venerdì 31 05 24
spot_img
HomeMagazineAlberto Pallotta ricorda in un libro gli stranieri che giocarono in A...
spot_img

Alberto Pallotta ricorda in un libro gli stranieri che giocarono in A con la Salernitana

spot_img
spot_img

Bolic, Kolousek, Kristic, Song: i quattro stranieri che hanno vestito la maglia della Salernitana nella stagione 1998-99 ricordati da Alberto Pallotta nel monumentale Con questa faccia da straniero.

Gli stranieri della Salernitana in un’enciclopedia

Il ricordo dei giocatori stranieri che vestirono la maglia della Salernitana in un imponente volume dello scrittore Alberto Pallotta: Con questa faccia da straniero, pubblicato a fine 2020 da Ultra Sport.

Il libro è dedicato ai calciatori d’oltreconfine che hanno giocato in serie A dal 1980, quando la Federcalcio dispose la riapertura delle frontiere, al 2000. Tre generazioni di campioni, meteore e bidoni raccontate attraverso statistiche e curiosità.

Pallotta, naturalmente, si sofferma anche sui quattro calciatori che hanno giocato con la Salernitana nella stagione 1998-99: gli ex jugoslavi Drazen Bolic e Aleksandar Kristic, il ceco Vaclav Kolousek e il camerunense Rigobert Song.

Prelevato dal Metz prima dei Mondiali del 1998, Song non ebbe però grande fortuna con i granata e fece ben presto le valigie. Tuttavia, il suo nome è rimasto nella memoria perché il difensore del Camerun segnò il primo gol in assoluto dei granata in campionato (Roma-Salernitana 4-1). Ancora più curiosa è la storia di Kristic: assaggiò la serie A per una manciata di minuti, ma fece comunque in tempo a segnare la rete del 4-0 al Bologna.

L’omaggio a Masinga

Benché non abbia difeso i colori granata nel campionato 1998-99, un idolo del pubblico dell’Arechi fu certamente il sudafricano Philemon Masinga, morto a soli 49 anni nel 2019. Ingaggiato nel corso della stagione 1996-97, Masinga contribuì alla salvezza della squadra allenata da Franco Varrella per poi spiccare il volo verso la massima serie.

Pallotta ricorda un aneddoto divertente della sua lunga esperienza al Bari. Una mattina, Masinga si presenta in ritardo alla seduta di allenamento, suscitando le ire di Eugenio Fascetti. Quando gli riferiscono che il mister è arrabbiato nero, l’attaccante dà una risposta irresistibile:

«Nessun problema. Anche io nero».


Potresti essere interessato a:

 

spot_img
spot_img
spot_img
Carmine Marino
Carmine Marino
Nato a Battipaglia nel 1986, dal 2004 si è occupato di cronaca, attualità, cultura e sport per «Il settimanale Unico» e «Il Quotidiano della Basilicata». Telecronista di calcio, basket, calcio a cinque e pallavolo per alcune televisioni locali del Basso Salernitano, dal 2016 è speaker di manifestazioni sportive amatoriali di atletica e ciclismo, per le quali cura anche le attività di ufficio stampa. Già collaboratore fisso del «Il Quotidiano del Sud - L'altravoce dei ventenni» e di ventiblog.com, attualmente è caporedattore di SalernoSport24 per gli sport di squadra e le discipline olimpiche. Dal 4 dicembre 2023, è iscritto all'albo dei giornalisti pubblicisti della Campania. Insegnante di italiano e storia nelle scuole superiori, ha pubblicato saggi e recensioni in volumi collettanei e su riviste di storia contemporanea. Dalla primavera del 2023 è socio della Società italiana di storia dello sport.

Notizie popolari