: Davide Massa (sez. Imperia)
VAR: Aleandro Di Paolo (sez. Avezzano)
AVAR: Antonio Di Martino (sez. Teramo)

I numeri del match

46 54

Possesso palla

11 20

Tiri 

10 11

Falli

- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

Notizie popolari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: