lunedì 27 05 24
spot_img
HomeSportBASKETBattipagliese eliminata dai play-off di Serie D
spot_img

Battipagliese eliminata dai play-off di Serie D

spot_img
spot_img

Mercoledì sera il secondo capitolo delle semifinali play-off nel campionato di basket di Serie D. Gara da dentro o fuori per la Polisportiva Battipagliese.

Il secondo turno dei play-off della Serie D di basket

Ancora rimpianti per ciò che non è stato: la Polisportiva Battipagliese fuori dai play-off della Serie D di basket dopo il 55-60 subito in casa per mano di una Bio Verde Antoniana tremendamente concreta nei momenti-chiave di gara-2.

Finisce così l’avventura dei biancoarancio che, dopo un inizio disastroso sotto la guida di Luca Cosentino, ha imboccato la strada giusta con Franco Ghilardi. Il coach lombardo non ha soltanto ricostruito la fiducia di un gruppo uscito a pezzi dai primi due mesi della nuova stagione – iniziata con l’eliminazione dalla Coppa Campania di cui Battipaglia era detentrice – ma ha contribuito in maniera significativa alla crescita dei giocatori più giovani.

Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto dopo la serie contro i vesuviani? Per come sono andate le cose, i biancoarancio hanno perso un’occasione per arrivare in finale: al di là dello sfortunato epilogo di gara-1 (sfuggita dalle mani a 3 decimi dalla sirena), il quintetto allenato da Aldo Festinese ha risolto entrambe le gare con il mestiere e l’esperienza dei suoi uomini di punta, senza tuttavia mostrare un potenziale da prima della classe.

L’eliminazione della Polisportiva

I napoletani ribattono alla tripla inaugurale di Scolpini con i canestri di Salvatore e Mandarino (3-4 dopo 2′). La Polisportiva compensa le difficoltà a rimbalzo con il tiro da 3: Capaccio e Corvo fissano la parità a quota 11. Con l’ingresso del fratello d’arte Nino Alford, però, il quintetto della Piana può esplorare con maggiore assiduità l’area avversaria: 4 punti di fila dell’italo-americano, a cui rispondono Mandarino e Giordano. 15-15.

Al rientro sul parquet, Antoniana un po’ frastornata dalle incursioni in area di Alford e Corvo, ma l’onda biancoarancio si infrange contro una difesa a uomo che obbliga i tiratori di casa a forzare di continuo. Inoltre, gli ospiti muovono meglio la palla sul perimetro, spingendosi fino al +7 (19-26) sull’asse Somma-Attianese. Ambrosano prova a salvare il bilancio, ma un contropiede di Salvatore a fil di sirena proietta la Bio Verde sul 22-31.

Le percentuali in discesa libera – sommate alle palle perse – azzoppano i padroni di casa, che si aggrappano alle spalle robuste di Alford per muovere il tabellone. Tuttavia, l’Antoniana sembra intenzionata a prenotare in anticipo il viaggio di ritorno dopo l’uno-due sferrato da Somma e Giordano: 26-38 al quarto d’ora.

Con un piede penzolante nel vuoto, la Polisportiva reagisce con i suoi uomini di punta: parziale di 7-0 aperto da Corvo e sigillato da un tiro pesante di Capaccio, 3 punti da recuperare (35-38 al 17′). Finale di quarto a dir poco elettrico: Ghilardi espulso per proteste dagli arbitri che avevano appena fischiato un fallo assai dubbio a Alford; Volpe e Corvo (con un gioco da 3 punti) rispondono a Salvatore, 43-46 all’ultimo intervallo.

La Polisportiva interpreta in maniera impeccabile le prime scene del quarto periodo: difesa caparbia ma corretta sui lunghi avversari, circolazione di palla più fluida per sfondare in attacco. Corvo accende la freccia con 4 punti consecutivi in apertura, Volpe segna addirittura il +3: 49-46 al 33′ per la gioia del pubblico del PalaZauli, mai così numeroso dall’inizio del campionato.

Tutto sembra volgere al meglio quando l’Antoniana approfitta di due errori da matita blu della difesa salernitana per colpire dai 6.75: Cascone e Somma ringraziano, vantaggio esterno sul 49-52. Incassato il -4 per mano di Salvatore, la Polisportiva ha un nuovo sussulto d’orgoglio che le consente di ribaltare ancora una volta la tavola già apparecchiata: Corvo fila via in velocità e regala alla Polisportiva il 55-54 al 38′.

I biancoarancio hanno persino l’opportunità di allungare con Volpe, ma l’esterno di Battipaglia difetta di lucidità a pochi passi dal ferro. Di contro, gli ospiti non sbagliano più alcunché: Cascone punisce in penetrazione (55-56) per poi ripetersi a cronometro fermo dopo che Alford aveva sprecato un comodo lay-up. L’ultima replica di Battipaglia cade nel vuoto: ci pensa Salvatore a chiudere la serie in contropiede.


Potrebbe interessarti anche:


Gli altri risultati

Serie D/Play-off, secondo turno. Gara-2
17.05.23 20:30 Polisportiva Battipagliese 55-60 (serie: 0-2) Bio Verde Antoniana
17.05.23 21:00 Casal di Principe 69-65 (serie: 1-1) CarBat Matese
17.05.23 21:00 Enjoy Basket Arzanese 77-85 (serie: 0-2) SLZ Solofra
17.05.23 21:00 Sporting Club Torregreco 70-86 (serie: 0-2) AA&S Barra
Serie D/Play-off, secondo turno. Gara-3
20.05.23 20:30 CarBat Matese 76-65 (serie: 2-1) Casal di Principe
spot_img
spot_img
spot_img
Carmine Marino
Carmine Marino
Nato a Battipaglia nel 1986, dal 2004 si è occupato di cronaca, attualità, cultura e sport per «Il settimanale Unico» e «Il Quotidiano della Basilicata». Telecronista di calcio, basket, calcio a cinque e pallavolo per alcune televisioni locali del Basso Salernitano, dal 2016 è speaker di manifestazioni sportive amatoriali di atletica e ciclismo, per le quali cura anche le attività di ufficio stampa. Già collaboratore fisso del «Il Quotidiano del Sud - L'altravoce dei ventenni» e di ventiblog.com, attualmente è caporedattore di SalernoSport24 per gli sport di squadra e le discipline olimpiche. Dal 4 dicembre 2023, è iscritto all'albo dei giornalisti pubblicisti della Campania. Insegnante di italiano e storia nelle scuole superiori, ha pubblicato saggi e recensioni in volumi collettanei e su riviste di storia contemporanea. Dalla primavera del 2023 è socio della Società italiana di storia dello sport.

Notizie popolari